Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fiaccolata di Natale, tazze di cioccolato di Beckett, palline RSCA e… Gattini: una serata al Mercatino di Natale di Anderlecht, il secondo mercatino più grande di Bruxelles (foto)

Fiaccolata di Natale, tazze di cioccolato di Beckett, palline RSCA e… Gattini: una serata al Mercatino di Natale di Anderlecht, il secondo mercatino più grande di Bruxelles (foto)

“Datemene un altro: mia figlia lo ha mangiato tutto”. La bambina appoggia le mani sul lungo bastone di legno, lacerando la carne arrostita come si taglierebbe una spiga di grano. Sua madre pensava che avrebbe partecipato. «Ma Zoe non mi ha lasciato niente.»

Jennifer dell’Anderlecht. E non si perderà il falò di Natale. “Non lo trovi ovunque: è davvero tipico dei mercatini di Natale di Anderlecht”, ha sorriso consegnando i 5 euro richiesti. Nel loro chalet ai piedi della collegiata dei Saints-Pierre-et-Guidon, Gaël e suo padre Freddie concordano: “È una specialità che esiste da quasi 40 anni. Vecchia quanto il mercato!” La coppia si allena con i colleghi una sera in un club di passeggiate locale. “Abbiamo preso una fiaccola natalizia dagli amici. È esclusiva. La settimana prima ci siamo divertiti ad affettare la pancetta a fettine sottili. Poi le giriamo su un bastoncino e le arrotoliamo nella miscela di spezie che abbiamo creato. Le cuciniamo sul posto Funziona bene: qui è molto conosciuto.

Il falò di Natale di Gael e Freddie, una “vera specialità” del mercatino di Natale di Anderlecht. ©IPM – Ennio Camereri
François ha visitato il centro “5 volte”: ad Anderlecht, era lì come residente. ©IPM – Ennio Camereri
Nawras

Siamo stati in centro 5 volte ma qui c’è una bella differenza di prezzo: costa meno.

Il mercatino di Natale di Anderlecht è il secondo più grande di Bruxelles dopo Winter Wonderland. Ed è vero che tra la rue Wise e la collegiata, le casette si susseguono tutt’intorno alla place de la Vaillance. “Sono stata al centro venerdì scorso, ma c’è troppa gente. Camminiamo in fila indiana e non vediamo nulla”, dice Sylvie scendendo da Laiken. François annuisce, appoggiandosi allo stesso tavolo alto. È venuto come vicino di casa. con la moglie. “Siamo andati al posto 5 volte ma qui c’è una bella differenza di prezzo: costa meno”. La coppia si gode l’atmosfera natalizia. “Quello che mi piacerebbe è andare al mercatino di Natale di Liegi una volta, anche se tifo la squadra Viola. Sembra essere molto buono Mio figlio vive lì: lo sa come le sue tasche.

Sylvie (a sinistra) e François (Kapp) con gli amici al mercatino di Natale di Anderlecht: “Qui c’è tutto ciò che amiamo”. ©IPM – Ennio Camereri
Carlos serve bevande alcoliche in bicchieri di cioccolato. ©IPM – Ennio Camereri
Nawras

Beve un sorso, poi butta il resto nel bicchiere. È una bevanda alcolica a base di paste de nata, un dolce portoghese. Va benissimo con il cioccolato.

Sylvie e François ricevono l’acqua da Carlos. Con un cappello viola attaccato in testa, il boss di Green Park, “davanti al campo”, distribuisce alcolici come assist n. 10. “Innoviamo, innoviamo!” La guardia agita un piccolo secchio pieno fino all’orlo di spirito di vaniglia gialla. “Si beve un sorso, poi si manda giù il resto con il bicchiere. È un liquore a base di paste de nata, la pasticceria portoghese. È ottimo con il cioccolato.” Sono 3 euro per il dessert. I clienti abituali applaudono. “Un’altra innovazione: i mojito caldi.” La menta sale improvvisamente dal fornello mentre Carlos la riempie. Al conto segue il prezzo del vino caldo: 5 euro.

