Aprile 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecolo MP paragona gli atleti transgender agli atleti africani: ‘Vorrei scusarmi’ | Belgio

Ecolo MP paragona gli atleti transgender agli atleti africani: ‘Vorrei scusarmi’ |  Belgio

Margaux De Ré, parlamentare per l’Ecolo di Bruxelles, ha fatto scalpore sui social mettendo a confronto atleti transgender e africani. Ha modificato il post e ha ammesso il suo errore. “Il paragone è goffo e non serve allo scopo.”

Queste osservazioni fanno parte della controversia che circonda gli atleti transgender. L’Associazione internazionale delle federazioni di atletica leggera (IAAF) ha deciso di bandire le persone transgender dalle competizioni internazionali di atletica leggera femminile a partire dal 31 marzo. L’autorità ha giustificato la sua decisione volendo proteggere la classe femminile, in quanto gli attori del settore temono che le donne trans manterranno un vantaggio fisico rispetto alle donne biologiche.

A seguito di questa decisione, il ministro responsabile dello sport della Confederazione Vallonia-Bruxelles, Valérie Galatini (MR), ha annunciato la sua intenzione di rilevare la Lega francofona di atletica leggera con l’obiettivo di “creare una categoria specifica per gli atleti transgender”.


“Osiamo escludere gli atleti neri?”

Per Margot de Rey, parlamentare Ecolo di Bruxelles, l’iniziativa del ministro non passa. Crede che “lo sport debba rimanere sinonimo di liberazione e inclusione”.

“Non dobbiamo dimenticare che la performance nello sport è favorita soprattutto dall’apprendimento sociale e culturale. I ragazzi corrono più veloci perché gli è stato detto di farlo fin da piccoli, praticano maggiormente questa abilità durante la loro vita e hanno più modelli di ruolo per gli uomini in questo campo”, si legge su Instagram.

READ  Formula 1 | Ecclestone sbatte l'omaggio a Lewis Hamilton

Vuole anche sfatare quelle che considera nozioni preconcette e afferma che è sbagliato affermare che “le donne trans tendono a vincere di più nelle competizioni”. Per sostenere il suo punto, si è tuffata in un confronto a dir poco dubbio. “Alcune donne trans vincono, altre perdono. Questo non è un motivo valido per escluderle. Osiamo escludere le atlete nere dalle competizioni perché farebbero meglio delle atlete bianche?”

“Le donne nere sono discriminate, lasciateci in pace!

Molto rapidamente, il post ha suscitato forti reazioni sui social network. Giselle Abboud-Mbayoko, assistente di François de Smet (DéFi), parla di “paragone inaccettabile”. “Le donne di colore sono discriminate, lasciateci in pace! Parliamoci di noi stessi… Non c’è bisogno dei vostri paragoni. Non ci posso credere”, si lamenta. “È incredibile! Come è davvero possibile…”, aggiunge Sylvie Lausberg, psicoanalista ed ex presidente del Consiglio delle donne francofone in Belgio.

Di fronte alle proteste derivanti dalle sue osservazioni, il rappresentante Ekolo aggiusta la sua posizione e la rende responsabile. “Penso che non sia consigliabile fare paragoni tra l’oppressione, specialmente qui sulle donne trans e sulle donne nere. In realtà non serve affatto allo scopo. Vorrei scusarmi con gli arrestati. Tuttavia, le donne nere sono vittime di discriminazione diffusa, in particolare nello sport.





Leggi anche

Un deputato di Bruxelles Ecolo ha definito “aneddotica” la questione della strage rituale, provocando una pioggia di reazioni su Twitter

READ  Carlos Sainz potrebbe saltare il Gran Premio d'Australia e la Ferrari ha già annunciato il suo sostituto