Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I dinosauri assaltano le Nazioni Unite per discutere del cambiamento climatico: “Abbiamo avuto un asteroide. Qual è la tua scusa?”

Un allarme rosso per l’umanità. Di fronte ai timori che la conferenza sul clima COP26 che inizierà domenica sarà inondata, gli appelli a fare di più e più velocemente per frenare il riscaldamento globale stanno cadendo sui leader di un mondo già vittima di disastri a catena.

La Siberia e la California sono state devastate dalle fiamme, enormi inondazioni in Germania o Belgio e un’ondata di caldo furioso in Canada… Mentre il pianeta ha guadagnato circa 1,1°C dall’era preindustriale, gli esseri umani stanno già sperimentando gli effetti drammatici dell’aumento temperature. causato.

E questo è solo l’inizio, hanno avvertito gli scienziati, i quali sottolineano che ogni grado in più porterà la sua parte di nuovi disastri.

È stato anche riassunto in un video delle Nazioni Unite di un dinosauro CG che assalta la Sala dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: “Almeno abbiamo avuto un asteroide, qual è la tua scusa? Non scegliere l’estinzione, salva la tua specie prima che sia troppo tardi.”

Di fronte al futuro apocalittico previsto dai climatologi delle Nazioni Unite (IPCC), la soluzione è chiara: ridurre le emissioni di gas serra del 45% entro il 2030 per limitare il riscaldamento a +1,5°C, l’obiettivo più ambizioso dell’Accordo di Parigi, e continuare raggiungere la neutralità dell’anidride carbonica intorno al 2050.

Ma secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite, anche con i nuovi impegni dei Paesi per il 2030, il pianeta si sta dirigendo verso un riscaldamento “catastrofico” di + 2,7 gradi Celsius.

“Patatine fritte”

“La follia fa sempre la stessa cosa e si aspetta un risultato diverso.” Miles Allen dell’Università di Oxford ha parafrasato sarcasticamente Einstein, osservando che al ritmo attuale, i presunti risultati per il 2030 arriveranno solo Negli anni Ottanta del secolo scorso.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres insiste che i governi “non sono all’altezza del compito”, puntando il dito contro il G-20, che rappresenta i tre quarti delle emissioni globali e che si riunisce al vertice questo fine settimana a Roma.

READ  Con o contro la tessera sanitaria? In Svizzera le autorità chiedono il parere dei cittadini, e sono le benedizioni che vincono

“È assolutamente essenziale che tutti i paesi del G20 diano contributi compatibili a +1,5° C prima di Glasgow o a Glasgow”, Il signor Guterres ha insistito, ‘Molto preoccupato’ In vista della COP26.

Stessa storia con i regolatori britannici. “Sono molto preoccupato, perché potrebbe succedere così maleIl primo ministro Boris Johnson ha annunciato questa settimana senza perdere la speranza.

La Cina, il più grande emettitore al mondo, deve ancora prendere i suoi impegni ufficiali. Ma anche i paesi che lo hanno fatto possono e dovrebbero rafforzarlo, affermano gli esperti.

Nel tentativo di dare una forte spinta politica alla conferenza di due settimane a Glasgow, in Scozia, dove lunedì e martedì sono attesi più di 120 leader, tra cui l’americano Joe Biden, l’indiano Narendra Modi, il francese Emmanuel Macron e l’australiano. Scott Morrison, o il canadese Justin Trudeau.

Ma non è il presidente russo Vladimir Putin, né la regina Elisabetta II, a soccombere “con rammarico” dopo essere stata ricoverata in ospedale.

Per il presidente Xi Jinping, anche se non ha lasciato la Cina dall’inizio dell’epidemia di COVID-19, il capo della COP26 Alok Sharma spera ancora nel suo arrivo.

Per fare pressione sui leader, Extinction Rebellion e altre organizzazioni hanno in programma di agire durante la COP, in Scozia o altrove, e stanno invitando la giovane attivista svedese Greta Thunberg a unirsi a lei a Glasgow il 5 novembre per una manifestazione”Giustizia climatica”.

“una questione di sopravvivenza”

Questa questione della giustizia è al centro di questa conferenza globale sul clima che è stata rinviata di un anno a causa della pandemia, ma poiché viene condannata la disuguaglianza di accesso legata al Covid-19 da parte delle organizzazioni della società civile, un legame chiave in questo clima enorme.

READ  Una delle sottovariabili della variabile delta è strettamente monitorata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità

Tra i temi esplosivi legati a questa giustizia c’è la solidarietà tra il Nord, responsabile del riscaldamento globale, e il Sud, in prima linea di fronte agli effetti del cambiamento climatico – ma anche del Covid-19.

Più specificamente, la promessa non mantenuta dei paesi sviluppati di aumentare i loro aiuti ai paesi poveri a $ 100 miliardi all’anno entro il 2020 per adattarsi alle conseguenze e ridurre le emissioni di gas serra.

Il rapporto presentato questa settimana dalla Presidenza della ventiseiesima sessione della Conferenza delle Parti, che assicura che il numero raggiungerà i 100 miliardi nel 2023 per poi superarli ogni anno, non ha ammorbidito la rabbia dei Paesi più vulnerabili, lontano da esso.

“È un colpo terribile per il mondo in via di sviluppo”, Walton Whipson, che presiede l’Alliance of Small Island States (AOSIS), ha denunciato. Per queste isole in prima linea di fronte agli oceani in aumento, l’assistenza finanziaria è “questione di sopravvivenza, ha insistito.

Altri temi controversi al centro di due settimane di discussioni, l’uscita dai combustibili fossili, in particolare il carbone, l’accelerazione necessaria per adattarsi agli effetti del riscaldamento globale, o le trattative per completare la guida all’uso dell’Accordo di Parigi, in particolare per quanto riguarda il funzionamento dei mercati del carbonio .

“La COP26 è l’occasione perfetta per i paesi per dimostrare di aver imparato la lezione dai recenti disastri climatici”, riassume Anid Velasco, membro del Climate Action Network, che comprende centinaia di ONG.