Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Djibril Cisse visita la direzione: “Mi ha addolorato vedere Eric Gerets in questo stato”.

Djibril Cisse visita la direzione: “Mi ha addolorato vedere Eric Gerets in questo stato”.

Dopo essere stato invitato a Bruxelles dall'associazione We Can Speak per partecipare a una conferenza sul calcio professionistico e le sue insidie, Djibril Cisse ha fatto il giro della redazione del DH giovedì mattina. Arrivò vestito tutto di nero, sorridente. “Sabato andrò a Liverpool per giocare con le leggende dei Reds contro i diplomati dell'Ajax ad Anfield. Non vedo l'ora di giocareCe lo spiega mentre cerca la composizione del kernel olandese nei suoi messaggi WhatsApp. Guarda, ci saranno Edgar Davids, Jari Litmanen e Simon Tahamata. Formerò l'attacco con Fernando Torres. Hai già visto? Funziona molto.”

Chiacchierare per qualche minuto con il francese, che ha giocato nel Liverpool, nell'Olympique Marsiglia, nella Lazio o nel Panathinaikos, ti riporta con un pizzico di nostalgia in un'epoca non così lontana. A 42 anni, la vita del vincitore della Champions League nel 2005 è scandita dal suo lavoro come allenatore degli attaccanti dell'Auxerre, consulente televisivo e DJ. Il che lo porta regolarmente in Belgio. Abbiamo colto l'occasione per parlare dei suoi diversi legami con il nostro Paese.

Criterio – Kortrijk Cosa dovresti ricordare: eccitazione prima della partita, noia durante, ansia dopo

DJ Flash (a sinistra) e Djibril Cissé (al centro) durante il concerto allo Standard-Courtray del 20 gennaio. ©Fred Moyes/Standard

Gabriel, come sei finito in campo il 20 gennaio nella partita contro il Kortrijk?

“Via Gary, alias DJ Flash. Mi ha chiamato per fissare un appuntamento mentre suonavamo insieme a Liegi (Nota del redattore: Come un DJ) Mi aveva invitato poco prima alla partita standard. Ho visto dei tifo bellissimi con l'immagine dei giocatori storici del club. C'era vera gioia e vera comunicazione tra giocatori e tifosi. 125 anni da festeggiare. La Standard lo ha fatto molto bene, anche se il risultato è stato scarso (0-1 contro Courtrai) “Non era quello che speravamo.”

Nawras

Prima di venire a gennaio non avevo un buon ricordo di Clesin.

Hai visto delle grandi vibrazioni nella tua carriera. Ti impressiona ancora?

“Sì, l'ho detto agli ex giocatori ma anche a quelli attuali: siete fortunati a crescere in un'atmosfera del genere. Questo stadio è noto per la sua fantastica atmosfera. Anche se devo ammettere che prima della mia visita di gennaio, non avevo un'ottima esperienza”. ricordi di Sclessin. Lì fui eliminato col Panathinaikos agli ottavi di Europa League. Questo accadde nel 2010. Fu molto doloroso (sorridente)“.

READ  Formula 1 | Verstappen saluta la Honda: senza di loro non ci saremmo riusciti

A quel punto l'Inferno di Sclessin ti aveva già segnato?

“Sì, c'era un'atmosfera molto bella, soprattutto perché lo Standard era già andato in vantaggio in casa all'andata (vittoria per 1-3). Quindi lo stadio era molto caldo”.

Nawras

Il Belgio sarà sempre il Paese che scelgo per il mio debutto con i Blues.

Questo non è l'unico souvenir belga della tua carriera.

“No, ovviamente. Per me il Belgio sarà sempre come il paese contro il quale ho giocato la mia prima selezione per la Francia. Era prima del Mondiale del 2002. Ho sostituito David Trezeguet all'intervallo e ho fatto una rimonta brillante, in particolare mettendo un colpo di testa sopra la traversa. Ma questa partita finì per essere persa dopo uno splendido gol segnato da Wilmots nei minuti di recupero.

Ci saranno anche compagni belgi che si iscriveranno?

“Cito innanzitutto Guillaume Gillet. Siamo diventati molto amici dopo la nostra visita congiunta a Bastia. È un ottimo amico. È come i belgi: persone divertenti, persone che creano l'atmosfera e sono molto accoglienti. È sempre bello avere questo “Guillaume mi ha invitato al suo compleanno a fine marzo, ma sarò in Malesia. Con le leggende del Liverpool, affrontiamo le leggende del Manchester United”.

E in quelli che hai incontrato, ci sono ricordi particolari?

