Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la Russia ripete le sue minacce nucleari

“Lo ripeto ancora per sordi (…): la Russia ha il diritto di usare armi nucleari se necessario”, ha dichiarato l’ex presidente e secondo presidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev.

Ha aggiunto: “Lo ripeto ancora per orecchie da mercante (…): la Russia ha il diritto di usare armi nucleari se necessario”.

Alla domanda se queste affermazioni rappresentassero la posizione ufficiale del Cremlino, il suo portavoce, Dmitry Peskov, ha fatto riferimento alla dottrina militare russa, che prevede la possibilità di attacchi nucleari in caso di attacco di un territorio considerato russo da Mosca.

Tuttavia, dopo i referendum, “ci saranno cambiamenti fondamentali in questi territori dal punto di vista giuridico, dal punto di vista del diritto internazionale e per tutte le conseguenze (delle misure adottate) per garantire la sicurezza”, ha indicato il sig. Peskov.

Queste minacce nucleari, prese sul serio in Occidente, giungono l’ultimo giorno delle votazioni di annessione organizzate da Mosca nelle regioni separatiste di Donetsk e Lugansk (est) e quelle sotto occupazione russa a Kherson e Zaporizhia (sud). I risultati potrebbero essere annunciati già martedì o mercoledì sera.

Queste elezioni, orchestrate con urgenza di fronte al successo della controffensiva ucraina iniziata all’inizio di settembre, seguono lo schema dell’annessione della Crimea nel 2014.

Queste cinque regioni rappresentano poco più del 20% dell’area dell’Ucraina.

Vladimir Putin ha affermato martedì che questi voti avevano lo scopo di “salvare la popolazione locale” e Mosca ha giustificato la sua invasione accusando Kiev di nazismo e di aver orchestrato un presunto genocidio dei russofoni.

esodo dei russi

I paesi del G7 si sono impegnati a “non riconoscere mai” i loro risultati, mentre Washington ha promesso una risposta “severa” attraverso sanzioni economiche aggiuntive.

READ  “Per salvare vite è necessario cambiare comunicazione”

Un portavoce del capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato che l’Unione europea considera questi “referendum” “illegali” e tutti coloro che hanno partecipato alla loro organizzazione saranno puniti.

Anche la Cina, principale partner della Russia, ha sollevato critiche senza arrivare al punto di denunciarle.

Le autorità che Mosca ha collocato nelle aree da annettere, dal canto loro, hanno sottolineato che i “risultati preliminari” non dovrebbero essere annunciati prima di martedì sera o nei giorni successivi. Il parlamento russo dovrà quindi votare un testo che ufficializza l’accorpamento delle quattro regioni russe.

“Cosa ci aspettiamo da questo evento? Stabilità, stabilità economica e fiducia nel futuro”, ha detto il leader dei separatisti di Luhansk, Leonid Pasnik.

Martedì il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna era a Kiev per sostenere l’Ucraina nell’incontro con il presidente Volodymyr Zelensky in particolare.

Allo stesso tempo, la Russia continua a guidare la mobilitazione dei suoi soldati di riserva per reclutare 300.000 combattenti per la conquista dell’Ucraina, cercando una parata nel contrattacco delle forze ucraine che, con l’aiuto delle spedizioni di armi occidentali, hanno recuperato migliaia di combattenti. Chilometri quadrati di terreno ai primi di settembre.

Questa spinta al reclutamento, a volte condotta in maniera caotica, ha spinto molti russi a lasciare il Paese, un esodo di massa confermato martedì dai due vicini del Paese, Georgia e Kazakistan, mentre è stato osservato un afflusso anche ai confini di Mongolia e Finlandia .

Perdite del Nord Stream

La Georgia ha segnalato che 10.000 russi attraversano il confine ogni giorno da quando è stata annunciata la mobilitazione. Il Kazakistan ha segnalato l’arrivo di 98.000 cittadini russi dal 21 settembre.

READ  OMS: "È plausibile che l'Europa sia vicina alla fine dell'epidemia"

“Non sono carne da cannone, non sono un assassino”, ha detto all’AFP Nikita, una russa di 23 anni che stava attraversando la parte georgiana al valico di frontiera di Kazbegi.

Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha promesso di proteggere i russi in fuga in Kazakistan, il tradizionale alleato della Russia, ma ha preso le distanze dall’invasione dell’Ucraina.

Sul campo in Ucraina martedì, Kiev ha rivendicato nuove conquiste territoriali con la cattura delle località di Borivshchyna, sulla riva sinistra del fiume Oskil nella regione di Kharkiv, nonché dell’hub ferroviario e logistico di Kupinask-Vouzlovy.

Mosca, da parte sua, ha continuato a rivendicare pesanti perdite al suo avversario.

Negli ultimi giorni, gli attacchi russi contro droni di fabbricazione iraniana si sono intensificati, in particolare su Odessa, un importante porto del Mar Nero, con due veicoli “kamikaze” che lunedì hanno colpito le infrastrutture militari, provocando un grave incendio e facendo esplodere munizioni.

Sul lato economico della guerra, i gasdotti Nord Stream costruiti per trasportare il gas russo in Europa sono stati danneggiati da perdite inspiegabili segnalate dai paesi nordici. Il Cremlino si è detto “estremamente preoccupato”, dicendo che non esclude “nessuna” ipotesi, compreso il sabotaggio.