Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Limiti della pista: Verstappen si sente “dilettante” della FIA

Il dibattito sui limiti di pista continua a dividere piloti e FIA, mentre l’argomento ha suscitato ancora una volta polemiche in Ungheria. Il tempo di Sergio Perez è stato omesso prima di essere riportato indietro, lasciando un’impressione amatoriale dal lato della direzione gara.

Max Verstappen è infastidito dalla mancanza di chiarezza sulla questione. Il pilota della Red Bull ha l’impressione che la FIA non consideri i 20 principali rappresentanti di questo sport come professionisti, e si rammarica di non averlo ascoltato abbastanza.

“L’anno scorso i piloti hanno detto che dobbiamo essere più chiari e più severi su ciò che stiamo cercando a bordo pista”. ha detto Verstappen. “Ma per esempio ieri sera al briefing dei piloti, hanno iniziato a parlare di uscire dalla curva 13 e che la linea era il bordo della pista. Ma c’è un marciapiede e una linea bianca accanto. Che per me è il bordo della pista”.

“Abbiamo un sacco di piccole cose stupide che rendono le cose più difficili anche per gli steward. Non lo so, come piloti vogliamo sempre aiutare e dare le nostre opinioni ma non si è sentito nulla. Per me è molto frustrante”.

“Non voglio litigare con loro, voglio solo consigliarli ma a loro non importa molto e secondo me ci guardano come dei dilettanti e non credo sia giusto”.

“Perché dobbiamo tenere traccia dei limiti?”

Verstappen pensa che la F1 dovrebbe prendere in considerazione la creazione di confini più chiari e possibilmente più naturali in modo che non sorgano questo tipo di domande: “La maggior parte delle volte, quando guardi le dash cam, la cam è dalla parte sbagliata.”

READ  Formula 1 | Haas F1 un contatto Magnussen per il sostituto Mazepin

“Quindi la curva sembra quasi che tu sia fuori strada, ma a volte non lo sei, sei ancora sulla strada giusta. Quindi è davvero dura e penso che possiamo farci un favore aggiungendo un po’ di ghiaia all’uscita o altro”.

“Come in Austria ad esempio perché abbiamo bisogno del confine della pista nell’angolo dove c’è normalmente ghiaia e anche se esci ti punisci se vai troppo lontano. E se vai lì danneggi il pavimento, quindi la tua macchina va più piano”.

Verstappen pensa che complichi la vita di tutti: “Lo rendono molto difficile per loro. Ovviamente la gente dice ‘sì, resta all’interno della linea bianca’, ma è più facile a dirsi che a farsi. È molto confuso”.

Sistema “non all’altezza”

Il risentimento tra i piloti per questo è in aumento, gara dopo gara, mentre molti di loro sono vittime di sanzioni alquanto ingiuste. In Austria, Sergio Perez è stato penalizzato nel match di qualificazione per una violazione che ha impedito ingiustamente a Pierre Gasly di entrare nel terzo quarto.

Questo sabato in Ungheria, anche Gasly ha cancellato un tour, mentre Perez è stato retrocesso e poi sostituito. Il messicano pensa che la F1 dovrebbe adottare uno strumento più adatto al problema: “Penso solo che il sistema non sia davvero a posto. Dobbiamo rivederlo e vedere come possiamo migliorare per avere più coerenza”.

Quanto a Gasly, che deve ancora capire appieno come si possa cancellare il suo seno, anche lui sta lottando per cambiare il modo in cui questi limiti sono controllati: “100%.” Abbiamo avuto dei problemi. L’ultima volta che ho raggiunto questo limite di pista in Austria ero 11° e Checo è uscito di pista alla curva 8 e il suo giro non era stato cancellato, quindi ho saltato il terzo quarto”.

READ  L1: record di titoli dixième per il Paris SG, campione di boudé par ses sostenitori

“Ora ho saltato la Q2 a causa del contrario. Dicono che secondo CCTV hai superato il limite, ma dobbiamo controllare perché sappiamo quanto sia scarsa la qualità delle telecamere a circuito chiuso. E dobbiamo ricontrollare. Per maggiore coerenza è meglio avere un sensore in macchina ed essere onnipresenti”.

“Alla curva 5, in tutti i miei anni di gara, che sono stati praticamente gli ultimi 10 anni, non ho avuto limiti in pista in questa curva. E quest’anno è un approccio molto radicale. Ecco perché penso che abbiamo assolutamente bisogno strumenti più precisi per assicurarsi che sia sempre corretto.”