Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’intelligenza artificiale “legge” il cervello per ricreare immagini

L’intelligenza artificiale “legge” il cervello per ricreare immagini

(Parigi) Una montagna scura sovrasta pianure rosse, circondata da una strana forma blu: tre artisti francesi hanno fornito all’AFP un’immagine generata dall’intelligenza artificiale dall’attività cerebrale di uno di loro. “Il primo”, secondo il gruppo.


“Nella mia testa, pensavo fortemente al vulcano”, dice Pierre Vautrel, uno dei membri di Obvious che ha partecipato all’esperimento.

Durante un’ora trascorsa in una macchina per la risonanza magnetica presso l’Istituto Brain dell’Ospedale Pitié-Salpetriere di Parigi, ha immaginato diverse scene, ciascuna ispirata a una breve descrizione. Durante questo processo, la sua attività cerebrale è stata registrata e poi elaborata da un’intelligenza artificiale appositamente addestrata.

Se Pierre Futrelle ammette che l’opera prodotta non era esattamente quella che aveva in mente, “ha mantenuto gli elementi semantici: una montagna in fiamme con colate di lava con un paesaggio su sfondo chiaro ».

Per circa un anno lui, Hugo Cassellis-Dupré e Gautier Vernier hanno dedicato tutte le loro energie al progetto “From Mind to Image”, un progetto che suona come fantascienza: copiare l’immaginazione di un artista grazie all’intelligenza artificiale generativa.

“Capacità tecnica”.

Per raggiungere questo obiettivo, questi trentenni hanno iniziato a utilizzare un modello “open source” esistente, MindEye, che collega le immagini visive con l’attività cerebrale, e poi hanno addestrato la loro intelligenza artificiale in diverse fasi.

In primo luogo, trasmettendo i ritratti e i paesaggi di un artista a una risonanza magnetica per monitorare quali aree del cervello vengono attivate e utilizzando questi dati per alimentare l’intelligenza artificiale.

Questo tenta di ricostruire le immagini originali solo a partire dai dati del cervello, senza vederle durante l’allenamento.

READ  St. André Health Centre: I tirocinanti ti esaminano

Il processo viene ripetuto più volte per circa dieci ore per “creare un database”, spiega Hugo Cassellis-Dupré.

In secondo luogo, hanno ripetuto l’esercizio basandosi esclusivamente sul ricordo di queste immagini, prima di provare l’esperimento sulla pura immaginazione leggendo i “prompt”, che sono testi descrittivi scritti prima di entrare nella risonanza magnetica.

“Sappiamo da circa dieci anni che è possibile ricostruire l’immagine vista attraverso l’attività di questa corteccia visiva”, spiega Alize Lopez-Bersem, ricercatrice del Brain Institute e dell’Inserm. Ma un’immagine “immaginata”, no. “È una sfida.”

Sono necessarie decine di ore per ordinare le informazioni raccolte nella risonanza magnetica prima di inviarle all’intelligenza artificiale.

Ma, una volta terminato questo lavoro, la generazione dell’immagine “viene effettuata più o meno istantaneamente, su computer molto potenti”, come riassume Hugo Cassellis-Dupré.

“Due anni fa, non avrei mai creduto che ciò potesse esistere”, afferma Charles Millerio, un neuroradiologo coinvolto nel progetto di ricerca del trio.

Per lui, questa “capacità tecnica” è legata al duplice progresso degli ultimi anni: i progressi nell’imaging medico, che ha fatto un balzo in avanti “in termini di precisione e accuratezza”, e l’impressionante sviluppo dell’intelligenza artificiale generativa.

Il surrealismo dell’intelligenza artificiale

Il trio di artisti si è ispirato anche al movimento surrealista, che celebra il suo centenario nel 2024, per dare alle loro creazioni algoritmiche un tocco personale.

“È un movimento in cui cerchiamo di muoverci il più rapidamente possibile tra immagine mentale e percezione plastica”, osserva Pierre Vautrel, che vede nella loro esperienza un modo per “reinterpretare il surrealismo”.

“Per noi esistono già collegamenti tra arte e scienza”, aggiunge Hugo Cassellis-Dupré, rendendosi conto che questo tipo di tecnologia “può essere molto spaventoso se usato nel modo sbagliato”.

READ  Le balene mangiano più di quanto pensassimo e questo è fondamentale per la produttività degli oceani!

In futuro i tre artisti sperano di espandere la loro esperienza ad altri formati, attraverso ricostruzioni audio o video. Fino ad allora, presenteranno le loro diverse creazioni nel mese di ottobre alla Galleria Danysz di Parigi.

Nel 2018, ha stupito il mondo dell’arte vendendo per più di 400.000 euro da Christie’s a New York, un’opera presentata come la prima opera prodotta dal programma di intelligenza artificiale “Edmond de Bellamy”, un ritratto fantastico dai lineamenti sfocati stampato su tela.