Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mehdi Bayat parla del cambio di allenatore allo Charleroi: dal “doloroso” Edward Steele alla “senza pensiero” Phyllis Mazou

Mehdi Bayat parla del cambio di allenatore allo Charleroi: dal “doloroso” Edward Steele alla “senza pensiero” Phyllis Mazou

Mahdi Bayat, amministratore delegato dello Sporting de Charleroi, è stato ospite del programma de La Tribune lunedì sera. L’ex presidente della Confederazione belga ha affrontato in modo straordinario i momenti difficili che ha attraversato durante il suo licenziamentoEdoardo Steele Lo scorso ottobre, indietro Matsu è felice “A casa.”

dopo aver guidato Zebre Sesto in classifica al termine della fase regolare nel 2021-22, Edward Steele non è “sopravvissuto” al complicatissimo inizio di stagione di Carolus.

Dal ritorno di Felice Matsu, la squadra non ha giocato allo stesso modo. un souligné Mehdi Bayat. Ma questo non significa che Edward Steele abbia fatto cose cattive, ha lasciato un’enorme eredità. Ma purtroppo non ha più lavorato ed è stato molto difficile per me lasciarlo andare, è stata la prima volta in dieci anni che ho dovuto lasciare andare un allenatore durante la stagione. Fa davvero male. Quando ho dovuto dire a Edward che ci saremmo licenziati, avevo le lacrime agli occhi. Ma abbiamo dovuto voltare pagina abbastanza in fretta, perché ho delle responsabilità. Abbiamo dovuto prendere la decisione giusta molto rapidamente e, naturalmente, è stato un gioco da ragazzi (Niente da fare, ndr) ! Il ritorno di Phyllis Matsu è ciò di cui avevamo bisogno.

Felice, è un vero carollo nel cuore, Ha assunto la carica di amministratore delegato dello Sporting. Quando l’ho chiamato non credo ci siano state discussioni, abbiamo deciso molto velocemente che era la decisione migliore per lui e per noi. Phyllis è un grande allenatore per qualsiasi club (Quindi, anche per club “grandi”, ndr). Ma devi scegliere il momento giusto. Felice ha avuto due occasioni che difficilmente avrebbe potuto rifiutare, a Genk, i campioni del Belgio, che dovevano giocare in Champions League, ma è arrivato in un contesto molto complicato. Diverse partenze, un vallone che non parlava olandese nella roccaforte del Limburgo… Il Genk ha impiegato quasi un anno e mezzo per riprendersi. Anche all’Anderlecht la situazione era molto complicata dopo l’addio di Vincent Kompany. Non ha avuto la possibilità di dimostrare di avere le qualità di una grande squadra. Ha una leadership umana eccezionale e la capacità di correre più veloce di qualsiasi giocatore. Può trasformare un giocatore normale in un ottimo giocatore. Pochi allenatori hanno questa capacità. E tatticamente, è in grado di prendere decisioni rivoluzionarie. Ha tutto per essere un grande allenatore. Oggi, Phyllis ha il potenziale per andare in qualsiasi grande club, ovunque in Europa.

READ  Domenico Tedesco dovrebbe convocare Axel Witsel ai Red Devils per gli Europei? La Tribuna si pone