Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’automazione del lavoro è il nemico dell’operare? “Un’idea che si trasmette spesso, ma è sbagliata”

Per il professore di Economia digitale alla Brussels Solvay School, questa è la vera domanda da porsi. Come possiamo assicurarci che il nostro modello fiscale si adatti a questa nuova realtà? “La nuova realtà è che la quota dell’occupazione, cioè dei salari nella ricchezza nazionale, è in calo in tutti i paesi sviluppati da circa trenta o quarant’anni. anni, mentre di solito è un valore molto fisso storicamente. “

Spiega che questa osservazione è molto inquietante per due ragioni. “Innanzitutto perché significa che il valore effettivo è il risultato di sempre più macchinari e quindi capitale, diciamo, e sempre meno il risultato del lavoro. Forse perché gli esseri umani, sempre di più, stanno assumendo il ruolo di controllare ciò che fanno le macchine piuttosto che la produzione reale“Questa è una grande sfida fiscale”.Perché tutte le nostre tasse erano basate sul lavoro e molto, molto poco sul capitale. “

Per Nicholas van Zeebroek, la vera sfida per la tassazione di domani è decidere come trasferire maggiormente la tassazione dal lavoro al capitale”.Il che non è assolutamente sufficiente per l’accesso imponibile con noiSpiega che l’idea è di tassare il reddito che la macchina produce, e anche meglio del reddito, sono i profitti che la macchina tassa.

Ciò che è rischioso è in realtà tassare uno strumento indipendentemente dal suo utilizzo e dal valore che crea. Tuttavia, Comeo (Il sindacato dei supermercati, ndr) Arriva un momento in cui dicono di essere un settore in cui i margini di profitto netto sono molto bassi, siamo al 2 o 3% in media presso la grande distribuzione. Quindi nel nostro settore di attività siamo al 20, 25 o 30%. E quindi, se la sfida è trovare soldi dove ci sono soldi, come diceva Catherine Moreau, andiamo a trovarli in settori che hanno margini di profitto molto alti e dove ha senso tassare le plusvalenze.. “

READ  Amazon aumenterà i prezzi per il suo abbonamento di punta: ecco cosa devono pagare i belgi ora

Questo specialista preferisce:che tasseremo le plusvalenze, il flusso, il valore che le macchine generano, piuttosto che la macchina stessa, che è un freno all’innovazioneL’unico Paese che lo ha fatto su larga scala è la Corea del Sud”.La Corea del Sud lo ha fatto davvero in modo esplicito per rallentare l’innovazione. Per loro, l’innovazione sta andando troppo veloce e quindi si sono detti: Tasseremo i robot perché rallenteremo il ritmo dell’innovazione.“.

Il settore rappresenta solo il 2 o il 3% del mercato. Ma se tasseremo le macchine per un altro settore, magari più finanziariamente, funzioneranno meglio? Sì e no, come pensa Nicholas van Zeebroek, “Perché ancora, la domanda è cosa vogliamo tassare? Vogliamo essere tassati di nuovo, solo un bene o vogliamo tassare il reddito?