Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per contrastare l’inflazione, la Banca Centrale Europea alzerà i tassi di interesse: per la prima volta in 10 anni

Questo venerdì vi invitiamo a tornare sui dettagli della decisione di ieri sera di aumentare i tassi di interesse da parte della Banca centrale europea.

Come capire semplicemente cosa ha deciso la banca centrale ieri sera e perché?

Dobbiamo tornare alla crisi economica e finanziaria iniziata nel 2009. All’epoca era una crisi bancaria prima di tutto, a causa dei mutui subprime. Questa crisi finanziaria si è poi trasformata in una crisi economica, con un grave rallentamento dell’economia. Poi le aziende e le assunzioni hanno pagato il prezzo di questo rallentamento. Infine, la crisi si è trasformata in una crisi del debito e la Grecia in particolare ha dovuto essere salvata.

Devi vedere l’economia come un calderone. In tempi normali, opera a una temperatura che consente di creare e distribuire posti di lavoro e ricchezza. Se la caldaia rallenta e se è probabile che si raffreddi, è necessario aggiungere carburante. Nei principi di politica monetaria, questo è il momento in cui le banche centrali entrano nel business creando denaro e immettendolo nell’economia. E in generale funziona. O, comunque, ha funzionato per decenni: ho riavviato la caldaia, e la crescita è ripresa, provocando una leggera inflazione e quando la caldaia è stata alla giusta temperatura, le banche centrali hanno interrotto le iniezioni.

Ovviamente la sceneggiatura non ha funzionato bene negli ultimi anni…

In effetti, o almeno l’iniezione di denaro ha avuto successo, ma in proporzioni inferiori al previsto. La Banca centrale europea ha pompato sempre più denaro senza che la crescita riprendesse a decollare nelle vecchie economie come quelle europee. La Banca Centrale Europea ha estratto tutte le cartucce di politica monetaria per sostenere sia il debito dei paesi in difficoltà che le economie europee.

READ  Parigi: un progetto controverso da lanciare presto

Se solo un decimo delle somme pompate dalla Banca centrale europea negli anni ’70 fosse stato pompato, l’economia avrebbe sovraperformato e l’inflazione avrebbe raggiunto il picco. Ma negli ultimi anni l’inflazione è rimasta bassa e la crescita lenta.

Poi è arrivata la pandemia di COVID?

Quando è apparso il Covid, logicamente la crescita è ripresa e ha aumentato l’inflazione. Tutti hanno detto che non c’è nulla di cui preoccuparsi, è temporaneo.

Poi è arrivata la guerra in Ucraina e lì abbiamo un problema… perché la crescita è crollata e l’inflazione sta esplodendo. La banca centrale ha dovuto affrontare un dilemma. Se alza i tassi di interesse, rischia di deteriorare un’economia che è già sull’orlo del collasso, e se non lo fa, alimenta l’inflazione.

E cosa hai deciso ieri?

La fine di sette anni di tassi di interesse negativi e un graduale aumento dei tassi di interesse. La Banca centrale europea non ha aumentato i tassi di interesse chiave per più di 10 anni e interromperà anche i suoi acquisti di attività finanziarie. È chiaramente una scommessa sulla ripresa dell’economia con una guerra in Ucraina che non durerà oltre il 2023.