Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘È troppo’: quei vaccinatori che rifiutano le iniezioni di richiamo

A partire dal 15 gennaio, tutti gli adulti devono giustificare la ricezione di una dose di richiamo al massimo sette mesi dopo la dose precedente, altrimenti il ​​loro pass verrà revocato.

Una terza dose? Da parte sua, Kevin Perotti, 27 anni, ha dichiarato: “Non ci sono dubbi”.

Né antivax né antipass, questo autista di ambulanza di Montmartin-sur-Mer (Normandia) soggetto all’obbligo di vaccinazione preferisce interrompere il suo lavoro “finché le cose non si calmeranno” e sta già pensando a una “riqualificazione” in settori dove non c’è il permesso sanitario necessario .

Si pente persino di aver ricevuto due dosi. “Le condizioni di vita non sono più piacevoli di chi non è stato vaccinato e io non ho più libertà: mi costringono a indossare una mascherina e devo isolarmi se vengo a contatto”, ha sospirato.

“Vogliono vaccinarci di nuovo perché la nostra immunità si sta deteriorando, ma ciò non significa che se ne andrà”, pensa Dominique, 70 anni, che vive ad Angouleme.

Dal 15 dicembre è scaduto il QR code sull’app TousAntiCovid. La sua opzione: posticipare il più possibile la scadenza del vaccino di richiamo perché non vede il “beneficio immediato”. Due dosi sono sufficienti per proteggerla, dice, dicendo che è “in buona forma”.

Inoltre, afferma, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) “raccomanda come priorità la vaccinazione dei paesi poveri, quindi perché dovrei preferire un occidentale?”

La prospettiva di un vaccino di richiamo preoccupa anche Loïc, lo studente di economia di 24 anni. Le due dosi “non gli hanno mai dato fastidio”, stava “avallando” il vaccino e stabilendo la tessera sanitaria. Ma dal momento che ha sentito parlare della terza dose, sta “interrogando sulla pressione” esercitata dai gruppi farmaceutici.

READ  après avoir cru à une «remontada», l'équipe de Mélenchon, 3e derrière Le Pen, reconnaît que l'écart sera trop important

“I promemoria ci sono per tutte le altre vaccinazioni, ma lì è così vicino. Non è necessario. Dobbiamo fermare questo ciclo infernale, e di questo passo possiamo arrivare a 20 dosi!” , orgoglio.

Kevin, Dominique e Loïc si dicono tutti preoccupati per gli effetti collaterali che attribuiscono ai booster e per l’uso di vaccini diversi a seconda delle iniezioni.

In Francia, il vaccino potenziato con mRNA (Pfizer-BioNTech o Moderna) deve essere prodotto, indipendentemente dal vaccino utilizzato durante le prime dosi.

“ripristinare l’immunità”

La migliore difesa contro la variante Omicron per le persone vaccinate con AstraZeneca o Janssen è “aggiungere una dose del vaccino RNA messaggero”, afferma la professoressa Elizabeth Buffett, presidente del Comitato tecnico sulle vaccinazioni all’interno dell’Alta Autorità per la salute (HAS).

“Con boost il fattore di protezione raddoppia di cinque”, grazie alla presenza di anticorpi neutralizzanti “dall’80 al 90%” (contro il “20 al 30%” nei vaccini a doppia dose). “È una spinta di cui tutti hanno bisogno. Aiuta a ripristinare l’immunità a Omicron. Lì, davvero, non esitare, dovresti essere vaccinato!” , insiste l’esperto.

Mary, avrebbe voluto aspettare “almeno un anno da ricordare, come l’influenza”.

“Durante la mia seconda dose, gli effetti collaterali mi hanno colpito: febbre, infiammazione del braccio, estrema stanchezza… Non voglio riprendermelo”, ha detto il 32enne autoimprenditore.

Ma le sue riserve sulla terza dose possono essere sciolte più velocemente di quanto lei voglia. Per un semplice motivo: “Non so se vivrò senza permesso sanitario…”

In Francia, secondo i dati ufficiali, al 15 dicembre sono state somministrate circa 16,7 milioni di dosi di richiamo. Il ministro della Salute Olivier Veran spera “20 milioni entro Natale”.

READ  Emmanuel Macron parla dopo le elezioni legislative: la Francia deve "imparare a governare in modo diverso"