Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Origini della Terra e rischi di collisione… Perché è così importante studiare questo pezzo di asteroide inviato in Francia?

Origini della Terra e rischi di collisione… Perché è così importante studiare questo pezzo di asteroide inviato in Francia?

Da novembre, il Centro per la ricerca e le applicazioni della covarianza epitassiale ha ospitato 100 mg di campioni raccolti dalla NASA sull’asteroide Bennu. Si suppone che le ricerche condotte su queste parti ci permettano di saperne di più sulle origini del sistema solare.

Un pezzo di asteroide a Valbonne, nelle Alpi Marittime. Il Centro per la ricerca sulla covarianza e le sue applicazioni (CHREA), un laboratorio sotto la supervisione del Centro nazionale per la ricerca scientifica e dell'Università della Costa Azzurra, ha accolto 9 novembre 2023 Un campione da 100 mg raccolto dall'asteroide Bennu. quello 4,5 miliardi di anni Si trova ad una distanza orbitale dal sole di 168 milioni di km. Secondo la NASA.

L'Agenzia spaziale americana ha raccolto questo materiale durante la missione Osiris-Rex, che ha restituito il campione alla fine dello scorso settembre. La NASA ha distribuito le parti a diversi laboratori in tutto il mondo, incluso CHREA.

un'opportunità”

Questo è un evento importante sotto molti aspetti. Innanzitutto, la quantità riportata lo rende “il più grande campione di asteroide ricco di carbonio mai consegnato sulla Terra”. È arrivato in ottobre L'amministratore della NASA Bill Nelson.

Quindi, secondo Patrick Michel, astrofisico e direttore della ricerca presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica, “è molto insolito, perché è molto raro che possiamo ottenere campioni da un asteroide in situ”. Lo scienziato dell'Osservatorio della Costa Azzurra continua: “In generale, analizziamo i meteoriti, che sono frammenti di asteroidi, non appena raggiungono la Terra”.

“Questa volta li cercheremo”, ha detto emozionato su BFMTV.

Cerca l'origine della Terra

Dante Lauretta, il ricercatore principale di Osiris Rex, ha spiegato lo scorso ottobre che le ricerche condotte da queste parti ci permetterebbero di osservare “una capsula del tempo che ci fornisce uno sguardo approfondito sulle origini del nostro sistema solare”. Pertanto, secondo Patrick Michel, possono aiutare a capire se gli asteroidi hanno portato la vita sulla Terra.

READ  Come il Tai Chi può ridurre gli effetti del morbo di Parkinson

“Le prime analisi mostrano che abbiamo il carbonio, la materia organica e quest’acqua che stiamo cercando, perché (…) che alla fine della formazione della Terra, gli scenari ci dicono che ci sono stati molti impatti e questi Gli impatti sono stati in grado di fornire l’acqua che forma i nostri oceani e i materiali”, ha spiegato a BFMTV, l’organismo che ha permesso alla vita di emergere.

Come deviano gli asteroidi?

Questi campioni dovrebbero anche permettere di “sapere come sono fatti gli asteroidi”, ha confermato mercoledì 27 dicembre a BFMTV l'astronauta francese dell'Agenzia spaziale europea (ESA). In ottobre, la NASA ha rivelato che le sue prime analisi mostravano “prove di un elevato contenuto di carbonio e acqua”.

Questa conoscenza è importante perché “un giorno potremmo avere l'obbligo e il dovere di intercettare un asteroide per deviarlo dal percorso terrestre perché spesso siamo colpiti da asteroidi”, spiega Michele Tognini. “E questi effetti continueranno anche in futuro”, sottolinea l’astronauta.

E aggiunge: “Il nostro dovere nei confronti di noi, figli della Terra, è fare tutto affinché possiamo proteggerci da queste influenze che possono essere fatali ed estremamente dannose per il nostro ambiente”.

Basti capire come l'arrivo di questo piccolo campione rappresenti un evento importante per i ricercatori del NICE. “Il fattorino non capiva bene perché fosse stato fotografato quando è arrivato, e non aveva idea di cosa stesse trasportando”, ha riferito il giornale. Figaro Vincent Gigues, un ricercatore post-dottorato che lavora al progetto.

I più letti