Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aumento dei prezzi, disordini sociali e minaccia di penuria: gli esperti lanciano l’allarme in inverno senza gas russo | residenza

l’inverno sta arrivando. È probabile che questo inverno sia rigido. In termini meteorologici, questo è possibile. Economicamente, è molto probabile. In questione, il gas russo, di cui l’Europa potrebbe presto essere completamente privata, avrà gravi conseguenze per interi settori dell’economia e dei cittadini in generale. A lanciare l’allarme sono molti gli esperti intervistati da HLN.


scrivere


Ultimo aggiornamento:
09:46


fonte:
ultime notizie

Mentre l’estate è appena iniziata, il prossimo inverno è al centro di tutte le discussioni e fonte di preoccupazione. Molti esperti temono il rigido inverno. Non per le temperature potenzialmente basse – anche se ciò non fa che peggiorare le cose – ma soprattutto per i pericoli di una carenza di gas e le sue molteplici conseguenze.

Perché la Russia potrebbe presto chiudere del tutto il rubinetto del gas europeo. Questo è già il caso in Polonia, Bulgaria e Paesi Bassi. Meno gas sta attualmente transitando attraverso il gasdotto Nord Stream 1 e questo è palpabile in Germania, punto di approdo, ma anche in tutta Europa. Inoltre, i tedeschi, fortemente dipendenti dal gas russo, temono che la Russia non riaprirà presto il gasdotto dopo la manutenzione programmata, sottolinea Thijs van de Graaf, professore di politica energetica internazionale all’Università di Gand. Un inverno europeo senza gas russo si profila all’orizzonte.

‘Allerta rossa’ per l’Europa

Molti paesi europei hanno previsto questo rischio di penuria e hanno già chiesto il risparmio energetico. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE), questo non è altro e niente di meno che un “allarme rosso” per l’Europa. A livello nazionale, l’ufficio del ministro dell’Energia, Tine van der Straiten, riconosce che la situazione è grave e che il nostro Paese si sta preparando a tutti gli scenari possibili.

READ  Over 65 con immunodeficienza: “Gli attuali schemi vaccinali non bastano più a proteggere i più vulnerabili”, cosa fare?

Secondo Theis van de Graaf, Vladimir Putin ha tutte le intenzioni di usare il gas come arma di distruzione di massa contro gli europei. Il maestro del Cremlino sa di aver perso l’Europa come cliente a lungo termine, e privandola del gas spera di provocare disordini sociali e cambiare l’opinione pubblica sul sostegno alle sanzioni e all’Ucraina.

Leggi di più sotto l’immagine

Putin spera di fomentare discordia tra la popolazione europea. © AFP

Solidarietà Europea

Johann Albrecht, professore di economia ambientale, ritiene improbabile una carenza di gas in Belgio, data la sua posizione di centro europeo per il gas naturale, ma anche per il gas liquefatto. Secondo i dati dell’operatore di rete del gas Fluxys, il nostro Paese esporta attualmente tre volte e mezzo più gas naturale di quello che consuma. Tuttavia, il mercato è molto ristretto, risponde Thijs Van de Graaf. Osserva in particolare che il Regno Unito stava già progettando di chiudere gli oleodotti con il Belgio ei Paesi Bassi in caso di carenza.

Inoltre, il Belgio non è un’isola e dovrà rispettare il meccanismo europeo di solidarietà, ricorda l’esperto.

Oltre al tema dell’approvvigionamento del gas, un’altra componente particolarmente importante sarà: il suo prezzo. È già molto alto al momento, ma potrebbe aumentare ulteriormente nelle prossime settimane e mesi. “Il prezzo del gas potrebbe salire a livelli senza precedenti”, avverte Matthias Determere, trader di Elindus, fornitore di energia in Belgio esclusivamente per liberi professionisti, PMI e aziende.

Rischi per l’intera economia: una ‘bomba a orologeria’

I prezzi estremamente elevati avranno sicuramente gravi conseguenze per molti settori e industrie, avverte Peter Claes, Direttore di Vibelek, l’Associazione dei consumatori di energia industriale del nostro paese. “È una bomba a orologeria”, avverte. “Sempre più industrie minacciano di chiudere, il che significa che alcune materie prime e prodotti non verranno prodotti, le catene di approvvigionamento si fermeranno e dovremo affrontare costi aggiuntivi e carenze. Ogni azienda che deve interrompere la produzione crea più problemi alle aziende a valle e i prodotti stanno diventando scarsi. Siamo in una situazione molto precaria. “, avviso.

A rischio soprattutto il settore alimentare. “Operiamo in un settore ad alta intensità energetica, dove è importante elaborare le materie prime in modo tempestivo”, conferma Bart Paes di Vivia, l’associazione di settore dell’industria alimentare. Il governo dovrebbe considerare il settore alimentare come un settore essenziale e garantire che il gas sia disponibile in caso di problemi. Perché se la popolazione rimane senza cibo, ovviamente avremo un problema serio”.

La crisi energetica porterà inevitabilmente a una crisi economica. “Potremmo arrivare a un punto in cui l’intera economia inizia a esaurirsi”, ha affermato Thijs Van de Graaf. “La Germania è il nostro principale partner commerciale. Se la sua economia è colpita, avrà inevitabilmente delle implicazioni qui. Gli studi hanno dimostrato che il razionamento obbligatorio della benzina può far precipitare l’economia tedesca in recessione. Questo è estremo, ma ragionevole”.

shock energetico

L’esperto è pessimista per questo inverno. “È improbabile che ne usciremo illesi. Siamo stati in uno shock energetico per mesi. Il peggio deve ancora venire. Ursula von der Leyen (presidente della Commissione europea) ha recentemente affermato che dobbiamo prepararci al peggio. Questo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno. L’Europa deve prepararsi collettivamente. A partire da oggi, risparmia quanta più energia possibile”.