Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Albert Sambe Lukunga rientra presto dall’infortunio e vuole tornare ai Red Devils: ‘Gli Europei restano nella mia mente’

Albert Sambe Lukunga rientra presto dall’infortunio e vuole tornare ai Red Devils: ‘Gli Europei restano nella mia mente’

Martedì sera i due club si affronteranno. Albert Sambe Lukunga (24 anni) sarà ancora presente in tribuna nel confronto tra Luton, dove gioca in questa stagione, e Arsenal, dove ha un contratto fino a giugno 2026. L’impazienza del suo capitano cresce con l’avvicinarsi del suo ritorno in passi lunghi. Verviétois si è preso del tempo per valutare il suo delicato 2023 e le sue prospettive per il 2024.

Quando speri di tornare in campo?

“Punto al Manchester City (10/12) o al Bournemouth (16/12). Ci siamo vicini” (sorridente). “Vorrei tornare prima di Santo Stefano.”

Ti sei strappato il tendine del ginocchio. Soffri ancora?

“No, stanno bene. Mi sono tornate le forze. Ancora non so come mi sono fatto male al tendine del ginocchio.”

Come hai affrontato questo nuovo grave infortunio dopo la rottura dei legamenti crociati del ginocchio quando stavi iniziando la tua carriera all’Anderlecht?

“La cosa più deludente è che ho giocato due partite con il Luton e in quel momento mi sento bene mentalmente. Pensavo che sarei stato licenziato e si è verificato questo infortunio. Fa parte del gioco ma mentalmente non è stato facile da accettare. Soprattutto le prime settimane, dovevo “Sono nella mia bolla, sto ricaricando le batterie con la mia famiglia”.

Questo infortunio si spiega con la tua estate caotica?

“Non ho avuto un’estate tipica con maggiore intensità nel corso delle settimane, allenamenti interni, amichevoli, ecc. Ha influito sul mio infortunio”.

È stato ancora più difficile perché eri menzionato ovunque…

“Ho l’impressione che sia diventata un’abitudine in ogni finestra di mercato. (Lui ride)

READ  Il Marocco elimina il Portogallo e fa la storia (video)

Perché hai scelto Luton?

“Il giorno prima della chiusura della finestra di trasferimento, l’allenatore del Luton mi ha chiamato e mi ha detto che mi voleva nella sua squadra. È passato a casa e abbiamo parlato ed è successo così. Mi sono sentito subito molto fiducioso. Rafforza un giocatore a essere considerato tale. Mi ha spiegato cosa voleva realizzare e ho comprato subito.”

Nawras

Burnley e Kompany volevano comprarmi ma non ero molto entusiasta di quella soluzione.”

Il progetto che vi ha presentato esiste ancora. Che cos’è ?

“L’obiettivo è avere delle responsabilità in squadra perché ho un po’ di esperienza in Premier League con i miei anni all’Arsenal e al Crystal Palace. L’allenatore vuole aiutarmi a crescere e vuole anche che li aiuti a provare a crescere”. mantenere il loro livello.”

Vincent Kompany ha spinto molto perché tu fossi al Burnley. Perché l’accordo non è avvenuto?

“I contatti sono iniziati alla fine della scorsa stagione. Tornavo da una stagione difficile con il Crystal Palace e ho chiesto un po’ di tempo per prendermi una pausa e pensare. Dopodiché ci siamo rimessi in contatto. Burnley voleva comprarmi ma io ero contrario. “Non era molto entusiasta di quella soluzione. Poi siamo rimasti in contatto, ma lui ha comprato “Alla fine anche altri centrocampisti. Ho capito che non c’era più posto per me nella sua squadra. Mi ha detto: ‘Eravamo quasi arrivati, ma “Non è successo. Sono molto felice a Luton. C’è una buona atmosfera. Siamo davvero entusiasti di essere in Premier League.’ Me lo ha permesso restando immobile, quindi è un conforto importante per il giocatore.

Il periodo di Samby Lukonga al Crystal Palace è stato difficile © Copyright 2023 The Associated Press. Tutti i diritti riservati

È stato un grosso problema dopo essere stati lasciati dal Crystal Palace all’arrivo di Roy Hodgson…

READ  Sono tutte elettriche, e due di loro sono “Made in China”: ecco le auto più sicure del momento

“Con Patrick Vieira ero molto impegnato. Quando è arrivato il nuovo allenatore ho perso il posto in squadra. Non mi sono arreso ma non sono riuscito a fargli cambiare idea”.

Il 2023 è un anno buio?

“Sono i momenti difficili che creano persone forti. Ho imparato molto.”

Qual è il tuo sogno a fine stagione: fare bene al Luton, andare agli Europei e tornare all’Arsenal?

“Questo è lo scenario ideale, (Lui ride) Ma lasciatemi concentrare su Luton. I prossimi sei mesi decideranno il mio futuro all’Arsenal e con la nazionale”.

L’obiettivo è il successo in casa dell’Arsenal?

“Non so cosa mi riserva il futuro nel club. Mi sento molto bene all’Arsenal. Vedremo cosa succede, ma finché sarò sotto contratto, lotterò sempre per tornare in squadra”. Ho ancora contatti con lo staff dell’Arsenal.

Nawras

Tedesco ha fiducia nelle nuove generazioni e io ne faccio parte”.

Giocare con l’Euro ci crede davvero?

“Certamente. Devi crederci sempre, ma la cosa più importante per me è il Luton. Devo giocare bene nel mio nuovo club e vedremo cosa succede. So che sto facendo molta strada. Ho mancano sei mesi, devo giocare partita dopo partita e tornare al mio livello”.

Cambiare allenatore ti dà più prospettive?

“Forse sì. E anche il ricambio generazionale.”

Ho avuto parole dure per Roberto Martinez durante la nostra ultima conversazione. Ti ha sollevato l’arrivo di Domenico Tedesco?

“È una parola grossa. Ero un giocatore appassionato ma sono rimasto un po’ deluso di non giocare per la Nazionale. Ma so che devo la mia prima scelta per i Devils a Martinez. Ho grande rispetto per lui e ho passato dei bei momenti”. con lui, ma pensavo che avrei potuto spendere di più con la Nazionale”.

READ  Quattro giocatori del Real Madrid sono stati denunciati per un video di sesso con una minorenne

Una porta si apre con Tedesco?

“Lui ha fiducia nella nuova generazione e io ne faccio parte. Posso candidarmi per la Nazionale”.

Doku e Sambi all’Anderlecht. © NVE

Ti ispira vedere Jeremy Doku crescere a questo livello con il Belgio?

“Sì, soprattutto perché sono cresciuto con lui, l’ho conosciuto in Nazionale, nel club. Mi fa piacere parlare con lui”.

Chi ha rubato la celebrazione dell’altro?

“È la sua celebrazione alla base (Lui ride). Mi spiegò il significato e io lo feci. Mi ha detto che mettere un dito sulla bocca significava far tacere le persone che parlavano, e portare una mano sul sopracciglio significava indicare che in realtà stavamo guardando più lontano.