Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Abbiamo testato il SUV ibrido per oltre 2.200 chilometri

In attesa dei suoi veicoli elettrici futuristici, Honda continua a sviluppare la sua gamma di auto ibride. I motori i-MMD sono stati rinominati e:HEV e il nuovo HR-V utilizza questa tecnologia leggermente rivista.

Per determinarne al meglio pregi e difetti, nonché per valutarne l’idoneità nell’attuale contesto elettrico, lo abbiamo testato a una distanza di oltre 2.200 km.

Design ed ergonomia Honda HR-V

Per la terza generazione di quella che un tempo era chiamata Joy Machine, Honda ha cambiato radicalmente la sua filosofia. Dopo la prima versione molto originale, il produttore ha progettato un piccolo SUV abbastanza tradizionale.

Questa volta, la terza edizione dell’HR-V è più lussuosa e lussuosa. All’esterno, innanzitutto, l’ampia griglia e il profilo laterale del SUV gli conferiscono un aspetto più autentico e di qualità.

La nostra versione di prova è stata decorata in Khaki Sable Nacré, che oscilla tra un verde kaki abbastanza chiaro sotto le nuvole e un color sabbia, quasi champagne, al sole. Il modello di prova era un Advance, comprensivo di portellone a mani libere, volante riscaldato, specchietti inclinabili e 6 altoparlanti.

All’interno, c’è un cruscotto più semplice del CR-V e meno elegante del Jazz. Ancora una volta, il passo compiuto in termini di qualità è chiaro, con materiali e assemblaggio più pregiati rispetto agli altri due modelli.

Il touch screen da 9 pollici è lo stesso delle future Jazz e Civic. Si affaccia su una console centrale con comandi analogici. Il display strumenti dietro al volante occupa metà dello spazio, a cui si aggiunge un conta aghi. In questi tempi di carenza di chip, un’idea Honda inizialmente offensiva non è certo male.

La spaziosità del SUV ibrido colpisce ancora una volta

L’abitabilità delle Honda non può più essere dimostrata nel tempo e questo HR-V non è più un’eccezione alla regola. Come per tutti i SUV attuali, il marchio ha integrato i suoi famosi sedili magici nella parte posteriore. In questo modo il sedile può essere sollevato contro lo schienale in modo da poter contenere oggetti ingombranti e alti, come una bicicletta o piante.

Oltre a questo sistema della casa giapponese, l’abitacolo è stato ottimizzato per sfruttare ogni spazio disponibile. Ripiegando il sedile posteriore si può sfruttare il pianale piatto e il volume che poi sale a 1.289 litri.

READ  Il patron de Moderna at-il vendu versa 400 milioni di dollari in azioni avant de disparître de Twitter?

Anche lo spazio per le gambe per i passeggeri posteriori è importante. La forma del SUV coupé non impedisce la presenza di un sufficiente spazio per la testa nella parte posteriore e un passeggero di 1,80 metri si sentirà a suo agio lì. Si noti che il sedile centrale, che è rialzato, non è largo quanto i sedili laterali.

Il bagagliaio, invece, è privo di uno spazio ridotto, contenendo solo 319 litri di carico. Il doppio fondo aggiunge un po’ di spazio, con 16 litri in più. Per un veicolo di 4,34 metri, questi numeri rimangono veri. Inoltre, l’accesso al bagagliaio è possibile tramite un praticissimo portellone automatico.

Prestazioni: HR-V è soprattutto pratico

Come l’Honda JazzL’HR-V utilizza un ciclo Atkinson a 4 cilindri da 1,5 litri come base per il suo sistema i-MMD. Questo genera 107 CV e 131 Nm di coppia, accompagnati da un motore elettrico. Il gruppo eroga 131 CV e 253 Nm di coppia, che gli consentono di fare da 0 a 100 km/h in 10,6 secondi.

A seconda della carica della batteria, il solo motore elettrico fornisce la spinta al SUV. Ben ottimizzato, permette spesso di visualizzare l’auto in modalità 100% elettrica, a brevi distanze e durante le fasi di recupero.

Il passaggio dall’elettricità al calore è completamente gestito e del tutto impercettibile. La potenza a volte è limitata, specialmente durante le forti accelerazioni, come all’ingresso o quando si esce dopo i pedaggi sull’autostrada.

Per ridurre la sensazione di questa mancanza di potenza, Honda ha sviluppato una trasmissione speciale. Si tratta di un sistema di modulazione elettrica a variazione continua, che il produttore chiama eCVT. Se troviamo il lato dell’ululato che conosciamo con altri CVT, qui è molto limitato. Infatti, l’eCVT simula i cambi di marcia che consentono al motore di affondare di giri e spezzare le sue crociere liriche.

Un’opzione molto interessante su base giornaliera, soprattutto sui voli lunghi, per ridurre i disagi nell’abitacolo. Inoltre, l’ottimizzazione della catena cinematica, trasmissione inclusa, consente di ridurre i consumi.

