Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La lavorazione dei fanghi rivoluzionerà l’economia circolare?

Flirtare va bene, ma cosa facciamo dopo? Questa è la domanda che si pone riguardo ai sedimenti estratti, ogni anno in Francia, nei porti (50 milioni di m3) e nei fiumi (1,3 milioni di m3). Perché le nuove normative, previste nel 2025, renderanno fondamentale il ritrattamento Questo spreco Il peso. mistero ambientale Che, fortunatamente, trovano soluzioni.

Alcuni di loro sono stati testati per vent’anni da Centro di pubblicazione sulla trasformazione ambientale (CD2E), installato in un file Passo Calais, a Loos-en-Gohelle. In un momento in cui il prezzo delle materie prime inizia a salire, il vincolo alla riconversione dei fanghi contaminati può talvolta diventare rapidamente un vantaggio.

Come trasformare il nero in verde

In due giorni, martedì e mercoledì, la Fondazione nazionale per il ripristino dei sedimenti, che si svolge a Lille, nel nord, deve presentare diverse soluzioni che fanno parte di questo “impegno per la crescita verde”. O come trasformare il nero in verde.

Perché la pulizia dei sedimenti è un obbligo per mantenere l’attività economica nei porti, nei canali o in altre dighe idrauliche. Ma cosa fare con questi rifiuti, le cui dimensioni sono enormi e le più grandi dopo quelle legate all’edilizia e ai lavori pubblici? Ad oggi, il 90% del volume totale dei sedimenti marini estratti viene scaricato in mare aperto, “causando gravi conseguenze per gli ecosistemi marini”, il che deplora il CD2E.

Cyril Scribot, Circular Economy Consultant presso CD2E, spiega: “In precedenza, lo stavamo diffondendo anche nei campi. Con la nuova legge, presto sarà vietato lo scarico dei rifiuti di dragaggio inquinati. Tuttavia, a volte il riciclaggio è ancora un problema per alcuni materiali come i metalli pesanti. , ad esempio, sottolinea che “le soluzioni di oggi non devono diventare i problemi di domani, in particolare inquinando le falde acquifere”.

READ  Prevenzione della salute pubblica | Cosa accadrà alla mia terza dose?

Risparmiare materie prime

Pertanto, i test tecnici vengono eseguiti continuamente all’interno di CD2E al fine di “tracciare il percorso di contaminazione”. Esempio: alcuni prodotti riciclati vengono invecchiati artificialmente per verificarne la contaminazione nel tempo. Pertanto, questa conoscenza consente di produrre cemento, calcestruzzo o asfalto sulla base di sedimenti puliti.

“Abbiamo già incluso dal 10% al 20% di sedimenti nei nostri prodotti”, afferma Frances Grenier, Presidente, asfalto a nordSMI North ha investito in questo progetto pilota per quattro anni. Ma il produttore spera di andare avanti con il riciclaggio. “Se riusciamo a caratterizzare perfettamente gli elementi nei sedimenti, per mappare accuratamente il loro DNA, allora possiamo creare uno scambio per l’acquisto di questi materiali, che consentirà di fornire materie prime dalle cave”.

Milioni di tonnellate di fanghi e rifiuti recuperati: il potenziale è enorme. con enormi rischi economici e ambientali. La Douai School of Mines nel Nord sta già lavorando a questo progetto di caratterizzazione. “I prezzi esorbitanti di Materie prime Ce lo dimostra poco prima dell’ora, come assicura Francis Grenier. Grazie ai sedimenti, domani saremo meno dipendenti dal mercato e dagli operatori dei materiali. »