Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

80 milioni per acquistare il terreno incolto di Arcelor a Liegi: “la più grande operazione mai realizzata in Vallonia”

Quattro lunghi anni, centinaia di incontri e infinite relazioni di esperti (migliaia di pagine)… Questo è il riassunto del lavoro svolto dagli esperti della regione Vallonia e ArcelorMittal, dalla firma dell’accordo che prevedeva 4 anni fa il trasferimento delle ex terre desolate del gruppo siderurgico nella regione di Liegi alle autorità pubbliche. Al centro delle trattative: quattro siti emblematici, tra cui gli altiforni (6 e B), a Seraing e Ogre, il Kokiri Dogre e ovviamente il gigantesco sito Chertal a Ubay.

In totale saranno bonificati e riconvertiti 282 ettari di terreno industriale che la Regione Vallone intende bonificare.per suo contoIl ministro dell’Economia Willy Borsos non ha nascosto la questione venerdì, poiché la conferenza stampa organizzata all’OM, ​​il momento è storico: ““Si tratta dell’operazione più importante mai realizzata in Vallonia.”.

Chertal, “perla”

Dei 3.200 ettari disponibili per la riallocazione in Vallonia, queste terre sono tra le più grandi e interessanti del sud del paese”,Soprattutto Chertal, che è senza dubbio la perla di questo genere”.Il ministro ha ammesso:Non passa giorno senza che qualcuno me ne parli”.. Vicinanza a corsi d’acqua, strade principali, aeroporto, grande città… tutto è lì per rendere questo terreno un investimento preferito.

Ma per avere la meglio oggi è stato necessario negoziare con gli interlocutori. Wallonie Entreprendre era responsabile e, a sentire Francis Lefebvre, amministratore delegato di ArcelorMittal, il processo non era “positivo“Per Arcelor va detto che l’azienda si è impegnata a rispettare il principio chi inquina paga. Gran parte del lavoro consisteva nel valutare il valore del terreno dopo lo smantellamento e la decontaminazione e dall’altro valutare il costo della decontaminazione. “In questo contesto, Arcelor finanzia le operazioni di risanamento di cui è responsabile, ed è ovvio che il conto totale sarebbe molto negativo per Arcelor.Francis Lefebvre ha confermato, “Ma ci siamo impegnati”..

READ  Bonus di fine anno, buoni pasto e spese di viaggio cancellati: come farà Schaerbeek CPAS a colmare il gap di 20 milioni di euro?

“La trattativa è stata complessa e faticosa, e questo è normale non siamo nel mondo di Care Bears, ma ognuno ha fatto la sua parte”.Da parte sua, Willy Borsus lo ha confermato. Risultati: Il valore dei quattro lotti messi insieme è stimato a 80 milioni di euro; Nello specifico si tratta dell’importo previsto per il riacquisto ma anche per “Finanziare il futuro di queste terre”..

Cambiare il piano generale

“Oggi il processo di riacquisto delle terre abbandonate a Liegi è in corso, ma per il governo e i suoi partner il lavoro di riconversione è iniziato diversi mesi fa, con la selezione di un team multidisciplinare guidato dall’Ufficio di pianificazione urbanistica e paesaggistica Agence Ter.”– Il ministro ha ricordato ancora.

Obiettivo: Definire le caratteristiche del master plan attraverso il quale verrà disegnato il futuro dei siti. Poiché le quattro terre sono “Diverso“Per la sua natura e la sua professione (industriale), il suo futuro è necessariamente diverso… tra l’attività logistica, l’economia circolare, lo sviluppo delle energie rinnovabili (industria del legno), o anche l’edilizia abitativa, le opzioni sono molte. “Ma in realtà il desiderio era quello di raggiungere un accordo globale sui quattro siti.Olivier Vanderest, di Wallonie Entreprendre, ha insistito.

Dall’edilizia abitativa all’HF6

In concreto, i siti acquisiti sono già oggetto di smantellamenti, e se Wallonie Entreprendre mantiene sostanzialmente il controllo di alcuni (tra cui Chertal), non è così ovunque. Pertanto, MG Properties è l’acquirente di HFB con una quota del 75% (leggi sotto).

A proposito di Chertal “Meno inquinato e più strategico”si parla già della commercializzazione dei terreni intorno al 2030. Per quanto riguarda il sito della Cokerie d’Ougrée, il sito più inquinato, che si estende su una superficie di 36 ettari, il consorzio Ecoterre ha acquisito il sito al 51% , e qui è chiaro che la professione resterà economica (industriale), ma si parla anche di economia circolare e di produzione di energie rinnovabili.

READ  TotalEnergies firma un accordo con il Qatar per sviluppare il più grande giacimento di gas naturale del mondo

Infine, per l’HF 6 le trattative sono ancora in corso… Una cosa è certa, però, questa è l’unica vera ubicazione.”Stato«In una zona residenziale. Con operazioni di decontaminazione più estese è possibile prendere in considerazione la possibilità di alloggiare lì.

HFB salvato

Il sito HFB è un patrimonio industriale leggendario, che svetta ancora nel cielo dell’Ougrée, ed è principalmente nelle mani di MG Real Estate. “Abbiamo in particolare come riferimento la riqualificazione dell’ex stabilimento Ford di Genk.Lo ha osservato Ignace Tytgat, amministratore delegato di MG Properties. L’acquisto di 33 ettari di HFB è giustificato soprattutto dalla posizione del sito.”Collegato al porto di Liegi e Anversa”. ““Quello a cui stiamo pensando qui è creare nuove attività, industriali e logistiche, e perché no sostenere le aziende locali”..

Quanto all’altoforno stesso, patrimonio industriale ufficialmente riconosciuto, potrebbe essere venduto per Eurosimbolico, se verrà presentato un progetto degno almeno di quel nome. Per quanto riguarda l’HF6, lo smantellamento e la lavorazione dell’HFB dovrebbero essere completati entro il 2026.

Annuncio dell’acquisto delle terre aride di ArcelorMittal da parte della Vallonia. ©Michele Tonio