Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Amin Al-Dakhil vuole vincere con i Red Devils e in Premier League: “Ho preso cinque chilogrammi di muscoli”.

Amin Al-Dakhil vuole vincere con i Red Devils e in Premier League: “Ho preso cinque chilogrammi di muscoli”.

“La mia famiglia aveva i biglietti ma non poteva venire a trovarmi”. Amin Al Dakhil ha avuto un solo rimpianto dopo il suo primo periodo con i Devils: essere a porte chiuse. Un ricordo che diventerà presto aneddotico. Il 21enne difensore centrale ha offerto una prestazione impressionante contro la Serbia. ““Ho fatto la mia partita e sono molto contento della mia prestazione”., Lui ride. Abbastanza per confermarlo come potenziale dirigente della Nazionale.

Il successo lo deve al suo arrivo al Burnley. Partito in D2 alla fine della scorsa stagione, ora si è affermato come un ingranaggio chiave nella difesa di Vincent Kompany in Premier League. I risultati del Bordeaux non erano quelli che speravamo, ma è stato un Amin rilassato a salutarci prima che i diavoli si radunassero sui grandi divani della sua residenza in Inghilterra.

“Siamo in fondo alla classifica ma credo ancora nella nostra squadra. Sentiamo anche che l’allenatore continua a credere in noi. Non siamo particolarmente nervosi per i nostri risultati. Abbiamo un piano ben definito e teniamo duro”. a questo piano, modifichiamo piccoli dettagli e analizziamo ciò che non abbiamo fatto bene.

Perché i maggiori club europei evitano i Red Devils?

Amin Al-Dakhil nell’atrio del suo palazzo in Inghilterra. ©RFP

Come non cadere nel panico con il tuo club?

“Non sono nervoso per natura, a dire il vero. Lo stress ti rende cattivo. Vincent Kompany ha una mentalità molto speciale: crede completamente in quello che fa. Porta con sé i suoi giocatori dopo ogni partita. I giocatori lavorano duro in allenamento, non riposano. Non si tratta di tenere la testa bassa. “

Hai avuto voglia di cambiare stile, pensando più al risultato che al gioco?

L’allenatore ha detto: giochiamo come l’anno scorso. Sapevamo che il livello sarebbe salito e che avremmo dovuto adattarci al livello. Eravamo preparati che non sarebbe stato facile. Ci ha detto: “Se abbiamo momenti difficili, lei vedrà com’è essere una squadra e diventerà più forte”.

Dopo la prima partita avevamo l’impressione, e molti specialisti condividevano la nostra opinione, che il Burnley sarebbe rimasto ultimo in classifica per una stagione. Come lo spieghi?

“Forse tra un paio di settimane saremo imbattuti da dieci partite consecutive. Il fatto di poter fare un discorso del genere non è cosa da poco. In questo momento i piccoli dettagli sono contro di noi”.

Personalmente, sei rimasto sorpreso di giocare molto?

“Sì, beh, lo speravo.”

Ma nessuno avrebbe potuto prevederlo.

“Sono in una fase molto positiva ma so anche che tutto può cambiare velocemente. Quando commetto un errore in Premier League, la mia squadra lo accetta. Mi rendo conto che poche persone hanno avuto un’occasione d’oro come me adesso”.

“La Kompany non mi ha mai rimproverato per nessun errore.”

Lo dici tu stesso, ho fatto degli errori dall’inizio della stagione. Il tuo problema è che hanno pagato in contanti!

READ  Ils joueront leur dernière Coupe du monde : voici la sélection impressionnante des 23 "vétérans" !

“Il mio gol contro il Chelsea, c’è una possibilità su cento che la palla entri in porta, però… (Lui ride) Fa parte del mio apprendimento ma è anche doloroso. Sono molto perfezionista e devo imparare a lasciare andare. “

Contro il Tottenham perdi una palla a lato e porta alla porta avversaria.

“So che non deve succedere. Ho rigiocato la partita nella mia mente diverse volte, ma sono riuscito ad andare avanti velocemente. So che pensando al mio errore, rischio di commetterlo di nuovo. Quando ero più giovane, il mio errore mi avrebbe accompagnato”. Anche sul campo ho imparato a mettere le cose da parte.

Anche Vincent Kompany ha commesso degli errori giocando…

“Ci ha detto: possiamo sbagliare ma ci impedisce di non reagire dopo.IL. “

Sei mai stato sgridato per aver commesso un errore?

“Mai. Viene a dirmi cosa ho fatto bene e cosa avrei dovuto fare meglio. Chiederò consiglio anche a lui. So che averlo come allenatore è un regalo per un difensore della mia età”.

Quanto sei migliorato da quando sei arrivato in Inghilterra?

“Mentalmente sono diventato più forte. Se perdo la concentrazione per un attimo, se mi metto in una brutta posizione, il mio avversario scomparirà. Allora lavoriamo duro su ogni dettaglio. Se la Kompany vede che il mio corpo non è in sintonia posizione giusta, mi corregge direttamente. È una meccanica davvero precisa. Noto anche che con l’esperienza non commetto più gli stessi errori che ho fatto a Sint-Truiden, per esempio.”

Nawras

“Mi ispiro a Kompany, Varane e Ramos.”

Trai molta ispirazione da Kompany?

“Sì, e guardo video da quando ero piccolo. Guardo molti giochi a settimana e mi concentro davvero sugli elementi che possono aiutarmi a migliorare.”

Ti ispiri ad alcuni giocatori in particolare?

(Ovviamente) “Raphaël Varane e Sergio Ramos. “

Possiamo riassumere la tua evoluzione attraverso la differenza tra l’incubo che ti ha causato Haaland contro il Manchester City in Coppa la scorsa stagione e la partita contro di lui quest’anno?

