Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dietro i prezzi bassi Il costo sociale della distribuzione degli sconti: “Sta peggiorando” | mondo

Dietro i prezzi bassi Il costo sociale della distribuzione degli sconti: “Sta peggiorando” |  mondo

I marchi discount e le loro fasce di prezzo più basse sono preferiti dai clienti, soprattutto in tempi di alta inflazione quando i consumatori cercano le migliori offerte. Ma dietro questi successi ci sono condizioni di lavoro che i dipendenti denunciano regolarmente.

Più prodotti da mettere sugli scaffali, più clienti di cui prendersi cura… Il dinamismo commerciale dei cosiddetti specialisti a basso prezzo come E. Nel 2022, la quota di mercato in Francia, secondo il membro del comitato Kantar, si traduce in lavoro aggiuntivo per il personale.

Perché la situazione dello “sconto” non vale solo sulle etichette, ma anche nella gestione del personale, denunciano alcuni sindacati. Aldi, che rappresenta 1.309 discount su 3.435 nel Paese, “a livello sociale è uno sconto difficile e sta solo peggiorando”, accusa Fred Leblond, rappresentante del sindacato nel nord della Francia.

Per la sociologa del lavoro Cyrine Gardes, “operare con una forza lavoro ridotta”, ad esempio complicare la messa in congedo per malattia dei negozi e la versatilità del personale sono caratteristiche chiave del lavoro “a basso costo” nel settore. .

Molestie morali e discriminazione sindacale

Negli ultimi mesi, i disordini sociali hanno portato a scioperi nell’avversario. Alla fine del 2022, lo stabilimento Aldi di Dammartin-en-Goële, che fornisce quasi 200 negozi alla sua filiale di Brie, sta vivendo un movimento di portata senza precedenti, dal 7 dicembre alle festività di fine anno.

L’obiettivo era multiplo: colpire l’azienda in portafoglio in un periodo di alta attività, pretendere più mezzi per migliorare il proprio lavoro quotidiano, fissare una data prima delle trattative annuali obbligatorie (NAO), spiegano Isabelle Bove e Frédéric Oliveira, rappresentanti delle CGT locali. Tuttavia, “Ci hanno dato solo un aumento del 2%, più alcuni vantaggi. Questo è ciò che ci ha fatto perdere”, si lamentano.

READ  L'"effetto valanga": l'avvertimento della SAI sul bilancio federale

“Per quanto riguarda i salari, garantiamo un dialogo continuo con gli organi di rappresentanza dei lavoratori”, ha confermato all’AFP la direzione di Aldi, spiegando che questi scambi hanno permesso di trovare su tutto il territorio francese un “accordo nel 2023” sulle ong.

Anche nella rivale Lidl, CFDT ha scioperato all’inizio di marzo per chiedere salari più alti, visti i buoni risultati economici dello scorso anno. Con LSA Specialist Media l’8 marzo, il direttore delle risorse umane di Lidl ha confermato che il suo marchio “mantiene un bonus superiore al mercato” e che a metà ottobre 2023 verrà pagato un bonus di condivisione del valore, oltre a un “bonus di condivisione e un bonus di partecipazione agli utili “.

Lidl negli ultimi anni si è trovata nel mirino della giustizia in Bretagna per sospetto di molestie morali e discriminazione sindacale. Una direttrice di un negozio ha persino posto fine alla propria vita nel settembre 2021, lasciando una lettera in cui condannava il suo atto.
In questo settore, “i quadri intermedi possono subire forti pressioni dalla sede centrale, dove gli obiettivi di produttività sono legati agli stipendi, ad esempio”, spiega la sociologa Serene Gardis.

La buona volontà del presidente

All’inizio di dicembre, il quotidiano L’Humanité ha indagato sulle condizioni di lavoro presso il principale rivenditore francese, E.Leclerc. Conclusione: la politica sociale dipende dalla buona volontà di ogni negoziante indipendente. Unica regola da seguire per far parte del gruppo: pagare ai dipendenti il ​​25% dell’utile netto ante imposte.

Un altro grande nome della distribuzione alimentare francese, Carrefour, è regolarmente rimproverato dai rappresentanti del suo sindacato, attualmente mobilitati contro un progetto di regolamentazione del lavoro, progettato per “soddisfare i clienti”, ma che, a loro avviso, è viziato e minaccia la salute degli impiegati.

READ  Molti belgi possono sorridere di nuovo e trasformare in realtà i loro progetti immobiliari!

“Ovviamente adottiamo una logica di intensificazione del lavoro, per risparmiare tempo con ogni pallet posizionato sugli scaffali”, spiega ad AFP Sylvain Masset, delegato CFDT all’interno del gruppo. Una cassiera del Carrefour Nice, Laila Khalifeh, 46 anni, anch’essa iscritta al sindacato CFDT, ha dichiarato all’AFP che “è già riuscita a perdere la salute fisicamente”, soprattutto a livello della spalla sinistra. “Scansiona” i prodotti.

“Buon posto per lavorare”

Lavorare in condizioni di deterioramento non è inevitabile. Venti supermercati sono stati certificati “un ottimo posto in cui lavorare” dall’omonima società, ha osservato a gennaio il media specializzato Linéaires, mentre in Francia ci sono più di 11.000 ipermercati e supermercati, secondo la federazione di settore (FCD).

Il malessere vissuto da alcuni dipendenti è alimentato anche da un senso di vulnerabilità legato al contrasto tra lo status di “quelle persone che erano eroi ed eroine in prima linea” durante la crisi del Covid-19, ricorda la sociologa Siren Gardez, riferendosi a un espressione poi usata da Emmanuel Macron., e la “significativa perdita di potere d’acquisto” che hanno subito negli ultimi mesi a causa del forte rialzo dei prezzi.

E aggiunge: “Sarebbe bene che lo Stato guardasse più da vicino queste aziende non solo nei salari, ma anche nel modo in cui il lavoro è organizzato ea quali condizioni viene svolto”.

Leggi anche

‘Tra dieci anni ci saranno solo negozi in franchising’: altri brand seguiranno Delhaize?