“Ho giocato molto contro Daniel van Buyten. Era forte, potente e aveva un ottimo colpo di testa. Era un giocatore completo e ha vissuto i giorni migliori della mia squadra, il Marsiglia. È un ragazzo molto simpatico e mi piace. Quando ci incontriamo, parliamo e andiamo molto d'accordo.”

Eri Gerets sapeva abbracciare quando era necessario, ma ululava anche quando ne aveva voglia.

Un altro ex giocatore dell'OM che ho incontrato di recente è Eric Gerets. Era con te allo Standard Hotel lo scorso gennaio. È stato anche premiato come leggenda del Liegi FC.

READ  La squalifica di Romelu Lukaku contro la Juventus è stata finalmente annullata "su base straordinaria e straordinaria"

“Sì, ci siamo visti. Sono stato molto felice di vederlo. È stato inaspettato per me e per lui. C'era molta emozione. Lui sa che ho lasciato il Marsiglia perché mi ha messo molto in panchina, ma io non biasimarlo affatto. E mi fa davvero male il cuore.” Vederlo così (Nota del redattore: Asad Rakam ha avuto maggiori difficoltà a muoversi negli ultimi mesi, a causa di un'emorragia cerebrale nel 2012.) Voglio ricordare Eric Gerets del Marsiglia, che non aveva paura di entrare nei giocatori e dire quello che voleva dire. Sapeva abbracciare quando ne aveva bisogno, ma anche urlare quando ne aveva voglia. Questa è l'immagine che ho di lui. Salvo solo i bei momenti.

Le condizioni di salute di Eric Gerets si chiedono: “Il corpo non segue più”

Quando incontri un belga per strada, qual è la prima cosa di cui ti parlano?

“Dal Liverpool. Ci sono tanti tifosi dei Reds in Belgio”.

Giochi ancora a calcio?

“Certamente. Sono stato particolarmente impegnato nella stagione del futsal, anche se non è necessariamente il mio sport. A me serve la corsa, lo spazio, la profondità. Ma mio cognato Sampiero Fini è il portiere della squadra francese di futsal, quindi è uno sport che guardo e amo molto.” Inoltre, presto verrò a giocare a Liegi, nell'ambito di una partita di beneficenza.

Come riassumeresti la tua nuova vita?

“Faccio ciò che amo e ciò che amo. Faccio cose che mi rendono felice e mi concedo questo lusso. Ho tre attività principali: sono allenatore degli attaccanti dell'Auxerre, sono consulente media per L'Equipe TV. E oltre a questo, mi occupo di musica, come DJ.

Qual è la tua opinione consultiva sul Belgio in vista di Euro 2024?

READ  Felice Mazzù après le partage de l'Union : "Un point suffit à nos adversaires"

Penso che la tua squadra sia ancora competitiva e pericolosa, nonostante il rinnovamento gestionale. Ma tutto dipende dalla condizione della squadra nei momenti importanti, contro le grandi rivali. Per me il Belgio è un candidato per vincere il titolo”.

E per questo servirà lo strepitoso Romelu Lukaku. Giocatore che ti piace?

“Immensamente. È un bravissimo giocatore, segna gol ovunque vada. È stato criticato tante volte ma è un ragazzo forte mentalmente. I critici sembrano migliorarlo ed è molto forte”.

Nawras

Eden Hazard è stato onesto riguardo alla fine della sua carriera.

Sarà, invece, senza Eden Hazardandato in pensione all'età di 32 anni. Nei tuoi libri menzioni spesso lo stile di vita sano per gli atleti. Questo ritiro anticipato dal calcio ti ha sorpreso rispetto a Eden?

“No, non sicuramente. Da quello che ho capito il suo ritiro è soprattutto una questione di voglia e motivazione. Ha avuto anche degli infortuni. Non credo abbia niente a che vedere con il suo stile di vita. Potrebbe andare a letto alle 21 tutte le sere” , ma non vuole più giocare a calcio e farsi male”. Non più. Il suo corpo è il suo strumento ed è stato onesto in questo senso. Lo trovo buono. Era schietto, non si imponeva. Ho Grande rispetto per la sua carriera, non sapremo mai se avrebbe potuto fare di più, ma allo stesso tempo non ci interessa: “Preferisco ricordare cosa ha fatto piuttosto che cosa avrebbe potuto fare”.

Infine, che consiglio daresti ad un giocatore che inizia a giocare a livello professionistico per trovare la sua giusta dimensione?

“Sii il più serio possibile, presta attenzione al tuo corpo e ascolta attentamente. Sii paziente, il talento non è tutto. Per essere un grande giocatore, non serve solo talento, serve anche una mente forte.

Djibril Cisse è intervenuto giovedì sera in una conferenza a Bruxelles, con Swan Borsellino e l'organizzatore Jean-Siméon Moussa. © Bernard Demoulin