Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Monique Olivier: “Egoista”, “ansiosa”, priva di empatia, intelligente… cosa rivela l’esperienza psicologica

Monique Olivier: “Egoista”, “ansiosa”, priva di empatia, intelligente… cosa rivela l’esperienza psicologica

Martedì 12 dicembre gli esperti di psicologia sono intervenuti per cercare di far luce sulla personalità “complessa” di Monique Olivier. L’ex compagno di Michel Fournier, Jules Ardenne, è stato processato a Nanterre per complicità nei rapimenti e omicidi di Marie-Angele Dumais, Joanna Parish ed Estelle Mozin.

“Egoista”, “ansiosa” e priva di empatia… Gli esperti di psicologia sono intervenuti martedì per cercare di far luce sul carattere “complesso” di Monique Olivier, processata a Nanterre per complicità nel rapimento e nell’omicidio di Marie -Angele Dumis, Joanna Parish e Estelle Mozin.

Il primo giorno del processo, il 28 novembre, davanti al tribunale penale dell’Hauts-de-Seine, l’imputata, 75 anni, ha detto, riferendosi alla sua relazione con l’ex marito: “Si è approfittato di me”. E il serial killer Michel Fourniret.

Inoltre, il primo psicologo belga, Gautier Persson, che la valutò nel 2004, la descrisse come “dipendente, completamente passiva e sottomessa” e dotata di “poca empatia”, tranne che per se stessa.

“Indifferenza emotiva”

Secondo Pearson, se ha partecipato ai crimini commessi da Michel Fournier, è stato a causa della “indifferenza emotiva” e del “rapporto di sottomissione che si è sviluppato nei confronti” di suo marito che “l’ha registrata in una sorta di sottomissione”. Nota che è “in qualche modo manipolabile”, prima di aggiungere che “solo perché è un personaggio sottomesso non significa che non abbia la tendenza a manipolare a proprio vantaggio”.

Per uno degli esperti francesi che la analizzarono nel 2005, Philippe Herbilot, Monique Olivier è «estremamente egoista»: «La sua vita, il suo viaggio, è la priorità di prendersi cura di sé e non degli altri». Non la descrive come sottomessa al marito, ma parla di un «legame di dipendenza tra i due»: Michel Fournier aveva bisogno di lei e «scoprì che aveva un posto importante nella macchina criminale».

READ  Un fenomeno eccezionale nel cielo: il prossimo accadrà dopo 102 anni

Aggiunse: “Non c’è alcun senso di colpa in lei” quando la visitò nel 2005: “Non parla mai delle vittime, non parla mai della sofferenza di queste giovani ragazze”. Ha aggiunto: “Non possiamo escludere una sua deviazione”.

La battaglia sul QI

“Siamo nel terrore assoluto, e questo terrore va avanti da 16 anni”, ricorda Didier Sepin, difensore dei partiti civici. Perché Monique Olivier non ha mai lasciato Michel Fournier, nonostante i crimini commessi.

Secondo molti esperti, ciò è dovuto alla paura della “solitudine”, una paura per lui “insopportabile”, e alla “paura dell’abbandono”, legata all’infanzia isolata con un padre assente e una giovane madre. Secondo quanto ha detto agli esperti. Ma ha lasciato il suo primo marito, che ha accusato di violenza, secondo il pubblico ministero Hugues Juliet.

Gautier-Person ha spiegato: “Penso che dopo un certo punto”, che è la “violenza fisica” da parte dell’imputata, “la paura per la sua incolumità fisica” “prevarrà” sulla sua paura dell’abbandono.

Altro argomento di disaccordo tra gli esperti: il QI degli imputati. Nel 2004, una prima valutazione da parte di psicologi belgi ha rilevato che il suo QI era di 95. Nel 2005, gli esperti francesi Jean-Luc Ploye e Philippe Herbeleau hanno ottenuto un punteggio di… 131.

“La persona che si lamenta sempre”

Prima che l’ultima valutazione nel 2023, condotta da un nuovo gruppo di esperti citato dal giudice istruttore Sabine Khreis, gli accertasse un QI di 92. Questi esperti, Mickael Morellet-Revelli, Olivier Daudier e Julie Gundrickson, hanno fortemente criticato il test altrove. Realizzato da mm. Bluey e Herbelo, affermando di aver utilizzato una “vecchia versione” di un test del QI.

READ  Tecniche di memorizzazione per facilitare l'apprendimento.

Monique Olivier ha un’intelligenza media, secondo gli psicologi. Ricordiamo: “Il QI non è mai stato e mai sarà un indicatore di personalità: non è la stessa cosa”.

Questi tre esperti hanno anche concluso, dopo aver effettuato diversi test, che Monique Olivier era “egoista”, aveva una “personalità che si lamenta continuamente” e si sottovalutava. Secondo i loro risultati, appariva anche “ritirata e ansiosa”, con una “incapacità cronica di imparare dalle sue esperienze”.