Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Campione NBA di Denver per la prima volta, Jokic nominato MVP delle finali (VIDEO)

Campione NBA di Denver per la prima volta, Jokic nominato MVP delle finali (VIDEO)

“Va bene”, ha detto il serbo da solo, anche nel momento più bello della sua carriera, “Missione compiuta e ora possiamo tornare a casa”.

“Miami è una grande squadra, coraggiosa, eccezionale, e li rispetto molto. È stato un grande sforzo da parte della nostra squadra. È stata una partita pessima. Non siamo riusciti a segnare molti tiri, ma alla fine, abbiamo capito come difendersi”, ha poi analizzato.

In effetti, è stata una quinta partita agrodolce in casa, per la franchigia del Colorado, che aveva a lungo lottato con corse lunghe (5/23) e tiri liberi (13/23), sfilacciata dalla difesa implacabile di Miami, e forse con mani un po’ tremanti da l’ora della chiusura del seriale (4-1).

Soprattutto da quando Jimmy Butler ha indossato la sua veste da supereroe nell’ultimo quarto, segnando 13 dei suoi 21 punti in tre minuti. Ma finì per cadere a pezzi, con un passaggio scadente e un tiro mancato negli ultimi secondi.

E tutti gli applausi di Denver per ultimi, ma non Jokic, è partito per primo per stringere la mano a perdenti e flemmatici fino all’ultimo, anche per ottenere il suo trofeo MVP con un mezzo sorriso con sua figlia tra le braccia, mentre i suoi due fratelli maggiori erano inzuppati lacrime.

Nikola Jokic MVP

Il serbo è stato ancora una volta un gigante, in questa partita la meno vincente collettivamente per la sua squadra (28 punti, 16 rimbalzi), portandolo a una meritata incoronazione, per la sua prima finale in 47 stagioni di campionato.

Estremamente dominante, eccezionalmente intelligente con il basket e il più altruista possibile, ha brillato durante questa finale. Già eletto doppio MVP della stagione regolare nel 2021 e nel 2022, lo status ufficioso di miglior giocatore del pianeta non può più essere messo in discussione, proprio come il connazionale Novak Djokovic, vincitore del 23° Gran Premio di domenica. Roland Garros. Jokic è anche il primo giocatore a passare alle finali dai tempi di Shaquille O’Neal nel 2002.

READ  'Gioca con grande maturità': Carl Hofkins è già stato conquistato da una nuova recluta da record

Una scommessa di continuità vincente per i Nuggets

Questo risultato corona i Nuggets a una stagione quasi perfetta, finendo primi nella Western Conference, in vista dei playoff dove il loro dominio era innegabile.

Arriva anche a premiare la scommessa sulla continuità fatta dai suoi leader, primo fra tutti il ​​franchise owner Stan Kroenke, paziente seguace dell’Emergency World, già campione in NFL con i Los Angeles Rams e in NHL. Valanga del Colorado.

Sono passati otto anni da quando coach Michael Malone ha iniziato a spianare la strada al successo.In questa squadra, dove il collettivo prevale sul singolo, c’è un leader che meglio di chiunque altro incarna questo valore: Nikola Jokic è arrivato contemporaneamente a lui . Il Colorado, dopo essere stato arruolato l’anno precedente al numero 41, ha portato all’indifferenza generale.

Perso di nuovo Miami

In questa partita cruciale, in cui Malone ha esortato i suoi giocatori ad avvicinarsi a lui con una botta come se fossero loro a perdere 3-1, sono stati gli Heat a mostrare per primi i canini. Oltre a Michael Porter Jr. (16 punti, 14 punti al minuto), hanno vinto Jamal Murray (14 punti, 8 assist) e Aaron Gordon (4 punti), ma è fortissimo in questa finale. Quindi Denver ha oscillato fino alla fine, ma ha dovuto salvare la propria difesa come ha sottolineato Jokic.

Perché Bam Adebayo, insostenibile con 18 punti nel primo periodo, può aggiungerne solo 2 dopo (12 rimbalzi). A riprova che non c’era troppo torto, i Nuggets sono stati piuttosto forti sugli Heat, inaspettatamente fino all’ultima partita, dopo aver superato ric-rac nella seconda partita di qualificazione ai playoff.

In successione, Miami ha sventato le aspettative, estromettendo i Bucks da Giannis Antetokounmpo, rinati Knicks e secondo classificato dei Celtics lo scorso anno. Ma la montagna ai piedi delle Montagne Rocciose, soprannominata la “Mile High City” per i suoi 1.609 metri di altezza, era troppo alta per la famiglia Florida, che sognava di entrare nella storia diventando il primo campione di una squadra NBA classificata NBA. .

READ  Una nuova versione molto più veloce del circuito per cancellare tutti i fatti?

Invece, dopo essere stati incoronati nel 2006, 2012 e 2013, possono solo lamentarsi di questo quarto fallimento in sette occasioni all’ultimo passaggio dopo il 2011, 2014 e 2020.

Cosa c’è di più naturale che cercare pionieri d’oro in Colorado…