Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Decrittazione: acquistare una casa o un appartamento è diventato un lusso irraggiungibile?

Decrittazione: acquistare una casa o un appartamento è diventato un lusso irraggiungibile?

Diventare proprietario della propria casa è un sogno che sta diventando sempre più difficile da realizzare per i belgi. Di fronte a prezzi sempre crescenti, i potenziali acquirenti devono trovare soluzioni o rinunciare al proprio sogno.

Un buon esempio vale più di mille parole: nel 1993, con uno stipendio medio, se dedicavi l’intero stipendio all’acquisto di una casa media, dovevi lavorare 6 anni e 3 mesi. Nel 2023, sarà il doppio del tempo necessario per ottenere la stessa casa.

L’esempio è ancora più eclatante per gli appartamenti. 30 anni fa, questa residenza rappresentava due anni e mezzo di lavoro. Oggi equivale a 11 anni e 3 mesi di stipendio. Pertanto, la percentuale è aumentata più di quattro volte.



Devi scendere a compromessi“, si lamentava Agostino, il giovane compratore che abbiamo incontrato.





Un sostegno sempre più importante per i genitori

Di fronte a questa realtà implacabile, gli acquirenti più giovani e quelli con i portafogli più svantaggiati si trovano fortemente limitati nelle loro possibilità di acquisto. Una soluzione tra le altre, ma anche questa non alla portata di tutti: chiedere aiuto ai genitori.

Alla fine del 2023, il nostro barometro informativo di punta RTL, Ipsos Le Soir, ha rivelato che la maggior parte dei belgi ritiene che i giovani non possano più acquistare una proprietà senza l’aiuto dei genitori. Questa è l’opinione condivisa dal 76% dei valloni e dal 71% dei brussellesi.

READ  RTL Belgio cambia organizzazione
-->





Lo vediamo molto chiaramente nelle visite“, osserva Christoph Hendricks, direttore di un’agenzia immobiliare. “La suocera dà la sua opinione e il padre dà la sua. A volte partecipano ai negoziati e aiutano i giovani perché devono esserci fondi privati“.

Cambia anche la tipologia dei beni richiesti. Nel corso degli anni, gli acquirenti più giovani si sono orientati maggiormente verso case più piccole e/o meno isolate, e quindi meno costose.





Verso una crisi immobiliare?

La maggioranza dei belgi concorda anche sul fatto che le banche dovrebbero ridurre gli standard di fornitura di capitale. È il caso del 65% dei valloni e del 60% dei brussellesi.





Attualmente, per un immobile valutato 350mila euro, “Possiamo iniziare con una busta del valore di 80.000 euro in azioni“, Dettagli del notaio Edouard Jean Navez.”Si tratta di una grossa somma che molti giovani non hanno.“, ha ammesso.

Quando l’aiuto della famiglia (o qualsiasi altra soluzione) non è possibile, i giovani preferiscono rimandare l’acquisto o puntare su un immobile da ristrutturare. Pratica meno costosa.

Come risultato di tutta questa situazione, l’età media di chi acquista per la prima volta non è mai stata così alta: 34 anni. Circa quindici anni fa, quell’età sarebbe stata di 28 anni. In questo senso, diversi esperti del mercato immobiliare hanno pubblicato una lettera aperta in cui denunciano la situazione. Secondo loro, trovare un tetto a prezzi accessibili sarà più complicato. “La constatazione è chiara: stiamo andando verso una crisi immobiliare senza precedenti“, avvertono. Nel 2019, sette famiglie valloni su dieci potevano permettersi un immobile per 240.000 euro. Oggi, quello stesso immobile costa 312.000 euro. Solo quattro famiglie su dieci possono permetterselo.

READ  Argenx perde oltre il 30% e affonda 20 BEL

Ciò significa che abbiamo una riduzione del 30% nell’accessibilità delle proprietà. Come viene spiegato questo? Molto importante è anche l’aumento dei materiali da costruzione, l’aumento dei tassi di interesse e anche la difficoltà di ottenere mutui ipotecari oggi con le banche che stringono un po’ le viti.“, analizza Hugues Kempeneers, direttore generale di Embuild Wallonie.

In attesa di poter effettuare un acquisto o di non poterlo fare un giorno, i giovani si rivolgono sempre più agli affitti. “Ci sono sempre più inquilini“Note Thibaut Teke, agente immobiliare.”Le persone decidono di affittare pensando che lo manterranno per qualche anno prima di passare all’acquisto.“.





Meno acquirenti, ma aumenta la domanda di affitti, i prezzi di questi ultimi si rafforzano. Nella capitale gli affitti sono aumentati di oltre l’8% nel 2023. Ad esempio, per affittare un appartamento a Bruxelles bisogna pagare in media 1.200 euro al mese. Per ridurre i costi, sempre più giovani si rivolgono agli alloggi condivisi.

Senza un cambiamento positivo della situazione, i firmatari della lettera aperta temono per il futuro di alcuni gruppi come i giovani, i single, gli anziani o anche le famiglie che già vivono in condizioni precarie.



READ  Fotovoltaico: «Ci vorranno diversi anni per adeguare la rete elettrica», spiega Urs
-->