Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gaza: Netanyahu afferma che i combattimenti “violenti” con Hamas a Rafah “stanno per finire”: Notizie

Gaza: Netanyahu afferma che i combattimenti “violenti” con Hamas a Rafah “stanno per finire”: Notizie

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto domenica che i “violenti” combattimenti a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove l’esercito israeliano sta conducendo un’offensiva di terra, “stanno per finire”.

Mentre domenica i bombardamenti israeliani hanno nuovamente colpito questi territori palestinesi devastati da più di otto mesi di guerra, il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant è arrivato negli Stati Uniti nel mezzo di una disputa sulle armi tra i due alleati.

Netanyahu ha dichiarato in un comunicato: “La fase intensiva della lotta contro Hamas sta per finire… Ciò non significa che la guerra sta per finire, ma che la guerra nella sua fase intensiva sta per finire a Rafah”. Intervista al canale israeliano 14.

Il Primo Ministro ha aggiunto: “Dopo la fine della fase intensiva, potremo ridistribuire alcune forze verso il nord, e lo faremo (…)”, sottolineando che “l’obiettivo è recuperare gli ostaggi e recuperare gli ostaggi.” Eliminare il regime di Hamas a Gaza.

Intanto cresce la pressione in Israele, dove decine di migliaia di persone hanno manifestato sabato sera per denunciare la condotta della guerra e chiedere la restituzione degli ostaggi ancora detenuti a Gaza.

La guerra è scoppiata in seguito al sanguinoso attacco del movimento islamico palestinese Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre, durante il quale decine di persone sono state rapite e portate nella vicina Striscia di Gaza.

Israele ha promesso di distruggere Hamas, che controlla Gaza dal 2007, e ha lanciato un massiccio attacco contro i territori palestinesi assediati.

Testimoni oculari hanno riferito che domenica alcuni proiettili hanno colpito l’est, l’ovest e il centro della città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove l’esercito israeliano ha lanciato un attacco di terra dal 7 maggio. Gli aerei d’occupazione hanno bombardato Gaza City (nord), mentre i carri armati hanno bombardato il campo di Nuseirat (centro).

READ  L'uomo mangia gratis in un ristorante per sei anni: il re di Simba viene arrestato

Sabato, secondo l’esercito, aerei da combattimento hanno lanciato raid contro “dozzine di obiettivi terroristici nella Striscia di Gaza, comprese installazioni e infrastrutture militari”.

– Colloqui “critici” a Washington –

L’attacco di Hamas del 7 ottobre ha ucciso 1.194 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un censimento condotto dall’Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali. Quel giorno furono rapite 251 persone. In totale, secondo i militari, rimangono a Gaza 116 detenuti, 41 dei quali sono morti.

Secondo i dati del Ministero della Sanità del governo locale guidato da Hamas, le operazioni militari israeliane a Gaza hanno finora ucciso 37.598 persone, la maggior parte delle quali civili.

Mentre il rapporto tra Netanyahu e la Casa Bianca è testimone di una nuova ondata di tensione, Yoav Galant è partito per Washington per “discutere gli sviluppi a Gaza e in Libano”, ha detto.

Il fronte settentrionale di Israele, insieme al Libano, è stato teatro di un’escalation di colpi di arma da fuoco tra l’esercito israeliano e Hezbollah, alleato di Hamas, e le dichiarazioni ostili tra le due parti hanno fatto temere una guerra su vasta scala.

Il movimento sciita sostenuto dall’Iran ha annunciato domenica di aver preso di mira due siti militari israeliani con droni esplosivi, ferendo gravemente un soldato, in risposta all’uccisione di un leader di un gruppo islamico ad esso alleato, in un raid israeliano nel Libano orientale.

Il movimento ha anche pubblicato un nuovo video che mostra quelli che presenta come luoghi in Israele con le loro coordinate, senza specificarle, cinque giorni dopo aver rivelato le immagini della città di Haifa, scattate, dice, da un drone che ha sorvolato questo grande porto del nord. di Israele.

READ  Turchia: Erdogan riconosce una vittoria storica dell’opposizione alle elezioni municipali e promette di “rispettare la decisione della nazione”

Riferendosi alle relazioni con Washington, Gallant ha sottolineato in un comunicato stampa che “i legami con gli Stati Uniti sono diventati più importanti che mai”. Ha detto: “Le nostre conversazioni con i funzionari americani sono cruciali per (la continuazione della) guerra”.

C’è anche la disputa sulle spedizioni di armi americane, dopo che Benjamin Netanyahu ha criticato i ritardi nel loro trasferimento a Israele.

Ma domenica Netanyahu ha annunciato che questa “disputa” con Washington “sarà risolta nel prossimo futuro” durante una riunione di gabinetto. “(…) Alla luce di quanto ho sentito negli ultimi giorni, spero e credo che questa questione verrà risolta nel prossimo futuro.”

– “Espellere questo governo” –

Netanyahu, che afferma che Israele sta conducendo una “guerra per la sua esistenza”, è sotto pressione in patria.

Sabato a Tel Aviv più di 150.000 persone, secondo gli organizzatori, hanno scandito slogan contro il governo Netanyahu, chiedendo elezioni anticipate e la restituzione degli ostaggi, il più grande raduno dall’inizio della guerra.

“L’unico modo per ottenere un cambiamento qui è rovesciare questo governo, rovesciare gli estremisti”, ha detto Maya Fisher, una manifestante di 36 anni. “È ora di porre fine alla guerra, restituire gli ostaggi e salvare vite umane, sia sul lato israeliano che su quello palestinese”.

I negoziati per un cessate il fuoco vacillano e Netanyahu afferma che continuerà la guerra fino all’eliminazione di Hamas, che considera terrorista insieme agli Stati Uniti e all’Unione Europea.

Nei territori palestinesi, dove sono concentrati circa 2,4 milioni di persone, secondo le Nazioni Unite l’offensiva israeliana ha provocato una catastrofe umanitaria con il rischio di carestia.

READ  Questo albero famoso in tutto il mondo è stato "abbattuto deliberatamente"

“Più di un milione di persone sono costantemente in movimento” sperando di trovare un posto sicuro nella Striscia di Gaza mentre “nessun posto è sicuro”, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.