Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due scandali in tre mesi, il cioccolato belga è in fermento: dobbiamo preoccuparci?

Ferrero a inizio aprile e Barry Callebaut a fine giugno: in meno di tre mesi, due colossi del mondo del cioccolato si sono trovati di fronte a uno scandalo sanitario legato alla salmonella. Se i due casi vengono distinti sulla base dei fatti, questo è un duro colpo per Barry Callebaut. Se questo nome non significa nulla per il grande pubblico, è il più grande produttore di cioccolato del paese. In questa fabbrica le materie prime (fagioli, grassi, zucchero, ecc.) vengono trasformate in cioccolato liquido o a cubetti che andranno poi a fabbriche di gruppi più grandi come Mondelez (Cote d’Or, Milka, LU o anche Toblerone per citarne alcuni). dei marchi).commercial), Neuhaus, Galler, ma anche tutta una catena di cioccolatieri artigianali.

Basti pensare che la sospensione delle attività emessa lunedì sera alla scoperta del batterio mette in crisi un intero settore.

A titolo di promemoria, Barry Callebaut ha annunciato mercoledì sera di aver trovato tracce di salmonella nella sua produzione e ha immediatamente chiuso il suo stabilimento situato a Wieze, nelle Fiandre orientali. Martedì l’azienda ha contattato Afsca, che si è recata sul posto. SRispetto a Ferrero, è necessario evitare di confrontare i due fileavverte Allen van den Broek, portavoce dell’Afsca. Le indagini e le analisi sono ancora in corso, ma Barry Callebaut ci ha contattato molto rapidamente e ha deciso di chiudere internamente lo stabilimento. Non dovevamo interferire come in Ferrero. Siamo impegnati a cercare l’origine del problema, e soprattutto a fare in modo che nessun consumatore entri in contatto con prodotti contaminati. Secondo i nostri primi articoli, nessun prodotto è ancora finito sul mercato.

io Secondo la nostra indagine interna, non esiste più alcun rischio per la sicurezza alimentare. Afsca continua a indagare in modo indipendente al fine di convalidare questa conclusione.n afferma Cornell Warloop, portavoce di Barry Callebaut.

READ  L'étudiant qui traquait Elon Musk s'attaque maintenant à Poutine et aux oligarques russes

Buone notizie per i consumatori che richiedono una chiara verifica. E i marchi provenienti da Barry Callebaut non sembrano nascondersi dietro la colpa dei loro fornitori. cNoi di Mondelez garantiamo che nessun prodotto contaminato è arrivato in nessun negozioconferma Annick Verdigim, portavoce della multinazionale. Al momento non vi è alcun rischio per la sicurezza alimentare. Molti dei nostri stabilimenti situati in Europa sono forniti da Barry Callebaut Chocolate e i lotti infetti non sono entrati nei nostri stabilimenti perché siamo stati in grado di interrompere il processo in tempo. Solo una pianta è stata contaminata. Si trova in Francia e non produce nulla per il mercato belga. È chiuso durante la disinfezione. Tutta la merce danneggiata è stata distrutta.

Da parte sua, Barry Callebaut, senza fornire un elenco completo, rileva che fornisce 73 clienti in Belgio. Si tratta dei più grandi marchi (tra questi non Leonida o Marcolini, ndr), ma anche degli artigiani del cioccolato. “Fortunatamente per noi dobbiamo ordinare solo questa settimana.”Qualcuno spiega.

Anche per Art of Praslin, una fabbrica di cioccolato artigianale situata a Wavre, vogliamo essere rassicurati. Ordiniamo Dan ChocolateUn altro stabilimento a Barry Callebaut, e abbiamo la nostra ricetta che non fa parte della produzione complessiva. Collaboriamo con Barry Callebaut da almeno 50 anni e noiNon abbiamo mai avuto problemi.

I più ottimisti diranno che succede anche con i migliori, ma resta difficile da accettare per chi ha visto la propria pianta contaminata (vedi altrove).

