Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Barcellona e Siviglia vincono il rapimento

I catalani hanno aperto le marcature all’inizio della gara con una doppietta della loro giovinezza, guidata da Ferran Gutgla su calcio d’angolo (16), poi hanno incrociato il giovane nazionale spagnolo Jaffe, con un gol da Lionel Messi (19). Ma Elche pareggia in tre minuti al rientro dagli spogliatoi grazie a un tiro potente dei suoi entrati Titi Morente (61) e Per Milla (63°), entrati pochi minuti prima.

Ma al termine della gara (85° posto), Nico, dopo un intervento, ha regalato l’inaspettata vittoria ai blaugrana al Camp Nou, nella conclusione di un brillante difensore centrale di Jaffe.

E’ stata una montagna russa di emozioni per gli uomini di Xavi, che nelle ultime quattro partite hanno avuto tre sconfitte e un pareggio, e che già lo scorso fine settimana a Osasuna avevano sofferto uno scenario simile (2-2).

Ma questa volta, alla fine, li attendeva la vittoria. I tifosi del Barcellona possono sognare.

“Una generazione meravigliosa”

Perché i tre migliori marcatori della serata per i catalani sono rispettivamente 22, 17 e 19, tutti Amal si sono allenati a La Masia ed è stato colpito da Xavi. Dopo Niko e Aiz Ebady la scorsa settimana, è stato Ferran Gutgla a segnare il suo primo gol da professionista sabato sera. Ha giocato solo un minuto lo scorso fine settimana ed è subentrato per la prima volta da titolare sabato.

“Araújo, Riqui Puig, Baldi, Nico, Ebede, Xavi… È una grande generazione. Anche meglio di Gil Busquets, Pedro, ecc. Non ho messo più giocatori dal centro di allenamento perché le leggi me lo impediscono. Io, in Xavi lodato in una conferenza stampa Dopo la partita la loro età, avevo paura.

READ  La partenza di Nicholson assicura la salute finanziaria di Charleroi

Nonostante le grandi preoccupazioni difensive del Barcellona per l’assenza di Gerard Pique (squalificato), Xavi non si è arreso quando Elche ha pareggiato. Anzi, il tecnico catalano ha continuato a incoraggiare la sua giovinezza, continuando a credere nella sua filosofia di gioco che ha acceso il Camp Nou nel primo periodo. Ha anche lanciato Nico, Ricky Puig e Alex Baldi, altre pepite formate nel club, che sono riusciti a trovare la chiave della vittoria sul filo.

Questo successo fa respirare Xavi, ma il Barcellona è ancora lontano dalla vetta della classifica: 15 punti lo separano ancora dal Real Madrid, capolista, che domenica sera (ore 21) affronterà il Cadice.

Llorente è stato ferito

E 11 punti separano il Siviglia (2), il loro prossimo avversario martedì (21:30) in una partita in ritardo della Liga, che è riuscita a sottomettere i campioni in carica dell’Atlético Madrid, 2-1 sul filo a Sanchez. – Stadio Bizgoan.

Il Siviglia ha aperto le marcature al settimo minuto con un superbo tiro da 35 metri del suo capitano Ivan Rakitic, che è venuto a rimanere nell’angolo superiore, poi Colchoneros ha pareggiato dopo mezz’ora di gioco con un colpo di testa di Felipe su calcio d’angolo (33) . .

E l’ex Marsiglia Lucas Ocampos, ha colpito una mezza palla all’88’, per ottenere la vittoria andalusa, pochi secondi prima di uscire in barella.

I manager hanno avuto la loro sesta partita in trasferta senza successo nella Liga e ora sono a 13 punti dal Real Madrid. Peggio: potrebbero aver perso il loro valente assistente Marcos Llorente, visibilmente infortunato alla parte posteriore della coscia destra, sostituito dall’argentino Rodrigo de Paul poco prima dell’intervallo (40).

READ  Verso un nuovo protocollo Corona nel campionato professionistico: nessun rinvio degli ordini di acquisto e la Sketch Cup sarà accettata!

Nel pomeriggio, l’ex capolista Real Sociedad ha subito la quarta sconfitta consecutiva al Villarreal Park (3-1). Il capitano basco Mikel Oyarzabal è stato espulso al 49′, permettendo agli uomini di Unai Emery di salire al decimo posto in classifica.