READ  'Il prossimo è': Carrasco e Atletico parlano presto

Per una buona ragione

Avvicinandoci ad Avenue Wise, ci fermiamo davanti alla pasticceria orientale di AMO Alhambra. “Il nostro progetto mira ad aiutare le scuole nella regione di Imli in Marocco”, spiega Elias, che lavora in questo servizio di lavoro in ambiente aperto. “Quest’anno il villaggio ha vissuto il terremoto. I nostri contatti lì mettono l’istruzione al primo posto. Quindi tutto il ricavato delle vendite di questi tre giorni di mercato andrà alla ricostruzione di Imli: stiamo preparando il viaggio con 12 giovani dell’AMO.” Sul bancone sono esposte le pantofole kofta, le harras (frittelle di semolino), le msemnes (frittelle di pasta marocchina) e ovviamente frollini e altri biscotti con frutta secca e miele, da innaffiare con tè alla menta. “Le mamme dell’associazione stavano cucinando”, dice Hajar entusiasta. Scopriremo che il giorno prima il consigliere comunale col foulard è venuto a comprare decine di prodotti per trattare l’azienda per una buona causa.

AMO Alhambra aiuterà il villaggio di Imli, in Marocco, a realizzare i suoi profitti. ©IPM – Ennio Camereri
Françoise vende bigiotteria legata alla sua passione per i gatti. ©IPM – Ennio Camereri
Nawras

Mosso. Da 6 stanze sono passato a 3. Ma adesso non ho più il bagno in cortile! Invece è più piccolo: devo rivenderlo.

Un grosso cane in braccio, una donna curiosa si avvicina ad un insolito rifugio. “Amo gli animali”, esclama. C’è da dire che la cabina di Françoise è piena di chincaglierie dedicate ai suoi amici pelosi e pennuti. “Questa è la mia collezione che colleziono da 50 anni. Adoro i gatti: li ho avuti fino a 23 anni. Oggi ne ho uno da 5 pollici e lei si gode il suo amato cucciolo di Saint-Geloise tra le braccia. Lei ora preferisce il Coraggio a un incontro di Berchem “dove la gente canta e beve”. Ma perché butti via i tuoi tesori? Da 6 stanze sono passato a 3. Ma adesso non ho più il bagno in cortile! D’altronde è più piccolo: devo rivendere. Il complesso ha noleggiato un camion “per 80 euro” per trasportare il proprio inventario. La piattaforma gli costa 150 euro come giocatore non dell’Anderlecht. “Ho rimesso le batterie anche a tutte le bambole che si muovono. L’anno scorso sono arrivata in pareggio. Spero di riuscirci anche quest’inverno,” dice mentre cammina tra i suoi cuscini ricamati con gatti e i suoi cani di ceramica. Che non lasciano nulla di intentato.

Jan, David e Julian lavorano nel fan shop dell’Anderlecht: “Cappelli, sciarpe e tazze stanno andando bene.” ©IPM – Ennio Camereri
Per decorare l’albero dei ventagli viola. ©IPM – Ennio Camereri

Non puoi lasciare il mercato dell’Anderlecht senza passare dallo stand RSCA. “È la prima volta”, si vanta David, uno studente che lavorava nel fan shop dello stadio viola. “Abbiamo nuove sciarpe e cappelli a 20 euro. Poi anche cioccolatini in collaborazione con Valentino. All’interno c’è un biglietto d’oro, come in ‘Charlie e la fabbrica di cioccolato’: vincere un’esperienza VIP per due. Sarà un’esperienza sorpresa popolare sotto l’albero, che i tifosi addobberanno con addobbi.” Espositori natalizi con il logo della squadra. I clienti “sono piuttosto parenti dei tifosi che vogliono far loro una sorpresa”, sottolinea Julian. “I tifosi tendono a venire al negozio nei giorni delle partite. Lo chalet offre anche tazze viola e bianche: qualcosa a cui tornare quando lo Sporting beve un drink.

READ  Dal secondo posto della Scarpa d'Oro alla terza divisione tedesca: la discesa agli inferi di Rafael Holzhauser