E se l’indagine farà luce sulla causa esatta di questa contaminazione, i primi elementi indicano che un prodotto chiamato lecitina è la fonte dell’infezione. È un emulsionante che lega insieme diverse molecole durante la produzione del cioccolato.

READ  Di fronte all'aumento dei prezzi del carburante, gli automobilisti stanno adattando il loro comportamento

Secondo Barry Callebaut, è un prodotto base che dona fluidità al cioccolato. Se il problema è causato dalla lecitina, è possibile che il fornitore della fabbrica abbia importato la salmonella lì. Ha un impatto sulla produzione, ma anche sulla distribuzione. Ovviamente un problema del genereDiverse settimane per adeguarci e rischiamo di affrontare gravi interruzioniafferma Annick Verdigim, portavoce di Mondelez. Contiamo su cosa succede a Barry Callebaut.

E in termini di prezzi? Dovresti sapere che il cioccolato è già gravemente colpito dall’inflazione e dall’esplosione dei prezzi delle materie prime. L’importazione di fave di cacao è diventata molto costosa, così come i costi di produzione. Alcuni cioccolatieri affermano di aver visto un aumento del 20-30% della loro spesa nelle ultime settimane.

Questo scandalo su larga scala non dovrebbe aiutare, anche se la paura è più da una carenza di scorte che da un’esplosione dei prezzi.

Ferito anche Newhouse: “Siamo stati avvisati troppo tardi”

Tra i grandi clienti di Barry Callebaut c’è Neuhaus. Il cioccolatiere, che possiede anche Corné Port-Royal, si trova intrappolato in questa crisi sanitaria e vedrà le sue attività interrotte per alcune settimane. Abbiamo la nostra ricetta e il nostro tipo di cereale, ma il cioccolato crudo è prodotto da Barry Callebaut, sìha spiegato Ignace Van Doorselaere, CEO di de Neuhaus. Come sapete, tutti i lotti consegnati dallo scorso fine settimana potrebbero essere infetti da salmonella. Così abbiamo interrotto la nostra produzione non appena l’abbiamo saputo..

Il problema è che Neuhaus ha dovuto aspettare fino a mercoledì sera per essere avvisato, momento in cui la sua pianta sarebbe stata probabilmente infettata. Nelle nostre fabbriche è già stato utilizzato molto cioccolato potenzialmente contaminatoLui dice. Ciò significava che dovevamo isolare e distruggere tutta la produzione e l’inventario coinvolti, oltre a chiudere la nostra fabbrica. Siamo impegnati a ripulirlo e chiameremo un’azienda specializzata. Dovremo chiudere la nostra fabbrica per 2 o 4 settimane e speriamo di poter tornare al lavoro al 100% all’inizio di agosto. Fortunatamente, abbiamo scorte per garantire vendite in 3 o 4 settimane..

READ  Conséquence de l'augmentation du prix de l'énergie et de l'inflation, les salaires bruts sont en hausse

Questo può causare grandi perdite. Siamo stati avvertiti anche noiTerra, questo è ciò che mi sorprende di piùrespira. Se sapevano già che c’era un problema lunedì sera, perché hai aspettato due giorni per farcelo sapere? Questo ritardo è troppo lungo e avremmo potuto evitare di usare questo cioccolato e di dover disinfettare tutta la nostra fabbrica..

Una domanda che merita una risposta, e forse un compenso, perché il 100% della produzione di Neuhaus proviene da questa fabbrica di Vlezenbeek. unn si parla di 80 tonnellate di cioccolato da distruggere, per non parlare del costo della pulizia e della completa chiusura della produzioneha continuato. Ma la cosa più importante per noi è che siamo sicuri al 100% che nessun cioccolato infetto raggiungerà i nostri negozi!

Cosa rompe la fiducia con Barry Callebaut? “Questa è la prima volta che abbiamo un problema con loro e non intendiamo interrompere la nostra collaborazione. Ma alcune domande richiedono risposte…”