Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il lato nascosto della roccia: Jan Vertonghen parla per la prima volta dei suoi problemi psicologici – Tout le Football

Il lato nascosto della roccia: Jan Vertonghen parla per la prima volta dei suoi problemi psicologici – Tout le Football

Non possiamo dirlo abbastanza, i calciatori non sono robot. La testimonianza di Jan Vertonghen lo rende ancora più chiaro.

Dopo un inizio complicato Jan Vertonghen Si è rapidamente affermato come allenatore dell’Anderlecht. Pilastro della squadra grazie ai suoi interventi decisivi in ​​difesa, il Diavolo Rosso vive una seconda giovinezza a 36 anni. Tuttavia, ha avuto un periodo molto difficile al Benfica e verso la fine della sua avventura al Tottenham.

Sul podcast MedMed ha detto che la semifinale di Champions League contro l’Ajax (durante la sua penultima stagione a Londra) gli ha causato molti danni. Spiega che gli ci sono voluti diversi mesi per riprendersi dallo shock subito dalla guardia. André Onana.

“Ricordo molto chiaramente che non mi sentivo al 100% prima di quella partita – spiega -. Erano successe molte cose in quel momento. La combinazione di quel duro colpo e del non sentirmi bene mi fece soffrire per altri nove mesi”.

Buono per il servizio di nuovo ad Anderlecht

Vertonghen lo spiega dopo essersi addormentato sull’autobus dopo aver perso la finale contro di lui LiverpoolLe sue condizioni peggiorarono ulteriormente: “Sono andato a trovare quasi tutti gli specialisti, ma non è stata trovata alcuna spiegazione. Non potevo andare al ristorante, altrimenti mi addormentavo in pubblico. Non sopportavo più la folla”.

Il mese prossimo: “Agosto sono soddisfatto dei problemi psicologici. Se vedo le foto di quest’anno voglio sapere cosa ho scelto di non fare. Ho differenze diverse. Sul terreno”.

Il Diavolo Rosso spiega di essersi sentito meglio dopo la pandemia da coronavirus, durante la quale ha potuto prendersi una pausa: “È strano dirlo, ma questa è la mia salvezza. Sono due anni che mi sento bene, ma sono sobrio da allora.” “Ho il lusso di fare un lavoro che amo, ma mi rendo anche conto di cosa possono significare questi problemi per coloro che ne soffrono.”

READ  Mondial en Russie : Selon des écoutes téléphoniques, Michel Platini aurait reçu en cadeau une œuvre de Pablo Picasso