Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo satellite spia, disperso nello spazio per 25 anni, riappare sui radar

Questo satellite spia, disperso nello spazio per 25 anni, riappare sui radar

Perdere qualcosa in un luogo chiuso è fastidioso, ma ritrovarlo non è impossibile.

D’altro canto, perdere un oggetto nello spazio infinito, anche se potrebbe trovarsi nell’orbita terrestre, è un po’ fastidioso.

Ma poi, quando quest’ultimo compare da solo sul radar 25 anni dopo, è quasi un miracolo. Questo è quello che è successo al satellite IRCB S73-7.

IRCB S73-7, satellite spia

Non è proprio un segreto, ma da quando l’uomo ha saputo andare nello spazio, ha cercato di controllarlo.

Meglio ancora (o peggio), ora ha un punto di osservazione unico per spiare i suoi vicini. Nel 1974 era giunto il momento di spiare su entrambi i lati del muro di Berlino.

L’IRCB S73-7, un pallone aerostatico di calibrazione a infrarossi, faceva parte di un satellite più grande lanciato dagli Stati Uniti nel 1974 come parte della missione KH-9 (Keyhole 9), nome in codice “Big Bird”.

Il ruolo dei vari satelliti lanciati tra il 1971 e il 1986 era quello di fotografare alcune regioni della Terra con una precisione media da un’altitudine media di 800 chilometri.

Il ruolo specifico dell’IRCB S73-7 era quello di servire da bersaglio per il satellite KH-9 per calibrare le apparecchiature di rilevamento remoto.

Tuttavia, quando avrebbe dovuto essere schierato, l’IRCB S73-7 fallì trasformandolo, di fatto, in spazzatura spaziale.

Nello spazio, tutti i rifiuti vengono monitorati

Se non ricadono sulla Terra o non vengono inviati oltre la zona gravitazionale del pianeta, gli oggetti lanciati nello spazio spesso finiscono nell’orbita terrestre bassa.

Questi ultimi vengono monitorati con molta attenzione per prevenire possibili cadute e possibili collisioni con satelliti attivi o con la Stazione Spaziale Internazionale, ad esempio.

READ  C'è un buco nell'oceano e non siamo riusciti a trovare il fondo

Questo è particolarmente importante 18° Squadrone di difesa aerospaziale dell’esercito americanoForza spaziale americana.

Nell’orbita terrestre, ci sono 55.000 detriti costantemente tracciati, inclusi 27.000 pezzi di razzi o detriti satellitari.

Tutte le organizzazioni la cui missione era stata identificata e seguita, e tra loro si nascondeva S73-7. È stato monitorato fin dal suo lancio, per poi scomparire alla vista per la prima volta tra gli anni Ottanta e la metà degli anni Novanta.

Poi è scomparso nuovamente dalla fine degli anni Novanta fino ad oggi, quando è ricomparso sui radar ed è stato identificato.

Da quando gli Stati Uniti hanno una forza spaziale?

Questa storia non è passata inosservata. Innanzitutto, un satellite è stato trovato nella vastità dello spazio 25 anni dopo la sua scomparsa.

In secondo luogo, alcuni hanno appreso che gli Stati Uniti hanno un ramo delle forze armate dedicato alla difesa spaziale e planetaria.

È stato creato ufficialmente nel dicembre 2019 sotto Donald Trump ed è un ramo dell’aeronautica degli Stati Uniti, USAF.

Al suo interno accoglie i piloti e il personale di terra, noto come il “Guardian”, ha annunciato Mike Pence, ex vicepresidente degli Stati Uniti.

E forse un riferimento a Guardiani della Galassia Dalla Marvel, anche se questo non è mai stato confermato né smentito.

fonte : New York Post / Corriere internazionale