Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vuoi avere un cuore sano? E se fare colazione presto potesse salvarti la vita?

Vuoi avere un cuore sano?  E se fare colazione presto potesse salvarti la vita?

Un nuovo studio condotto da ricercatori europei suggerisce che il momento in cui consumi il primo e l’ultimo pasto della giornata potrebbe essere più importante di quanto pensi.

Questa scoperta non sembra avvantaggiare i dormiglioni o i nottambuli, perché fare colazione e cenare presto può ridurre significativamente il rischio di malattie cardiovascolari. Spiegazioni.

Cambia le tue abitudini

Alcune persone si precipitano alla macchinetta del caffè appena svegli, mentre altri si prendono il tempo di svegliarsi prima di dare il primo boccone al loro dolce preferito. Indipendentemente dal contenuto della colazione – e questo non è comunque oggetto dello studio in questione – l'orario in cui viene consumata può avere un impatto sulla salute cardiovascolare.

È ciò su cui ha lavorato un team di scienziati dell’Istituto nazionale di ricerca per l’agricoltura, l’alimentazione e l’ambiente (Inrae), dell’Istituto per la salute globale di Barcellona, ​​Inserm e dell’Università Sorbona Parigi Nord.

Sappiamo che fare colazione prima è più vantaggioso per la salute cardiovascolare. Ciò vale anche per la cena, che in questo caso è l’ultimo pasto della giornata, che, se consumato tardi, può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

Ai fini di questa ricerca sono stati utilizzati i dati di oltre 103.000 partecipanti della coorte NutriNet-Santé, seguiti tra il 2009 e il 2022. Tutti mirano a determinare la possibile associazione tra abitudini alimentari, in particolare orari dei pasti, e malattie cardiovascolari.

Pubblicato sulla rivista Comunicazioni sulla naturaQuesto lavoro indica l’importanza non solo del programma ma anche del ritmo dell’assunzione giornaliera dei pasti nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, vale a dire malattia coronarica, ipertensione arteriosa, insufficienza cardiaca, malattia valvolare cardiaca, disturbi del ritmo cardiaco o persino malattie cerebrovascolari. . .

READ  Evento astronomico storico in arrivo in Quebec

Rischio più elevato per ogni ora di ritardo

Più nel dettaglio, i risultati mostrano che consumare il primo pasto a fine giornata è associato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, con un aumento di circa il 6% per ogni ora di ritardo.

Gli autori dello studio suggeriscono che questo potrebbe essere il risultato del fatto di fare colazione tardi o di saltarla. Ad esempio, consumare il primo pasto alle 9 del mattino aumenta il rischio di malattie cardiovascolari del 6% rispetto a consumarlo alle 8 del mattino e così via.

Se ora guardiamo all’ultimo pasto della giornata, consumarlo tardi, in questo caso dopo le 21:00, è associato a un aumento del 28% del rischio di malattie cerebrovascolari, come l’ictus, rispetto a un pasto consumato prima delle 20:00. sera.

È una constatazione che, secondo i ricercatori, colpisce soprattutto le donne. La lezione finale dello studio è che maggiore è la durata del digiuno notturno – cioè il tempo trascorso tra l’ultimo pasto della giornata e il primo pasto di quello successivo – minore è il rischio di malattie cerebrovascolari.

Servire l'ultimo pasto

“Questi risultati, che dovrebbero essere replicati in altri gruppi e nell'ambito di altri studi scientifici con disegni diversi, evidenziano il potenziale ruolo dell'orario dei pasti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Suggeriscono che abituarsi a consumare prima il primo e l'ultimo pasto è benefico”, hanno concluso i ricercatori. Un periodo di digiuno notturno più lungo può aiutare a prevenire il rischio di malattie cardiovascolari. In un comunicato stampa.

Secondo i dati, le malattie cardiovascolari, principali cause di morte nel mondo, sono responsabili di circa 18 milioni di decessi ogni anno Dati diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Infarti e ictus sono le cause più comuni.

READ  Un méga-tsunami au Chili a force les populations à rester éloignées des cotes pendant 1.000 ans !

Una cattiva alimentazione è un importante fattore di rischio comportamentale per malattie cardiache e ictus, insieme a uno stile di vita sedentario, al fumo o al consumo eccessivo di alcol.