Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Grande scandalo’, ‘bisogno di trasparenza’: il VAR criticato come non mai in Belgio

‘Grande scandalo’, ‘bisogno di trasparenza’: il VAR criticato come non mai in Belgio

Le decisioni degli arbitri hanno sempre suscitato molte polemiche nel calcio. Con la tecnologia VAR, pensavamo che gli errori arbitrali sarebbero stati notevolmente ridotti. E questo è il caso!

In un’intervista con Sport Foot Magazine, Stephanie Forde, responsabile della sezione arbitri, fornisce i dati sulla partecipazione al video: “Nella prima parte di stagione abbiamo già concesso 87 contrasti al VAR in 153 partite”lei ha iniziato. L’87,35% era corretto. In media, nelle ultime tre stagioni, circa l’85% delle decisioni prese in campo, prima dell’intervento del VAR, sono state corrette. Se si sommano questi due numeri, si ottiene un errore di margine di circa il 2%.

Tuttavia, non tutto è perfetto. Questo margine di errore frustra notevolmente i giocatori in Belgio. A cominciare da Giantoise. Questo mercoledì, il club ha scritto un feroce comunicato stampa. “È incompetenza o malafede?”Chiedi al bufalo. Durante il Derby delle Fiandre, Buchanan ha spinto Urban. Il VAR ha ignorato questo fatto nel gioco che l’ha fatto saltare Vanheisbrouck. “È assolutamente inaccettabile e inspiegabile. Se c’è un solo giornalista che pensa di non essere in rosso, lasci immediatamente il suo posto. È puro scandalo e fallimento del VAR!”e ‘stato licenziato.

Gand ha criticato il VAR dopo che Buchanan non è stato squalificato: “È incompetenza o malafede?”

La Lega Pro risponde

Questo martedì non ha permesso alle tensioni di placarsi. Alla Croky Cup, Alessandro Siranni ha ricevuto il suo primo giallo per fallo dopo mezz’ora di gioco e, pochi istanti dopo, è intervenuto il videoassistente arbitro (VAR) che gli ha emesso un cartellino rosso. Un’azione che ha fatto molto parlare di sé. “È uno scandalo molto grande.”Mbaye me l’ha detto dopo la sconfitta della sua squadra. “Dopo lo scorso fine settimana e la partita del Club Brugge contro il Gent, Hein Vanheisbrouck è arrivato al tavolo. Si parla del fallimento del VAR e non posso dire altrimenti. Ci sono delle regole e vanno rispettate. Almeno così pensavo”.

READ  È diventato rapidamente il secondo compagno di squadra belga insieme a Tadej Pogacar

Il tecnico arbitrale belga difende l’uso del VAR: “È uno stato d’animo che va cambiato”.

Una nuova controversia ha costretto Lauren Barris a prendere la parola. I club ovviamente vogliono che le comunicazioni tra arbitri siano pubbliche. In questo modo permetterà sia al pubblico che ai campioni di comprendere meglio le decisioni arbitrali.

Il Presidente dell’Ordine Professionale invita la Federazione a studiare questa proposta. “Dobbiamo rispondere alle domande dei tifosi e dei club” È iniziato, ripreso dai media fiamminghi. “Questo è il motivo per cui ho avuto frequenti contatti con Peter Bossart (CEO di URBSFA) negli ultimi giorni”.

L’obiettivo è migliorare il VAR su più punti. “In futuro, tifosi e giocatori dovrebbero capire il motivo dell’interferenza del VAR. I giocatori spesso non sanno perché c’è un’interferenza, il che porta a fraintendimenti. Il gioco dovrebbe beneficiare della chiarezza. Inoltre, vogliamo ascoltare la comunicazione tra l’arbitro e i responsabili di Tubize Chi è fondamentale dare la massima trasparenza sulla comunicazione VAR il più rapidamente possibile”.

D’altra parte, non c’è dubbio che la federazione distribuirà le registrazioni dopo gli incontri. Era una richiesta del Gent dopo la partita contro il Brugge. Il protocollo VAR dell’IFAB stabilisce che questi video possono essere utilizzati solo internamente per scopi didattici o se ci sono seri dubbi. Questo è il caso in teoria. Tranne che in pratica, le immagini vengono utilizzate solo se c’è un forte sospetto che siano coinvolti effetti speciali.

Hockey, per esempio

Ad ogni modo, Lauren Paris ha una visione molto debole di tutte le controversie. “A volte ci chiediamo come sia potuto accadere,” Ha aggiunto. Tanto più che la Pro League sostiene i costi di questa tecnologia.

READ  West Ham e Fiorentina si qualificano per la Conference League Final

Entrato in vigore nel 2017, il VAR continua a frustrare gli allenatori. La domanda è: come possiamo migliorarlo? Per l’ex politico, lo sport dovrebbe essere preso come esempio: l’hockey. Lì la comunicazione è una parte essenziale del gioco e Lorraine Barris sta pensando a un progetto pilota. “Ho già parlato con Lucas Broad, il grande presidente della FIFA”. La FIFA ha una grande responsabilità nel determinare le leggi del calcio. “Per me, si tratta di portare un’idea a questa organizzazione. Crediamo che porterà a una migliore comprensione delle decisioni a volte difficili prese da arbitri e VAR”.

Nell’hockey, tutte le decisioni vengono effettivamente prese alla velocità VV. Questo non è il caso del calcio. “Le connessioni sono abbastanza protette nel calcio. Non sai cosa sta succedendo, cosa viene detto e cosa stanno prendendo in considerazione quando prendono una decisione. In questo momento, le regole IFAB non consentono che tale connessione venga trasmessa in diretta. Per me, se rimangono 20 secondi in mezzo, è possibile. In questo momento, il tempo di attesa è troppo lungo”.

Tuttavia, Lauren Barris sa che gli errori sono umani e che faranno sempre parte del gioco. “Ciò che è importante per il campionato professionistico è che i club ottengano risposte”.Tagli. “Capisco l’emozione dei tifosi. Certo, gli errori sono umani. Ma il minimo che puoi fare è spiegare perché accadono e come evitarli. Giocatori, club e tifosi ne hanno il diritto”.