Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vittoria per l'Inter: i nerazzurri vincono il derby della Madonnina contro il Milan e conquistano lo scudetto

Lunedì sera l'Inter è diventata campione d'Italia per la ventesima volta nella sua storia. Un'incoronazione che non potrebbe essere più simbolica, perché ufficializzata grazie alla vittoria per 1-2 nel derby magistrale contro il Milan addirittura a dieci minuti dalla fine.

Sono stati Francesco Acerbi (18esimo), poco prima dell'intervallo, e Marcus Thuram, che ha segnato il suo 12esimo gol stagionale poco dopo (49esimo), a contribuire ad assicurarsi questa 27esima vittoria in 33 partite. Fiako Tomori ha ravvivato l'interesse per ridurre il punteggio all'80' (1-2). Il Milan ha controllato il finale della partita. La doppia squalifica ai supplementari al 90+4 (Theo Hernandez dell'AC e Denzel Dumfries dell'Inter) e poi quella del Milan Davide Calabria (90+7) non hanno cambiato nulla. Il Milan non riuscì a vincere in misura tale da ritardare l'incoronazione del suo grande rivale.

In classifica l'Inter alza il punteggio a 86 punti, a 17 punti dal Milan secondo, mentre restano solo 15 punti da guadagnare.

Questo titolo permetterà ai nerazzurri di indossare in futuro una seconda stella sulla propria maglia.

I club italiani possono offrire una stella ogni dieci trofei vinti. Finora la Juventus è stata l'unica squadra ad averne diversi (tre). Dal 2022, anno del 19esimo scudetto del Milan, la rivalità tra i due club milanesi è diventata anche una corsa alla prossima 'coppia' in Serie A. Così, questo “Star Wars” con salsa milanese si è rivelato a favore dell'Inter. Miglior attacco (79 gol fatti), miglior difesa (17 gol subiti) e capocannoniere del torneo grazie a Lautaro Martinez e i suoi 23 gol: i nerazzurri guidati da Simone Inzaghi hanno dominato le discussioni in questa stagione, subendo una sola sconfitta ( 1-2). Contro il Sassuolo il 27 settembre) lasciando solo le briciole agli altri.

READ  Il magnifico hotel dei Red Devils in Qatar: quando l'iperbole raggiunge il suo apice

L'Inter è arrivata all'ultima finale di Champions League, negoziando perfettamente le partenze di Andre Onana, Marcelo Brozovic, Romelu Lukaku ed Edin Dzeko. Yann Sommer è diventato subito un punto di riferimento in porta, Benjamin Pavard è stato molto utile in difesa, Davide Fratesi ha giocato più volte il ruolo decisivo del jolly a centrocampo e, soprattutto, Marcus Thuram si è rivelato il partner ideale del capitano Lautaro Martinez in attacco. .

Fedele al 3-5-2, Simone Inzaghi ha potuto contare sulle grandi stagioni del trequartista Hakan Calhanoglu e dell'esterno Federico Dimarco, sulla solidità di Francesco Acerbi e Alessandro Bastoni in difesa, e sull'inesauribile Nicolò Barella e il inesauribile Henrikh Mkhitaryan. , il giocatore più utilizzato in questa stagione, a centrocampo o anche sulla versatilità di Matteo Darmian.

Questo titolo permette anche a Simone Inzaghi, alla guida dei nerazzurri dal 2021, di entrare definitivamente nel novero degli allenatori di successo in Italia. Finora l'ex attaccante ha avuto l'immagine di uno specialista delle coppe grazie alle vittorie in Coppa Italia con la Lazio nel 2019 e con l'Inter nel 2022 e 2023, e in Supercoppa, vincendo due volte con la Lazio e tre volte con l'Inter. compreso questo. La stagione va a scapito del Napoli. Lo scudetto, vinto da giocatore nel 2000 con la Lazio, resta per lui inafferrabile. Adesso è il “Diavolo del Piacenza”, come lo chiamano i tifosi, ai vertici del calcio italiano.