Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Venti di panico di Wall Street: piccola correzione o depressione prolungata?

WASHINGTON (awp/afp) – Questa settimana a Wall Street si sono soffiati deboli venti di panico dopo il brusco calo del Nasdaq, e gli investitori si sono chiesti se il mercato si sarebbe attenuto a una correzione o se stessimo entrando in una rischiosa lunga recessione. Amministrazione Biden.

Dall’ultimo record di metà novembre, il Nasdaq, con il suo forte predominio tecnologico, è sceso di oltre il 15%, affermandosi chiaramente in territorio di correzione, con il suo mese peggiore dall’ottobre 2008, nel mezzo di una crisi finanziaria.

Il più ampio indice S&P 500, che è più rappresentativo del mercato statunitense nel suo complesso, ha perso l’8,3% dall’ultimo picco di inizio anno.

Un sorprendente calo delle azioni Netflix (-21,79% venerdì), un tesoro di Wall Street che ha raggiunto quasi $ 700 a novembre per crollare a circa $ 400, ha mandato una spina dorsale tremante e ha iniziato a preoccupare i proprietari Smallholders e i loro risparmi per la pensione. Plan (401k) ha investito in borsa.

Un utente si è lamentato: “Il mio 401(k) è probabilmente il 40% in meno rispetto a tre mesi fa. Ho 65 anni e non ho tempo per ricostruirmi. Grazie Joe Biden”.

Un altro ha aggiunto: “Le persone perdono molto nei loro 401 (k). Il portafoglio decide le elezioni, quindi aspettati che i Democratici vengano sconfitti completamente”.

Il presidente Joe Biden, la cui popolarità è già bassa a causa dell’economia, dovrà affrontare una dura elezione legislativa di medio termine in autunno.

È la prospettiva che la banca centrale degli Stati Uniti aumenti i tassi di interesse per frenare l’inflazione ai livelli più alti in una generazione, scuote Wall Street.

READ  des centaines de laures pour des frais supplementaires pourtant interdits

I tassi, che sono stati pari o prossimi allo zero dall’inizio della pandemia, dovrebbero aumentare di circa un punto percentuale quest’anno. Molti credono anche che la Fed abbia perso l’inflazione e potrebbe stringere ulteriormente le viti.

Dal toro all’orso

Ma la domanda è fino a che punto la correzione possa trasformarsi in un “mercato ribassista” o “mercato ribassista”, cioè un calo prolungato, rispetto a un “mercato rialzista” o “mercato rialzista”, anzi ottimista.

“È vero che il mercato funziona senza rima o motivo, fatta eccezione per il Nasdaq”, ha ammesso Peter Cardillo, analista di Spartan Capital, scatenando il panico. Ma crede che la stagione dei risultati istituzionali per lo più positivi cambierà la dinamica.

Per Gregori Volokhine, Portfolio Manager di Meeschaert Financial Services, “Siamo ancora lontani dal +mercato ribassista+, ma se iniziamo ad anticipare un rallentamento dell’economia con prezzi più alti, continueremo a vendere ciò che potrebbe portarci via come una piccola correzione a +rendere il mercato. “.

L’economia statunitense dovrebbe ancora crescere fortemente nel 2022 per riprendersi dall’impatto della pandemia, ma i meteorologi hanno già ridimensionato le loro previsioni.

Un crollo del mercato azionario può influenzare la crescita? “Questo potrebbe rallentare la ripresa, ma non ci spinge in recessione”, ha detto all’AFP Sam Stovall del CFRA.

L’esperto aggiunge: “Abbiamo appena abbassato la nostra previsione di crescita del PIL dal 4,6% nel 2022 al 4,2%, ma questo ha più a che fare con la durata dell’inflazione e le aspettative che la Fed aumenterà i tassi di interesse ogni trimestre quest’anno”.

Per altri, una correzione, se non troppo a lungo, è una mossa salutare in un mercato a volte sopravvalutato.

READ  Grande voto degli azionisti per spostare la sede a Londra

Uno dei principali indici di valutazione delle azioni, il rapporto prezzo-utili, che confronta il prezzo di un’azione con l’utile per azione di una società, è attualmente pari a 21,2 per le società S&P 500. Si paga più di 21 volte l’importo degli utili per azione rispetto a una società per azioni .

Secondo i calcoli di Sam Stovall, le statistiche storiche mostrano che questo rapporto potrebbe scendere a 19,7 nella migliore delle ipotesi in un contesto di tassi a 10 anni tra l’1,75% e il 2,25%. “Ciò corrisponde a un calo del 15% dell’S&P 500, quindi siamo nel mezzo di una correzione”, ha affermato l’esperto.

“E la storia ci dice che potremmo scendere al raddoppio, a -30%” se il famoso rapporto scendesse a 16,2, la sua media storica in un contesto di tassi simili.

Ma la storia porta con sé un altro conforto: “Wall Street è opportunista”, dice Sam Stovall. “Dopo la correzione, gli investitori tornano forti e, in media, non ci vogliono più di 4 mesi per tornare in equilibrio”, aggiunge.

vmt / tu / dax / ob