Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno studio ha rivelato che i siti archeologici dell’America centrale sono fortemente inquinati a causa di alcune pratiche Maya

Nei siti archeologici associati ai Maya in America centrale, i ricercatori hanno rivelato che 7 monumenti su 10 mostravano livelli di tossicità molto preoccupanti a causa dell’alto contenuto di mercurio. Studio pubblicato il 23 settembre sulla rivista Frontiere nelle scienze ambientali I rapporti indicano che i Maya portarono il mercurio vicino a sorgenti termali o in aree vulcaniche per scopi decorativi e religiosi a causa della sua santità.

Duncan Cook, un geoarcheologo australiano e autore principale dello studio, afferma che i Maya preferivano il cinabro, un cristallo rosso molto apprezzato per la pittura che è un solfuro di mercurio simile al sangue. Lo usavano principalmente nell’ambito di rituali e cerimonie. Su larga scala da secoli, l’uso del mercurio rivela ancora tracce tossiche sepolte nel terreno. Anche gli archeologi che lavorano in questi siti sono stati invitati a indossare tute protettive poiché vi si trova mercurio in grandi quantità.

“L’inquinamento ambientale da mercurio si trova solitamente nelle aree urbane contemporanee e nei paesaggi industriali. È difficile spiegare la scoperta del mercurio sepolto in profondità nel suolo e nei sedimenti delle antiche città Maya, finché non iniziamo a studiare gli effetti della regione che ci dicono che i Maya usarono il mercurio per secoli” disse Duncan Cook.

Il fenomeno della tossicità negli antichi siti Maya è già stato evidenziato in uno studio pubblicato da relazione scientifica Nel 2020. Lo studio si è concentrato sull’antica città Maya di Tikal in Guatemala, dove i livelli di mercurio contaminavano i serbatoi di acqua potabile.