Agosto 9, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Europa sudoccidentale ancora soffocante e rovente: “Mi sento post-apocalittico”

Migliaia di vigili del fuoco hanno continuato la loro instancabile battaglia contro gli incendi in Francia e nella penisola iberica venerdì, mentre le temperature sono rimaste soffocanti venerdì mentre il nord del Regno Unito si preparava al caldo “forte” questo fine settimana.

Nel sud-ovest della Francia, dove da martedì due incendi hanno provocato più di 7.000 ettari, in particolare vicino alle dune turistiche di Dion Pilate, sulla costa atlantica, la situazione è “ancora non favorevole”, ha annunciato la prefettura della provincia. Gironda (sudovest).

E questi incendi, che da martedì hanno mobilitato mille vigili del fuoco, hanno portato all’evacuazione di 10mila persone.

Karen, residente a Cazaux, ha detto giovedì, prima di ordinare l’evacuazione precauzionale di questo villaggio vicino, Dune du Pilate, avvolta da un grande pennacchio di fumo e cenere appesa.

Un altro incendio è scoppiato giovedì pomeriggio a causa del passaggio di un treno, distruggendo almeno 300 ettari vicino ad Avignone, nel sud-est, prima che potesse essere riparato.

“Svegliati ancora qualche giorno”

In Portogallo, venerdì sono stati ancora mobilitati più di 2.000 vigili del fuoco per combattere in particolare quattro importanti focolai nel nord e nel centro del paese.

Se la situazione migliora un po’, le autorità hanno chiesto la massima cautela. Giovedì sera il presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa ha insistito sul fatto che “dobbiamo vigilare ancora per qualche giorno (…), prevenire è meglio che curare”.

Secondo la Protezione civile, questi incendi hanno provocato un morto e circa 60 feriti.

© AFP

Dall’inizio del 2022 in Portogallo sono stati bruciati poco più di 30.000 ettari, il numero più alto il 15 luglio dal 2017, anno segnato da incendi mortali che hanno causato un centinaio di vittime.

READ  Poutine appelle les Syriens à combattre in Ucraina: un aveu de faiblesse?

Nella regione spagnola dell’Estremadura, che confina con il Portogallo e dove dall’inizio della settimana sono bruciati migliaia di ettari, giovedì pomeriggio è scoppiato un altro incendio “con sviluppo sfavorevole” che ha minacciato il Parco Nazionale del Monfragé, area naturale protetta per la sua forza. Biodiversità.

37 gradi alle 7 del mattino

Se il picco di questa ondata di caldo sembra aver superato in Spagna, il caldo non ha lasciato tregua ai residenti che dovranno aspettare fino all’inizio della prossima settimana per sperimentare temperature leggermente più miti.

Alle 7:00 (05:00 GMT), la temperatura era già di 37,2 gradi nella provincia di Badajoz (sud-ovest) e le temperature massime dovrebbero ancora raggiungere i 44 gradi nel paese venerdì.

Giovedì, la temperatura ha raggiunto i 45,4 gradi nel mezzo. La temperatura assoluta in Spagna risale ad agosto 2021 (47,4 gradi vicino a Cordova nel sud).

In Portogallo, dove giovedì il mercurio ha raggiunto i 47 gradi nel nord, un luglio record per il paese, la massima dovrebbe scendere a 41 gradi venerdì.

In Francia, invece, le temperature che giovedì hanno raggiunto i 37/38 gradi nel sud-ovest e nella bassa valle del Rodano dovrebbero continuare a salire venerdì fino a 38/40 gradi a sud della linea Bordeaux-Lione ma invece scenderanno .è a nord.

Da domenica, il Regno Unito si prepara a sperimentare temperature “estreme”, secondo il Met Office, che potrebbero superare il record di 38,7 gradi nel 2019.

Il SSN ha avvertito di un “salto” negli ospedali legati al caldo mentre le compagnie ferroviarie non escludono cancellazioni impreviste dovute alle temperature.

In Irlanda, il mercurio potrebbe salire a 32 gradi lunedì, appena al di sotto del suo massimo storico di 33,3 gradi nel 1887.

READ  Zemmour scivola dietro a Le Pen e Macron in due sondaggi

Questa ondata di caldo è la seconda in appena un mese in Europa. La prevalenza di questi fenomeni è un risultato diretto del riscaldamento globale secondo gli scienziati, con emissioni di gas serra che aumentano di intensità, durata e frequenza.