Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una delegazione israeliana è al Cairo; L’egiziano Cairo News Channel ha riferito che tutte le parti “sono d’accordo a tornare al tavolo dei negoziati”.

Una delegazione israeliana è al Cairo;  L’egiziano Cairo News Channel ha riferito che tutte le parti “sono d’accordo a tornare al tavolo dei negoziati”.

Molte organizzazioni non governative avvertono dei pericoli dell’attacco a Rafah

“Si prevede che la situazione attuale peggiori ulteriormente con le forze israeliane che emettono ordini di ‘evacuazione’ per più di 100.000 civili in alcune parti di Rafah, e se l’offensiva di terra israeliana a Rafah continua”. Diverse organizzazioni non governative sono state allertate, in un comunicato stampa, tra cui Oxfam, Doctors of the World e Save the Children.

“L’offensiva di terra lanciata dalle forze israeliane a Rafah non solo aumenterà significativamente i bisogni umanitari, ma spingerà gli attori umanitari fuori dal governatorato e metterà a repentaglio il funzionamento del valico di Rafah in un momento in cui una risposta umanitaria tanto necessaria è già ostacolata. ” Le organizzazioni comunicano.

“Rispondere ai massicci bisogni umanitari che deriveranno da questo grave deterioramento della situazione sarà estremamente difficile. Una parte significativa delle capacità umanitarie, compresi edifici e magazzini, si trova a Rafah, pertanto è prevista un’invasione su larga scala del governatorato da parte delle forze israeliane rappresenterebbe un importante passo indietro per la risposta umanitaria”, che già da mesi era ostacolata da un contesto operativo limitato e altamente instabile. Aggiungono.

Inoltre, le ONG ritengono che le promesse israeliane di facilitare un maggiore accesso umanitario alla Striscia di Gaza non siano ancora state mantenute, e non possano più essere mantenute, data la minaccia.

READ  Riceve una pallottola vagante nel suo clitoride mentre si rilassa nel suo salotto