Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vingegaard si difende: ‘Ho aiutato Wout a non spostare Pogacar’

Vingegaard si difende: ‘Ho aiutato Wout a non spostare Pogacar’

Nel giro di due giorni, Tadej Pogacar aveva messo le cose in chiaro. Lo sloveno chiaramente non accusa le tre fratture al polso sinistro e, soprattutto, è già in forma nonostante la preparazione turbolenta. Se non vince nessuna delle prime due tappe, arrivando ogni volta terzo, “Pogi” è il vincitore del weekend.

Dopo aver ridotto in farina Jumbo-Visma sabato verso Bilbao quando Pogacar ha lanciato Adam Yates verso il duo, il successo di tappa e la maglia gialla, il numero uno del mondo ha aumentato di sette secondi (grazie ai bonus) il suo vantaggio su Jonas Vingegaard. Una goccia rispetto a una corsa lunga di quasi 3.400 km, ma ci sono secondi che a volte pesano molto.

Ho impiegato dodici secondi, il pilota dell’Emirates Team San Sebastian ha sorriso. Se ne avessi la possibilità, tenterei la fortuna. Forse alla fine non avrà importanza, ma non si sa mai. Sì, è una buona giornata anche se, come sabato, la tappa è stata tosta e, alla fine, gli attacchi sono stati in tutte le direzioni. Sfortunatamente, Mathieu Tretigne è caduto. A Jaizkibel mi sono sentito bene e ho provato. Alla fine, è stato difficile fare di meglio”.

Anche in due tappe, Pogacar e Vingegaard hanno dimostrato di essere davvero i favoriti per il Tour. Les deux hommes ont perdu déjà deux rivaux, Enric Mas et Richard Carapaz, tombés samedi, et quelques autres, come Ben O’Connor, Guillaume Martin, Louis Meintjes, Tibaut Pinot, Daniel Martinez o Alexey Lutsenko su un peu o beaucoup di piume su a modo mio.

“Ho perso meno tempo di quanto avrei potuto, da quel punto di vista va bene, perché nella peggiore delle ipotesi avrei potuto perdere diciotto secondi invece che sette rispetto a Tadej”, si è congratulato anche con Vingegaard che ha anche negato di non aver aiutato Wout van Aert: Abbiamo obiettivi diversi. Penso di aver davvero aiutato non migrando Pogacar dopo Jaizkibel. Per me quello che conta è la classifica generale ma, come gli altri, sono molto dispiaciuto di non aver vinto la tappa con Wout.

READ  Dal vivo la terza tappa del Tour degli Emirati Arabi Uniti | Occhio

Jumbos cavalcano sul tappeto, Pogacar Grabs, Alaphilippe troppo corto: le lezioni della seconda tappa del Tour de France