Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guillaume Meurice, ovvero la storia dell'uomo che raccontò una barzelletta e finì in pigiama

Guillaume Meurice, ovvero la storia dell'uomo che raccontò una barzelletta e finì in pigiama

Il 29 ottobre 2023, come ogni domenica, Guillaume Meurice si unisce agli studi di France Inter e alla squadra di Charline Vanhoenacker. Mancano due giorni ad Halloween e la sua rubrica quella sera riguarderà i travestimenti spaventosi. Il comico è andato anche ad incontrare i bambini per raccogliere qualche idea. ““È stato il più bello dell'anno.”Disse ridendo dall'altra parte del telefono. “Mi sono detto che lì non potevano esserci polemiche. Ho un naso, eh?”

Nell'introduzione pronuncia una breve frase che lo porterà, dopo qualche settimana, in questura. E cita”Il camuffamento di Netanyahu “Primo Ministro israeliano”Una specie di nazista, ma senza prepuzio”.. Anche se il resto della rubrica lascia parlare i ragazzi, il “danno” è stato fatto e la macchina mediatica corre. Denunce, minacce, commenti, commenti, commenti, Guillaume Maurice si ritrova nell'occhio del ciclone. Per tre settimane fino alla sua comparizione presso la sede della Procura.

Oggi è tornata la calma e la ribelle France Inter pubblica un libro. Nell'orecchio dell'uraganoChi segue in questi giorni li considera surreali. Una testimonianza piena di umorismo – questo è il suo mestiere – che mira non a fornire risposte, ma almeno a sollevare domande.

Le polemiche si sono calmate (un po'), quindi è tornata la calma?

Sì, mi sento meglio. È durata ben tre settimane, ma è stata molto intensa. Poi mi sono calmato. Ora è il momento della giustizia. Quindi, stiamo guardando a molto tempo, anche a molto tempo. Ho presentato tre ricorsi. Ho una denuncia per insulto pubblico da quando un rappresentante mi ha chiamato”.“Alcuni parassiti antisemiti”. Per quanto riguarda le minacce di morte, alla Questura ho fatto una quindicina di minacce. Poi c'è il ricorso contro il mio datore di lavoro, dove Radio France mi ha ammonito. Cosa che contesto al Tribunale del Lavoro. Dalla parte della difesa ci sono due denunce nei miei confronti da parte di due associazioni. Accusato di insulto pubblico e incitamento all'odio razziale. Idem, è in corso. Ecco perché sono stato intervistato da PJ. È stato allora che ho avuto l'idea di scrivere questo libro. Tutto questo sarà molto lungo.

READ  Coprifuoco a Kherson vicino alla linea del fronte da venerdì per 58 ore

L'origine delle lacrime, il nuovo lavoro di Jean-Paul DuBois, è toccante, allucinatorio e divertente

Svolgi ancora il tuo lavoro normalmente? Non ti ripeti ogni mattina che riceverai una convocazione nella tua casella di posta?

No, perché delle convocazioni non mi interessano. Esatto, faccio il mio lavoro e basta. Dopodiché, ci sono stati molti trolling, commenti, commenti, commenti. Abbiamo detto un po' di tutto e di tutto. C’era molto panico, codardia ed entusiasmo. È un po' un cocktail esplosivo di tutto questo. Ma ritengo di aver appena fatto il mio lavoro e che continuerò a farlo. Se le persone sono scioccate dallo scherzo, beh… sono scioccate dallo scherzo. Ci sono altri che non si scandalizzano, altri che ridono e altri che lo trovano stupido. Vita cosa. Quindi, non è cambiato molto. Se solo ora, quando dico la parola “Prepuzio” In una rubrica… (Lui ride) La gente aspetta di scoprire chi è il prepuzio, questo crea un po' di suspense!

Pensi a potenziali controversie quando scrivi i tuoi articoli?

Oh no, sinceramente no. Perché non scrivo mai “secondo”. Non lo dico a me stessoEhi, lo farò perché ci saranno polemiche.”. Ma l’antisemitismo resta un argomento tabù in Francia. È un paese che ha cooperato troppo e non ha risolto nulla della sua storia. Come avviene in molti paesi, ma in Francia in particolare. Tutte le élite, comprese quelle economiche, hanno collaborato. Dopo la guerra, tutti furono riqualificati per la “modalità”“Dai, dimentica tutto e continua come prima.”. Sappiamo quindi, quando affrontiamo questo argomento, che tocchiamo qualcosa di molto sensibile nel subconscio o nella coscienza collettiva francese. Ma non l'ho fatto per quello. Era solo una battuta giornalistica, come faccio di solito, in reazione a ciò che sta accadendo a Gaza, ovviamente. Le persone mi hanno parlato molto del contesto: beh, sì, racconto barzellette di attualità e tengo a mente il loro contesto. I giornalisti mi hanno detto che se facessi questa battuta adesso, sarebbe meglio. Resta inteso che ora ci sono 30.000 morti. Ma allora erano già 10mila e non so quanti morti dobbiamo aspettare per scherzare su Netanyahu.

