Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cinque cose da sapere su Simone Biles: ‘Non ho mai potuto contare sulla mia madre biologica’

Cinque cose da sapere su Simone Biles: ‘Non ho mai potuto contare sulla mia madre biologica’

La campionessa è tornata ad Anversa, dove tutto è iniziato nel 2013. Simone Biles ha vinto la sua prima medaglia mondiale in Belgio, a soli 16 anni. L’americano li colleziona da dieci anni. Essendo la più grande ginnasta di tutti i tempi, la sua vita non è sempre stata così affascinante come potrebbe suggerire la sua disinvoltura in palestra.

Infanzia difficile

L’infanzia di Simone Biles non è stata un fiume lungo e tranquillo. Questo è il minimo che possiamo dire. È emerso che la madre biologica, caduta nell’abuso di droga e alcol, era diventata completamente incapace di prendersi cura dei suoi figli. “Non ho mai potuto dipendere dalla mia madre biologicaLo ha detto tra le lacrime durante la sua apparizione a “Ballando con le stelle”. Entravo e uscivo di prigione. Ricordo che avevo sempre fame, sempre paura. Quando avevo tre anni, fui dato in affidamento.

Acclimatamento e formazione a Gand, intervista con Nina Druel e poi regia ad Anversa: la storia dei primi giorni di Simone Biles in Belgio

Così l’americana trascorse la sua prima infanzia in una famiglia affidataria prima che i suoi nonni la adottassero all’età di sei anni insieme alla sorellina Adria. “Ho sempre desiderato vedere mio nonno quando ero in accoglienza. […] I miei genitori (nonni) mi hanno salvatogiallo spiegato. Mi hanno mostrato come comportarmi con gli altri. Sono stati lì per supportarmi fin dal primo giorno. Non c’è niente che posso dire per ringraziarli abbastanza”.

Da allora, Ronald e Nellie sono stati grandi sostenitori della loro figlia (nipote). “Significano tutto per me”Simone, confermo.

READ  "L'oggetto della qualificazione per i playoff 1"

Pulce lunga 1,42 m

Questo non ti sfuggirà se hai mai avuto la possibilità di vedere Simone Biles in azione: la sua stazza è inversamente proporzionale al suo talento. L’animale originale di Colombo era lungo solo 1,42 metri e pesava 47 chilogrammi. Flessibile, agile e tonico, Simon ha la massa muscolare dei concorrenti più grandi. È anche veloce. La sua traiettoria lo spinge ad un’altezza di 2,9 metri. Le sue dimensioni e i suoi salti impressionanti gli valsero il soprannome di “La Pulce”.

Tratta l’iperattività

Nel 2016, alcuni hacker russi hanno violato l’Agenzia mondiale antidoping e hanno accusato Simone Biles di doping, poiché aveva assunto metilfenidato. “Soffro di disturbo da deficit di attenzione e iperattivitàpoi svelato sui social network. Prendo farmaci per questo da quando ero bambino. Credo nello sport pulito. Ho sempre rispettato le regole e continuerò a farlo.

La Federazione americana ha confermato che la cura era corretta. “Simon ha compilato i moduli appropriati; Non c’è alcuna violazione. La Federazione Internazionale di Ginnastica, il Comitato Olimpico degli Stati Uniti e l’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (Agenzia antidoping degli Stati Uniti) Lo ha confermato”.

4 numeri nel suo nome

Eccezionale prestazione di Simone Biles. © AFP o i suoi concessori di licenza

Simone Biles, la più grande ginnasta di tutti i tempi, continua a scrivere la storia del suo sport. La sua collezione di medaglie d’oro è enorme, ma la ginnasta americana ha anche scritto il suo nome a lettere d’oro nella storia del suo sport grazie alle cifre che portano il suo cognome, cosa che avviene solo quando una ginnasta in gara esegue un nuovo movimento. Simone Biles ha 4 figure che portano il suo nome: due sul pavimento, una sulla trave e una sul volteggio. Quanto a quest’ultima, nel 2021 ha eseguito Yurchenko, una doppia capriola all’indietro con l’utilizzo di una picca, cosa mai eseguita prima da una donna. La Federazione Internazionale abbassa il grado di difficoltà per non invogliare le ginnaste a provarci…

READ  Premier League: il Chelsea è quasi salito sul podio e l'Everton è rimasto

Marito che gioca a football americano

Simone Biles ha trovato l’amore all’inizio della pandemia, nel marzo del 2020. Non in palestra, no. Ma con un atleta si forma una coppia eccezionale: Jonathan Owens è infatti un giocatore di football americano e gioca nella NFL (attualmente con i Green Bay Packers nel Wisconsin). Un bellissimo maschietto, alto 1,80 metri e pesante 95 kg. La coppia si è conosciuta grazie alla sorellina di Simone e ai social network. Adria ha spinto Simon a contattare online l’uomo che allora giocava per gli Houston Texans. “Stava dicendo che ero scivolato nei suoi messaggi direttiLei sorrise. Ho pensato che fosse molto gentile e mi ha salutato. Abbiamo iniziato a parlare per un po’ e poi siamo usciti dopo una settimana o due.

Anche i cani di Simon e Jonathan si sono trovati molto bene. “Non sapevo davvero chi fosse. Spiega la sicurezza (linea di difesa). Era qualcosa che apprezzava. Durante la pandemia abbiamo colto l’occasione per conoscerci, per conoscerci davvero. Hai creato il nostro legame e lo hai reso più forte. Ora sono così grato.

Simone Biles e Jonathan Owens si sono sposati lo scorso aprile a Cabo San Lucas, in Messico. “Sfortunatamente, abbiamo avuto una relazione a distanza per circa una settimana dopo esserci sposati“, spiega la ginnasta. Ma almeno siamo impegnati e ci concentriamo sui nostri sport. Apprezziamo i momenti che trascorriamo insieme”.

Questo contenuto non è disponibile in questa configurazione.
Scoprire ecco.