Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elon Musk rimuove i titoli degli articoli di giornale condivisi su X (ex Twitter)

Elon Musk rimuove i titoli degli articoli di giornale condivisi su X (ex Twitter)

La novità più recente finora: i link e gli articoli di giornale condivisi sulla piattaforma appaiono ora solo sotto forma di immagine, senza titolo né descrizione, una scomparsa che il miliardario ha giustificato per ragioni “estetiche”.

“Questo viene direttamente da me. L’estetica (del social network) sarà notevolmente migliorata”, scrisse Elon Musk a metà agosto, quando alcuni media avevano già notato il cambiamento di stile, durante la fase di test.

Da mercoledì, quando un utente condivide un articolo di giornale, nell’angolo del pittogramma appare ancora solo il nome del media che lo ha pubblicato, e cliccando su quell’immagine si accede al contenuto.

Elon Musk, che ha acquistato il social network l’anno scorso, sta cercando di arginare il calo degli introiti pubblicitari incoraggiando gli utenti a trascorrere più tempo sulla piattaforma e quindi a condividere meno link esterni.

Ma le altre misure adottate finora (messaggi più lunghi, chat vocali dal vivo con i personaggi, dare più importanza ai video, ecc.) non sembrano dare frutti.

Insider Intelligence prevede che le entrate pubblicitarie scenderanno al di sotto dei 3 miliardi di dollari per X nel 2023, con un calo del 28% su base annua.

“Prova del contrario.”

Nel 2022, anno segnato dalle avances e dagli attacchi di Elon Musk prima della scalata forzata di ottobre, la piattaforma ha raccolto 4,14 miliardi di dollari, in calo del 7% rispetto al 2021, il suo anno migliore.

Linda Yaccarino, il nuovo Direttore Generale di .

“Yaccarino e Musk hanno ripetutamente affermato che gli inserzionisti che hanno lasciato Twitter dopo l’acquisizione della piattaforma da parte di Musk sono tornati sulla piattaforma, nonostante le prove contrarie”, ha detto giovedì in una nota la ONG Media Matters.

READ  Adesso è il momento giusto per vendere dell’oro: il prezzo dell’oro è a un livello record

“Durante le 12 settimane di mandato di Yaccarino come amministratore delegato, la maggior parte dei 100 principali inserzionisti della società hanno speso una frazione di quanto avevano speso nelle 12 settimane precedenti l’acquisizione”, ha spiegato la società.

L’Associazione Anti-Disinformazione cita l’esempio di Visa, che secondo lei “ha speso solo 10 dollari nelle ultime 12 settimane, rispetto ai circa 77.500 dollari nelle 12 settimane precedenti l’acquisizione”.

L’approccio controverso di Elon Musk alla moderazione dei contenuti e il lancio di nuovi prodotti dirompenti, come l’autenticazione degli utenti a pagamento, hanno allontanato in massa gli inserzionisti.

Giornalismo tradizionale

Ma il capo di Tesla e SpaceX ha confermato all’inizio di settembre che l’Anti-Defamation League (ADL, che combatte l’antisemitismo e il razzismo) era “responsabile della maggior parte delle nostre perdite di entrate”.

L’ADL è una delle ONG che denunciano il notevole aumento della disinformazione e degli insulti razzisti e omofobi sui social network da quando sono cambiate le regole. Tuttavia, mercoledì ha annunciato che presto ricomincerà a pubblicare annunci sulla piattaforma.

Elon Musk, che ama le provocazioni, non nasconde il suo sostegno alla destra americana né il suo disprezzo per i media.

Il 3 ottobre il miliardario aveva dichiarato di “non consultare quasi mai la stampa tradizionale. Che senso ha leggere 1.000 parole su qualcosa che è già stato condiviso su X qualche giorno fa?”

A settembre la Commissione europea ha pubblicato uno studio che mostrava questa piattaforma di disinformazione nei suoi post”.

Quest’estate, anche l’Agence France-Presse e tre gruppi giornalistici francesi hanno rappresentato Twitter davanti ai tribunali francesi, che vogliono informazioni che permettano loro di negoziare una remunerazione per l’utilizzo dei loro contenuti, anche sotto forma di estratti.

READ  Questo riparo solare autonomo si installa in poche ore