Corretto consumo di carburante per SUV

Negli oltre 2.200 chilometri percorsi al volante del SUV giapponese, il consumo medio è stato di 6,5 l/100 km. Ma quella media non è la media mista per il nostro test, poiché abbiamo percorso più della metà di quei chilometri in autostrada.

READ  après Orpea, les maisons de repos Armonea dans le viseur

Nel consumo misto, con città, strada e autostrada, è stato possibile ridurre il consumo a 6,2 litri. Questo è leggermente al di sopra della media data dal ciclo di omologazione WLTP, che viene visualizzato a 5,4 l / 100 km. Siamo logicamente in valori reali leggermente superiori al WLTP, ma possono essere contenuti praticando la leadership ambientale.

Come il CR-V, ea differenza del Jazz, l’HR-V fornisce paddle per controllare il livello di rigenerazione. Pertanto, è possibile scegliere tra quattro livelli di rinnovamento, molto pratico durante le fasi urbane. Combinando questo sistema con una guida ecologica precisa, il consumo di carburante in città può essere ridotto a 4,9 litri. Tuttavia, è di nuovo al di sopra dei valori indicati nel ciclo di levigatura di 4,1-4,6 l/100 km.

Per un’auto da 1,4 tonnellate, possiamo salutare una bella sobrietà, accompagnata da una scorrevolezza incomparabile in città. Pochi veicoli in questo segmento offrono tale omologazione nelle aree urbane, anche se ciò significa soffrire un po’ di più quando serve potenza.

Comfort e vita a bordo della Honda HR-V

Per quanto riguarda il piacere di guida, rendiamo omaggio alle sospensioni e allo sterzo equilibrati. Il contatto con la strada è costante e il rollio è limitato, ma il comfort c’è grazie all’elevata altezza da terra.

Quest’ultimo rende ovviamente la HR-V un’auto con caratteristiche dinamiche piuttosto contenute, anche attivando la modalità Sport. Questo non fa miracoli e purtroppo ha l’effetto di aumentare leggermente i consumi.

Per i viaggi lunghi, questo bilanciamento delle sospensioni si rivelerà cruciale. La tappezzeria non era la più comoda che abbiamo visto, soprattutto nella parte posteriore, ma abbiamo potuto guidare per diverse ore senza sentirci sopraffatti all’arrivo.

Infine, il sistema di infotainment dell’HR-V è molto buono. È facile abituarsi a come funziona, soprattutto con Android Auto, che rende un po’ più semplice l’utilizzo dello schermo da 9 pollici.

Che sia sul touchscreen, reattivo tra l’altro o sull’hardware al volante, apprezziamo avere le informazioni proprio di fronte a noi. L’unico aspetto negativo è il contatore degli aghi, che riduce la possibilità di personalizzazione dell’hardware.

READ  La futura BMW i5 è già in azione

Il GPS originale dell’auto, ad esempio, è mostrato sul lato sinistro di questa schermata. Una volta utilizzato il sistema di navigazione, le informazioni sul consumo di carburante scompaiono e spesso ti trovi in ​​una situazione in cui devi scegliere le informazioni visualizzate sullo schermo. Un’opzione che non viene visualizzata quando si dispone di una velocità visualizzata digitalmente su una parte più piccola dello schermo.

In conclusione: l’ibrido è ancora valido?

Nonostante alcuni difetti, questa terza versione che Honda realizza come HR-V è molto ben realizzata. Possiamo congratularci con il design rinnovato e l’aumento della qualità, nonché per l’omaggio molto corretto di questo modello. Senza pacchetti aggiuntivi, le opzioni sono numerose, e in questo colore e questi pneumatici il prezzo è di 34710 euro.

In un’epoca in cui l’elettrificazione sta accelerando e in cui l’elettrificazione e il PHEV hanno la priorità, Honda viene spesso criticata per aver continuato a progettare auto ibride semplici, da allora. È anche il motore della nuova Civic.

Certo, il consumo di 6,2 l/100 km è ancora irragionevole e dovremmo avvicinarci a “emissioni zero”. Ma in realtà, l’infrastruttura di ricarica e i prezzi delle auto elettriche complicano sempre l’accesso a questi veicoli.

Per le persone che non hanno accesso a una stazione di ricarica a casa o al lavoro, il motore a combustione è ancora una realtà. E anche se significa acquistare un SUV, dato che questo segmento è vicino a rappresentare il 50% del mercato, questa scelta di HR-V è molto azzeccata. Nonostante la sua imponente griglia e altezza da terra, offre un consumo di carburante più competitivo rispetto ai suoi concorrenti a benzina.

Dal suo consumo di carburante ridicolmente basso in città al suo appetito limitato in autostrada, a condizione ovviamente che tu abbia un destro molto preciso e un po’ leggero, ora offre un’enorme opzione per passare all’elettrico.

  • Sempre l’alloggiamento perfetto di Honda
  • Consumo molto ragionevole
  • Design degli interni più di qualità
  • Divertimento alla guida della città

  • L’eCVT scioccherà sempre i critici di CVT
  • Sollevare un po’ morbido
  • Modalità sportiva senza molto utilizzo
  • Scatola di dimensioni limitate