Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vaiolo delle scimmie: il Ministero della Salute sta aggiornando il suo piano di sorveglianza e risposta

Il Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale ha appena rilasciato un secondo aggiornamento del suo piano di sorveglianza e risposta al vaiolo delle scimmie. Ciò riguarda le definizioni e la gestione dei casi, nonché i metodi di notifica e il servizio di informazione.

Il ministro della Salute e della Protezione sociale, Khaled Ait Taleb, ha annunciato, in un bollettino, l’aggiornamento del piano nazionale per la sorveglianza e la risposta al vaiolo delle scimmie. Questo nuovo sistema tiene conto dell’evoluzione della situazione epidemiologica a livello internazionale, nonché del progresso del livello di conoscenza degli aspetti clinici ed epidemiologici di questa malattia al di fuori dei paesi storicamente endemici.

Questo aggiornamento riguarda in particolare il reparto di identificazione, notifica e dati dei casi, nonché la gestione dei casi, al fine di una migliore diagnosi precoce di qualsiasi caso importato, ridurre la diffusione di questa malattia sul territorio nazionale e garantire una corretta gestione dei casi e dei contatti.

Caso probabile quindi è chiunque si presenti con un’eruzione cutanea, vescicolare o vescicolare-pustolosa, preceduta o accompagnata da febbre (contabile a 38 °C o non numerata), e che abbia le cause abituali, in particolare: varicella, morbillo o herpes escluso rachitismo o una possibile reazione allergica, e dopo il contatto con un caso confermato nei 21 giorni prima della comparsa dei sintomi, apprendiamo dalla nuova edizione del Manuale delle procedure di preparazione e risposta.

Un possibile caso è anche chiunque, nei 21 giorni precedenti l’insorgenza dei sintomi, si sia recato in un paese con una storia di vaiolo delle scimmie, o sia stato esposto alla trasmissione da uomo a uomo del virus del vaiolo delle scimmie, o un uomo che ha avuto rapporti sessuali con un uomo negli ultimi 21 giorni prima della comparsa dei sintomi, o qualsiasi persona Ha più partner sessuali o ha lesioni sui genitali esterni o nell’area perianale, senza altra causa apparente.

READ  ÉTANG-SUR-ARROUX : Santé, Développement Durable et exposition « Portrait de territoire » au lycée de Velet

Al contrario, un caso confermato è qualsiasi caso probabile in cui il vaiolo delle scimmie è stato confermato da test molecolari in vitro.

Secondo questa stessa guida, ogni possibile caso dovrebbe essere immediatamente segnalato all’autorità sanitaria regionale/prefettizia competente per la struttura sanitaria (pubblica o privata) dove il medico ha menzionato la diagnosi. Il medico, con il supporto dell’autorità sanitaria regionale, deve compilare debitamente il modulo di indagine predisposto a tal fine.

Dal canto suo, l’Azienda sanitaria regionale ha il compito di segnalare il caso al Centro Regionale per le Operazioni di Emergenza Sanitaria Pubblica (CROUSP) della Direzione Regionale della Sanità, di cui fa parte, e quindi quest’ultimo è responsabile della notifica al Centro Nazionale per le Operazioni di Emergenza Sanitaria Pubblica (CNOUSP) prima di confermare la diagnosi.

Il team di contea/prefettura deve garantire che la definizione del caso sia convalidata con il supporto del team CROUSP che fa capo ad esso e, se necessario, quest’ultimo può chiedere consiglio a CNOUSP. Per i CHU, la convalida dell’identificazione deve essere effettuata da un team specializzato nominato dal Direttore del CHU. Attualmente, in ciascuna regione esiste almeno un laboratorio operativo pronto ad analizzare i campioni per la conferma del vaiolo delle scimmie.

Per quanto riguarda l’indicazione al ricovero per casi probabili e confermati, questa si basa sulla valutazione medica. Se è indicato il ricovero, dovrebbe essere effettuato in isolamento in una stanza designata.

Per le persone a rischio, il Ministero della Salute ricorda ai bambini, alle donne in gravidanza e alle persone immunocompromesse, come le persone con HIV che hanno malattie croniche incontrollate o scarsamente controllate e i pazienti con malattie croniche della pelle o malattie della pelle. maggior rischio di complicanze, inclusa l’infezione batterica.

READ  Zucchero: quando lo mangi? - al principale

La gravità della lesione cutanea è lieve quando è inferiore a 25, moderata (da 25 a 99 lesioni cutanee) e grave (più di 100 lesioni cutanee).

Il trattamento sintomatico deve essere effettuato in base al quadro clinico dal team di assistenza, che dovrebbe applicare le precauzioni standard per il controllo delle infezioni. Quindi sarà necessario, nei casi positivi, mantenere una buona alimentazione, una buona idratazione e assumere antipiretici o analgesici (paracetamolo o tramadolo).

Per le lesioni orali, sciacquare la bocca con acqua pulita e sale almeno quattro volte al giorno e considerare l’utilizzo di un antisettico orale o di un anestetico locale. Per le lesioni genitali o anali, i semicupi caldi e/o la lidocaina topica possono fornire sollievo sintomatico.

Anche l’integrazione di vitamina A, secondo le raccomandazioni standard, dovrebbe avere la priorità, soprattutto per i bambini che non hanno ricevuto dosi di recente. Per quanto riguarda il trattamento antibiotico, non è indicato se non in caso di infezione.