Novembre 30, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Abbandono dei pannelli fotovoltaici in Vallonia: Cwape giustifica il controverso importo del risarcimento

Abbandono dei pannelli fotovoltaici in Vallonia: Cwape giustifica il controverso importo del risarcimento

Lo scorso giugno, Philippe Henry (Ecolo), ministro dell’Energia vallone, ha chiesto a Cwape, l’ente regolatore energetico della Vallonia, di lavorare su una proposta per risarcire i consumatori colpiti. Recentemente sono trapelati 55 euro all’anno per un impianto medio. Si tratta di una cifra fortemente denunciata dall’Associazione ASBL Beprosumer, la quale ritiene che il danno causato ad alcuni consumatori valloni sia molto maggiore.

Intanto, La proposta finale di Cwape è stata pubblicata. Dalla formula di calcolo dell’indennizzo risulta sempre 12,31 per kilowatt installato, ovvero 55 euro per un impianto medio (4,5 kilowatt).

Fotovoltaico: il consumatore dovrebbe installare una batteria per evitare perdite in Vallonia?

Stephane Rainier, presidente di Cwape, e Thierry Collado, direttore artistico, hanno spiegato il loro approccio in un’intervista a gratuito. Così, come nelle Fiandre, Kwap rileva che il consumatore perde circa il 3% della sua produzione annua, a causa del guasto del suo inverter. “Nella maggior parte dei casi, i consumatori perdono meno del 3% della loro produzione annua. Aggiungi Thierry Collado.

Questo 3% mancante viene poi moltiplicato per il valore dell’elettricità. Il calcolo, basato sui prezzi dell’elettricità nella prima metà del 2023, dà un compenso di 12,31 per kilowatt installato, ovvero i famosi 55 euro citati. Inoltre è possibile aumentare l’importo del 25% se il problema persiste.

Stephane Rainier è convinto che questa formula di compensazione copra la maggior parte dei casi di perdite. Ma ciò non esclude che alcuni consumatori possano perdere più del 3% della loro produzione annua. “In questo caso si tratta di un’altra questione che è GRD (Nota del redattore: Responsabile della Rete di Distribuzione) Devi intervenireLui spiega. Inoltre, ottenere un risarcimento forfettario non priva il consumatore del diritto ad ottenere il risarcimento integrale del maggior danno. In tribunale o in via amichevole con il GRD”.

READ  Ha fatto scalpore la decisione di AB Inbev di produrre Leffe in Russia: spiega l'azienda

Pertanto, questa penale, facile da ottenere, costituirebbe un incentivo affinché le società di telecomunicazioni nazionali intervengano rapidamente.

Fotovoltaico: è ancora possibile installare pannelli prima della fine dell’anno in Vallonia (e beneficiare del contatore inverso)?

Risorse sufficienti?

Secondo Thierry Collado, gli operatori dei servizi di distribuzione (RISA, ORIS, ecc.) dispongono dei mezzi finanziari per migliorare la qualità della rete vallone. “Il problema è che c’è stata una corsa verso il fotovoltaicoAnnunciare. I team DSO non possono essere ovunque contemporaneamente per risolvere tutti i problemi.. Ma, ha detto, nel 2024 la situazione si calmerà e i dipendenti del sistema di distribuzione saranno in grado di rispondere meglio ai problemi. Stephane Rainier ricorda inoltre che il boss degli Ores era ormai soddisfatto della somma che avrebbe avuto a disposizione per investire nella rete.

Infine, notiamo che si tratta semplicemente di una proposta di Cwape con la quale il governo vallone farà quello che vuole.