Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gas russo: colosso tedesco Uniper al limite, si va verso una crisi del gas in Europa?

In una lettera datata giovedì, La società indica che non può adempiere ai propri obblighi a causa delle circostanze”.eccezionale. Le operazioni di manutenzione hanno una buona schiena. Bisognerà scoprire se giovedì il gasdotto potrà ripartire come previsto o, al contrario, se nelle torri aumenterà l’estorsione russa.

Contrastando la forza maggiore ai propri clienti, il colosso russo, che gode del monopolio delle esportazioni nazionali attraverso il gasdotto, intende evitare di dover pagare risarcimenti per mancanza di forniture.

La Russia utilizza quindi un motivo tecnico come scusa per non riprendere le consegne e quindi fare pressione sugli occidentali nel contesto della guerra in Ucraina e delle sanzioni contro la Russia.

Uniper, un colosso minacciato di bancarotta

La posta è stata inviata privatamente a Uniper, il principale importatore e deposito di gas in Germania. Con oltre 11.000 dipendenti, Uniper è un colosso nato dalla scissione nel 2016 delle attività fossili di E.ON, quotata alla Borsa di Francoforte, per lo più partecipata da un gruppo finlandese e operante principalmente in Germania e Francia.

La controllata Gazprom Export invoca retroattivamente la forza maggiore per giustificare carenze di approvvigionamento passate e presenti. Una formula rifiutata dall’azienda tedesca. Questa notizia la mette in una pessima posizione. Mentre le forniture di gas russe continuano ad essere interrotte, Uniper ha perso molti soldi. Per adempiere ai contratti di consegna, la società ha dovuto acquistare gas dal mercato poiché i prezzi sono esplosi.

Così il gruppo perde.Decine di milioni di euro“Ogni giorno, ha avvertito di recente il suo amministratore delegato, Klaus-Dieter Maubach. Per affrontare la questione più urgente, Uniper ha chiesto il salvataggio delle autorità pubbliche. Ha già ricevuto una linea di credito di 2 miliardi di euro dalla banca pubblica tedesca società KfW, ma quel progresso è ormai esaurito, e proseguono le discussioni in vista dell’ingresso dello Stato nella capitale con il 25 o addirittura il 30% del capitale.

READ  Prodotti ritirati e ritirati dagli scaffali di molti supermercati

Ma i negoziati sono bloccati tra il governo tedesco e il maggiore azionista di Uniper, Fortum, che è per circa il 51% di proprietà dello stato finlandese. Berlino vorrebbe che anche Fortum partecipasse al salvataggio, ma Fortum afferma di aver già fornito 8 miliardi di euro e i finlandesi preferiscono la ristrutturazione per mettere le attività rischiose in una società di proprietà del governo tedesco. Entro fine mese è prevista una decisione. I prossimi giorni saranno cruciali.

Sarà necessario salvare i fornitori di gas come hanno fatto le banche dopo la crisi finanziaria del 2008? Se si accelera il fallimento di Uniper, in Germania si teme di fallimenti back-to-back paragonabili a “Lehman Brothers”. Un disastro per la Germania potrebbe avere ripercussioni a livello europeo.

L’Europa sta cercando di fare scorta e trovare fornitori diversi dalla Russia

La saga di Uniper è forse solo la punta dell’iceberg. Tutte le forniture di gas in Europa sono bloccate. L’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) ha incoraggiato i paesi europei a “fare tutto“Ridurre il consumo di gas per evitare”Inverno freddo“.

Traccia 1: Il gas che è stato consegnato ma non consumato può essere immagazzinato per i prossimi mesi. “Se non si interviene ora, l’Europa si troverà in una posizione vulnerabile e presto dovrà imporre tagli drasticiIl direttore dell’Agenzia Fatih Birol ha avvertito della necessità di solidarietà tra i paesi europei per far fronte alla crisi energetica.

Da domani, mercoledì, la Commissione Europea svelerà il suo programma per uscire dalla crisi energetica. Possiamo aspettarci un meccanismo piuttosto restrittivo per ridurre i consumi: la commissione proporrà le quote e gli Stati membri decideranno di applicarle a maggioranza qualificata.

READ  Wall Street chiude in ribasso, Fed nervosa - 20/01/2022 alle 22:44