READ  Allerta aerea in Ucraina, esplosioni in diverse città, Leopoli al 90% senza elettricità: “lanciati oltre 120 missili”

L'ultima riga del tuo libro dei ringraziamenti è diretta a Netanyahu, che ringrazi perché senza di lui non avresti fatto la copertina Telerama. Quindi non dovresti rinunciare a nulla?

Non mollare, questo è il principio. Non vedo molti motivi per arrendersi. Non vedo cosa posso tralasciare. O forse dovrei fare qualcos'altro.

Sul retro della copertina del tuo libro si legge anche “Guillaume Meurice è un umorista”. Tu sei un po' più di questo, non è vero?

(Lui ride) È realistico. Ma abbiamo voluto scrivere questo per ricordare alla gente che sono prima di tutto un comico. Il libro rientra nell'ambito di questa professione. Il che, tra l'altro, è un po' strano, perché significa pagare l'affitto raccontando barzellette. Tutto questo mi diverte. La cosa ancora più divertente è che di solito scrivo di notizie e, per una volta, sono io. (Lui ride) In quel periodo ho detto molto che avrei mantenuto il corso. Non è il panico degli altri a determinare il mio comportamento.

Ho anche scritto che questo libro non ha lo scopo di trovare risposte, ma piuttosto di valutare domande. Ciò ha innescato qualcosa? Speri che abbia questa virtù?

Sì, lo desidero. Sono un ottimista per natura e non mi vedevo dare risposte definitive. I buoni, i cattivi, i buoni, i cattivi. Piuttosto, mette in discussione gli equilibri di potere. E se guardiamo a ciò che sta accadendo ora nella nostra comunità, la Coalizione per i Diritti… quando vediamo il Raggruppamento Nazionale marciare contro l'antisemitismo, abbiamo ragione nell'assurdità della realtà. Questo è piuttosto ciò che volevo chiedermi. L'ho scritto come testimonianza di quanto mi è accaduto, certo, ma anche come testimonianza parallela a quanto sta accadendo oggi. Fino a che punto l’estrema destra è in grado di imporre sistematicamente i propri temi nel dibattito pubblico? La particolarità della mia argomentazione è che è stata lunga. C'era PJ ed è stato intenso. Ma a parte questo, questi sono i meccanismi che troviamo sempre più regolarmente.

“Atmosfera pesante e chiusa”: la battuta del comico Guillaume Meurice su Netanyahu ha fatto venire la pelle d’oca a Radio France

READ  Jade viene attaccata con un martello dalla sua rivale estremamente gelosa, "Quando ci siamo baciati..."

Come ti sei sentito quando hai ricevuto tutte queste minacce tramite social media, e-mail, ecc.? ? A disagio e arrabbiato?

Ci sono un po' abituato perché sono in radio da molto tempo, e qualunque siano gli argomenti di attualità – infatti il ​​conflitto israelo-palestinese è un po' più teso del solito – sappiamo che i social network non sono noti per la loro grande moderazione. Non faccio questo lavoro per piacere, soprattutto. Sto molto bene, sono ben circondato, ho amici e la mia vita sentimentale va bene. Non cerco conferma sociale. Quindi non mi tocca particolarmente. C'era solo una cosa complicata: il mio numero di cellulare personale era trapelato e non potevo più usare il telefono. Quindi era noioso ma in un modo molto artistico. Ma cosa posso dire riguardo al ricevere minacce e insulti? Questa è la stupidità umana fondamentale. Ad alcuni ho risposto e lì, è sempre lo stesso, quando rispondiamo, improvvisamente si calmano. Qualcuno chiede perdono. Ci sono stati molti malintesi. Molte persone pensavano che fossi un giornalista e che avessi disegnato una scena di cinque minuti su Netanyahu.

In che modo questo libro ti è stato utile personalmente? Era questo un modo per sottolineare l'assurdità del mondo, esattamente?

È stato il caporedattore della trasmissione, Ramzi Assadi, a chiedermi di prendere appunti. Gli raccontavo delle storie e lui mi ha suggerito che forse un giorno avrei fatto qualcosa con quelle. È stato proprio PJ a farmi decidere di scrivere il libro. Innanzitutto amo scrivere, molto egoisticamente. E penso anche che sia una testimonianza che può essere un po' utile, un po' interessante su dove siamo, in Francia, un paese di diritti umani. E poi, volevo intrattenere un po' la gente con tutta questa storia. Infine, porta soldi a Medici del Mondo (Il copyright dell'intera opera è stato ceduto all'organizzazione, ndr) Questo non è disgustoso.

  • Nell'orecchio dell'uragano, una testimonianza umoristica, Guillaume Morris, Sewell, 176 pagine, 16 €