“Era la prima volta che giocavo contro una squadra così grande. Non ho preso tutto. Ed è vero che la volta successiva Haaland ha segnato due gol con gli unici due palloni toccati. Il resto è stato ben contenuto”.

Non è un calice avvelenato per un giovane difensore giocare un calcio rischioso?

READ  WRC Sardinia - Thierry Neuville ha un obiettivo chiaro: "Punta al secondo posto per fare la differenza a Rovanpera"

“Sì, ovviamente se parcheggi l’autobus per tutta la partita, rimane meno spazio. Preferisco giocare come noi e imparare, anche se questo significa prendere colpi a volte.”

Hai guadagnato massa muscolare dai tempi al Burnley?

“Sì, penso di avere circa cinque chili di muscoli. Sto ancora lavorando per guadagnare un po’ di massa. Non molto perché devo mantenere la mia velocità.”

Possiamo dire che devi ancora migliorare il tuo effetto nei duelli?

“Sì, è vero e mi sto concentrando su quell’aspetto del mio gioco. Non devi essere il più grande per vincere i duelli, devi solo saperli giocare”.

Sei una persona tranquilla, questo si adatta al ruolo di difensore in Premier League?

“Non cambierò la mia natura perché la vedo come una forza. So mantenere la calma in ogni circostanza. Una forza silenziosa. Non urlo nello spogliatoio ma so mandare un messaggio quando necessario”.

Sei il tipo di persona che legge ciò che viene scritto su di te?

“A dire il vero, l’ho fatto quando ho iniziato allo Standard. Ma le reazioni sono state così dure dopo una partita meno bella… ho smesso.”

Domenico Tedesco racconta i suoi progetti per gli Europei: “Ho aperto la porta a Thibaut, la palla è nel suo campo”

Sai che quando sei stato eliminato dallo Standard contro l’Anderlecht, la Kompany ti ha difeso in conferenza stampa. Il suo punto era che un giorno potresti diventare il Diavolo Rosso. Ha una sfera di cristallo?

“Ovviamente spero di poter dare un’occhiata (Lui ride). Il fatto che abbia detto una cosa del genere su di me ha avuto un impatto enorme su di me perché è stato un momento molto difficile della mia carriera. Il mio primo Clásico e io abbiamo ricevuto il rosso all’inizio della partita. Gli ex giocatori dell’Anderlecht nello staff tecnico amano scherzare con me su questo. Quando rivedo il palco, so che non commetto più questo tipo di stupidità. Non avrei mai dovuto trattare. “

Perché ti sei perso l’ultimo incontro dei Red Devils?

“Ho avuto un leggero infortunio alla coscia e ho dovuto lasciare il campo nell’intervallo contro il Chelsea. Non volevo correre rischi e ho rinforzato la gamba piuttosto che rischiare un infortunio”.

Sistema di gioco, giocatori in posizioni diverse, adattamento tattico: Domenico Tedesco dimostra la sua duttilità

È difficile fare questa scelta perché ogni pool è importante per un nuovo giocatore come te?

“La mia salute è importante. Ho ancora molti anni davanti e so che nascondere l’infortunio significa rischiare il resto della mia carriera. Se rimango infortunato per sei mesi, le mie speranze per l’Euro svaniranno più velocemente che se perdessi una manifestazione. Domenico Tedesco ha capito molto bene i miei desideri.”

READ  Mondiali 2022: l'anno del Belgio o no?

Nella sua mente, tu sei uno dei due futuri apprendisti di Zeno Debast…

“Mi ha detto che guarda tutte le mie partite e vede che sto migliorando”.

Nawras

“Conosco il mio posto nel cuore dei Devils e non comincio a chiedere un posto da titolare in ogni partita.”

La pressione c’è con l’ascesa dell’Euro.

“Sì, voglio andarci, non lo nascondo. Giocare le qualificazioni era già un sogno, ma ti fa venire fame di più. E se potrò giocare qualche minuto agli Europei, sarà ancora più bello” . L’allenatore sa che so dove mi trovo. Non inizierò a pretendere di iniziare ogni partita.” “

Impari molto dai Red Devils?

“Quello che non sappiamo è quanto i ragazzi siano accoglienti verso i nuovi arrivati. Lukaku, per esempio, mi parla tanto, mi prende da parte per scherzare ma anche per aiutarmi”.

Quando lo difendi?

“Diciamo solo che non è facile (Lui ride). Preferirei essere nel suo accampamento. “

Difendere è più facile per lui o per Haaland?

“Lukaku è più severo nei duelli. Contro Haaland devi stare più attento a non dargli spazi. Se sei troppo vicino a Lukaku lui fa affidamento su di te. Ma se sei troppo lontano da Haaland segna. È stato molto difficile bloccare il suo gol (del Tottenham).” “I suoi movimenti sono molto veloci.”

Sono il numero 10 da quattro anni. Hai ancora i riflessi offensivi?

“Con il tempo è diventato più facile, ma all’inizio la mia mente era concentrata sui gol e sugli assist. Ma sono sicuro che mi serve ancora. Sulla mia strada per muovermi, ripartire, anticipare”.

Tedesco ha detto che sei pronto per unirti al gruppo ma ci vorrà del tempo prima che tu sia veramente pronto. Cosa voleva dire?

“Lui sa che ho ancora molto da imparare dal mio ruolo. Lo capisco ma sa che sto progredendo bene in questo momento. L’allenatore sa anche che posso giocare a sinistra della difesa”.

Avevi il diritto di comparire due volte con i Diavoli. La partita è stata più stressante della tua prima partita in Premier League?

“Sì, penso di sì. Giochi per il tuo Paese, quella è un’altra cosa. Ma io lo chiamo stress positivo”.