Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sabotaggio, vendetta e video: scandalo al Centre Pompidou di Metz

Sabotaggio, vendetta e video: scandalo al Centre Pompidou di Metz

ALa mostra è il 6 maggio al Centre Pompidou Metz Lacan: Quando l’arte incontra la psicoanalisi, che ha riscosso un grande successo fin dalla sua apertura a dicembre e avrebbe dovuto chiudere una settimana dopo, è stato teatro di atti vandalici voluti dall’artista teatrale Deborah De Robertis. Per proteggere il vetro Origine del mondo, la parola “MeToo” era scritta in lettere rosse. In mostra nella stessa mostra gentalpanico, dell’attivista femminista austriaca Valle Export, una fotografia di Rosemarie Trockel e un disegno dell’artista Louise Bourgeois, NascitaSul vetro protettivo era impresso anche il marchio , che rappresenta una donna che partorisce. come un messaggio Annette ricamato, Penso di sì, sto maleE, infine, rubato.

Cultura della newsletter

Ogni mercoledì alle 16:00

Ricevi le notizie culturali della settimana da non perdere, oltre a sondaggi, decodifiche, foto, tendenze…

Grazie!
La tua registrazione è stata presa in considerazione utilizzando l’indirizzo email:

Per scoprire tutte le altre nostre newsletter, vai qui: Aritmetica

Registrandoti accetti le nostre Condizioni Generali d’Uso e l’Informativa sulla Privacy.

Da molti anni l’artista lussemburghese Deborah de Robertis chiede performance volte a riflettere il punto di vista femminile nell’arte. Tra gli altri eventi, nel 2014 si è installata, nuda, con le gambe aperte, davanti a Origine del mondoal museo d’Orsay, lo ripeterà due anni dopo sdraiandosi nudo davanti a lui Olimpiadi Manet, poi nell’introduzione il dipinto della Gioconda, al Museo del Louvre nel 2017. Ogni volta le “performance” generano un piacevole scalpore mediatico e gli valgono la custodia, un richiamo alla legge e un’apparizione in una mostra erotica. In tutti questi casi è difesa dall’avvocato penalista Marie Doucet, che è stata assolta soprattutto per le sue esposizioni al Museo del Louvre.

READ  Nel 2024 potremmo avere il primo ministro più giovane nella storia del Belgio.

Opere femministe rivendicate

Ma questa volta gli atti vandalici sono stati commessi proprio dall’artista insieme ai suoi partner nella mostra Lacan, iniziano con il risveglio di una completa incomprensione. Vale Export, Annette Messager e Louise Bourgeois si autoproclamano femministe; Allora perché attaccare la loro attività? “Coprire il lavoro di artisti conosciuti come femministi è molto aggressivo”, racconta la mostra la curatrice Marie-Laure Bernadac, co-curatrice insieme al marito Bernard Marcadi. Fa sicuramente male alla causa che vuoi difendere. »

Il messaggio appare ancora più confuso visto che la stessa Deborah De Robertis viene esposta nella stessa stanza dei suoi bersagli, esibendosi davanti a… Origine del mondo È stato selezionato dai curatori della Galleria d’Orsay, tra le altre opere, per presentare il contrasto contemporaneo e femminile della pittura di Courbet. «All’inizio non lo chiedevamo noi, innumerevoli artisti si sono convertiti Origine del mondo“, spiega Marie-Laure Bernadac. Ma quando ha saputo che non avrebbe partecipato alla mostra, ha causato un enorme scandalo. Quindi, invece di chiederle di censurare e fingere di essere una vittima, abbiamo mostrato il suo lavoro. Aveva senso …”

“Ho i lavori di Annette Messager.”

Ma la storia è meno semplice di quanto sembri. Della coppia di compagni, che assomigliano a Deborah De Robertis da molto tempo, abbiamo confermato che si incontreranno nel 2016 in un gruppo sulla transizione artistica a Lisbona, e Bernard Marcade è un istruttore, a causa di una lunga collaborazione années, più tardi un lavoro. Anche il ricamo rubato è stato donato loro dalla stessa artista Annette Messager e l’opera appartiene a loro di diritto. Tuttavia, la notte del 6 maggio, Deborah De Robertis ha affermato su Instagram di averlo tra le mani e di essere in attesa di essere chiamata dalla polizia. “Possiedo opere di Annette Messager di cui mi sono riappropriata”, scrive.

READ  Cyril Hanoun annuncia di avere una relazione

Pubblica anche un video risalente a quasi quindici anni fa, che, se non un montaggio, non lascia dubbi sulla natura della relazione che aveva in quel periodo con Bernard Marcadi. Il critico d’arte, che fa commenti scortesi, sa di essere filmato e si diverte: “Ma cosa farai con questo maledetto film, mi ricatterai?” » – La giovane donna poi ingrandisce il ricamo realizzato da Annette Messager appeso al muro. Questo ricamo l’ho rubato quindici anni dopo.

“È una manipolazione, una trappola”, dice oggi Bernard Marcade. “Mi sento violato da questo artista che ho difeso in passato”. Resta da capire cosa intende fare Deborah De Robertis, di cui al momento non abbiamo potuto contattare l’avvocato, con questo video devastante in cui sembra non subire alcuna coercizione. Denuncia l’autorità del riconosciuto critico d’arte e curatore sulla giovane artista che era allora? Oppure andare avanti, con i metodi che la nostra strana epoca ora consente, verso il regolamento di conti privati ​​e tristi?