Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Donazione di midollo osseo: la ricerca dei giovani – A la une

Donazione di midollo osseo: la ricerca dei giovani – A la une

17 aprile 2023

Il numero di donatori volontari di midollo osseo aumenterà nel 2022. Per migliorare la diagnostica vitale per un numero crescente di pazienti, l’Agenzia biomedica intende attirare più uomini di età compresa tra 18 e 35 anni. E scommetti su una maggiore diversità nei profili dei donatori.

Il trapianto di midollo osseo si occupa della gestione dei pazienti con malattie del sangue come la leucemia.

L’8% dei francesi sono donatori

Il prelievo e il trapianto avviene grazie alla generosità dei donatori. Ad oggi, l’8% della popolazione francese è stato registrato nel registro dei donatori, con un obiettivo del 25% fissato per il 2026. Buone notizie: il 2022 è stato un buon anno con 38.314 nuovi donatori registrati nel registro dei donatori.

Cifre citate dall’Agenzia Biomedica all’inizio di aprile, che segnano il lancio della campagna dedicata. Un evento a lungo termine, che si organizza fino al 17 settembre, in occasione della Giornata Mondiale della Donazione del Midollo Osseo.

Ma come aumentare di più il numero di donatori? In parte diffondendo una migliore informazione al grande pubblico sull’argomento: finora, Il 90% delle persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni è a conoscenza di avere una donazione di midollo osseo., riferisce l’Agenzia Biomedica. Ma solo di gran lunga: solo il 30% di loro sa davvero come spiegare di cosa si tratta. Tuttavia, per agire, è necessario un buon grado di consapevolezza.

Il miglior donatore target

Al fine di soddisfare le esigenze di salute del maggior numero possibile di pazienti, è anche il momento di diversificare i profili dei donatori. A questo proposito l’Agenzia Biomedica cita tre priorità a partire dal 2023. Insomma, si tratta di assunzioni:

  • Più uomini Popolazione maschile: 36% dei donatori registrati. La stragrande maggioranza (70%) dei campioni proveniva dagli stessi pazienti maschi. Questi sono più efficaci: La raccolta di cellule del midollo osseo da un donatore maschio migliora le possibilità di un trapianto di successo del paziente. Come lo spieghiamo? Secondo fattori immunologici: a causa di potenziali gravidanze, anche se non sono incinte da molto tempo, le donne sviluppano determinati anticorpi che non sono presenti negli uomini. Questi anticorpi aumentano specificamente il rischio di rigetto del trapianto.
  • Più giovani donatoridi età compresa tra i 18 e i 35 anni. “Sono gli innesti prelevati da giovani che danno le migliori possibilità ai pazienti, perché sono più ricchi di cellule staminali emopoietiche (cellule del sangue prodotte dal midollo osseo), che favoriscono la presa dell’innesto”Supporti dell’agenzia. Per non parlare del periodo di otto anni che intercorre mediamente tra l’iscrizione all’albo e il primo contatto di addebito diretto: Prima viene registrato il donatore, più è probabile che venga contattato e in grado di aiutare il paziente.Agenzia Biomedica continua.
  • Più profili Aumentare il mix genetico e le possibilità di compatibilità tra donatore e ricevente. “È quindi essenziale che il registro rifletta la diversità delle origini della popolazione francese e quindi la diversità dei pazienti”.Conclude l’Agenzia Biomedica.
READ  "La stanza di Newton" in un college di Angers per dare un assaggio di scienza

Per il blog: Per saperne di più, visita il sito www.dondemoelleosseuse.fr.

  • fonte : Comitato Nazionale di Vigilanza del Piano Ministeriale in materia di rimozione e trapianto di CSH 2022-2026, Agenzia Biomedica, 5 aprile 2023

  • scritto da : Laura Burgo – A cura di: Vincent Roach