Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Una risorsa strategica da cui dipende tutta la nostra società” vede le sue riserve “pericolosamente vicine” al limite

“Una risorsa strategica da cui dipende tutta la nostra società” vede le sue riserve “pericolosamente vicine” al limite

La sabbia è la risorsa naturale più sfruttata al mondo dopo l’acqua. Ogni anno, dagli ambienti marini e costieri vengono estratti tra i quattro e gli otto miliardi di tonnellate di sabbia e sedimenti. “Ogni anno estraiamo abbastanza sabbia marina per costruire un muro alto 10 metri e largo 10 metri, che circonda la Terra. “Non è sostenibile.” Lo conferma Pascal Peduzzi, esperto del Programma Ambiente delle Nazioni Unite.

Questi circa 8 miliardi di tonnellate sono in realtà”“pericolosamente vicino” Secondo il Programma ambientale delle Nazioni Unite, il tasso di rifornimento e i 10-16 miliardi di tonnellate di sedimenti all’anno che devono raggiungere gli oceani per mantenere gli ecosistemi costieri e marini. “Inoltre, a causa della costruzione di dighe e dell’estrazione diretta nei fiumi, una quantità minore di questi sedimenti raggiunge gli oceani, il che pone un problema per il rifornimento di sabbia per le nostre coste e spiagge. La metà dei sedimenti che raggiungono i nostri oceani vengono poi estratti dai fiumi e trasportati mediante la produzione della sabbia. Dobbiamo dare tempo all’ambiente marino di riprendersi, spiega Pascal Peduzzi.

Le Nazioni Unite avvertono di una possibile “crisi della sabbia”.

Il fiume Mekong sta crollando

Per l’Unep la nota è “Particolarmente inquietante“Per le aree in cui il dragaggio è più intenso e l’estrazione supera già di gran lunga la fornitura di sedimenti dalla terra al mare. Nel delta del Mekong, ad esempio, la sabbia viene estratta in quantità così grandi che il delta sta affondando, causando l’erosione di questo luogo fertile, una fonte di cibo per la popolazione”. E in America, dal Texas al Maine, le spiagge devono essere regolarmente riqualificate per prevenire l’erosione. attività di dragaggio che utilizzano l’intelligenza artificiale e segnali di dati di sicurezza emessi dalle navi.

Report Lungo il fiume Mekong, questo tesoro di biodiversità è minacciato da tutti i lati

L’UNEP rileva che il Mar Cinese Meridionale, il Mare del Nord e la costa orientale degli Stati Uniti sono tra le aree in cui si è verificato il maggior numero di operazioni di dragaggio. “Il Mare del Nord è sovrasfruttatoA lanciare l’allarme è il belga Arno Vander Velpen, specialista dell’industria della sabbia e specialista nell’analisi dei dati presso il Programma ambientale delle Nazioni Unite. Estraiamo dal Mare del Nord una quantità di sabbia molto maggiore di quella che ne entra. Sulla nostra mappa della piattaforma del Mare del Nord, possiamo vedere che la quantità di sabbia utilizzata e il numero di progetti implementati sono sconcertanti. Per quanto riguarda la sabbia, gli impatti principali spesso non sono quelli di un singolo progetto locale, ma piuttosto di tutti i progetti circostanti. L’impatto dell’estrazione della sabbia sulla piccolissima costa belga può essere limitato, ma occorre tenere conto dell’impatto cumulativo di tutti i progetti nel Mare del Nord.

READ  "E' un incubo, ci ha fatto impazzire" (foto)

Risorse strategiche

La parte belga del Mare del Nord è caratterizzata dalla presenza di numerosi banchi di sabbia dove è tecnicamente possibile estrarre. La sabbia marina ha proprietà chimiche e fisiche che ne consentono l’utilizzo in varie applicazioni industriali, inclusa l’edilizia. L’estrazione della sabbia marina nel Mare del Nord soddisfa le esigenze economiche delle aree densamente popolate ad esso adiacenti…

Tuttavia, il nostro paese è tra i pochi paesi che hanno studiato le proprie riserve di sabbia e, secondo il Programma ambientale delle Nazioni Unite, se continuiamo lo sfruttamento allo stesso ritmo, le riserve di sabbia nella parte belga del Mare del Nord si esauriranno entro 80 anni. anni (leggi il contrario). ). Arnoud Vander Velpen avverte che se altri paesi si prendessero la briga di condurre la stessa analisi, potrebbero arrivare agli stessi numeri allarmanti. Una situazione che complica la lotta al cambiamento climatico (vedi a fianco) ma che pone anche una questione”strategico”. “Dobbiamo gestire questa risorsa in modo intelligente per gli anni a venire. Fino ad ora consideriamo la sabbia un materiale comune e pensiamo di averne molta. Lo conferma Pasquale Peduzzi. È vero che abbiamo molta sabbia, ma l’accesso alla sabbia dipende dal rapporto tra ciò che è disponibile e ciò che utilizziamo. Ad un certo punto, se utilizziamo troppa sabbia, questa eccederà la capacità del sistema di fornirla e diventerà più scarsa. La sabbia dovrebbe essere considerata un materiale strategico. Le vostre orecchie, il vostro calore, le vostre strade, le vostre dighe idroelettriche, i vostri oli (il 75% delle vostre vasche da bagno), i vostri pannelli solari e i vostri puces di ordinateur (liquame di silicato), la verre… A tutta la nostra società allo stesso modo del tappeto. Edificio. Inoltre, la sabbia ha anche un ruolo nell’ambiente: per le nostre falde acquifere in particolare perché sabbia e ghiaia sono i luoghi in cui pompiamo l’acqua… è un substrato per le popolazioni ittiche e la biodiversità… e il suo ruolo va riconosciuto.

READ  “Sempre lacrime, urla e rabbia”: un anno fa Delhaize annunciava il franchising dei suoi negozi Dove siamo oggi?

Perché la sabbia, come il petrolio, è una risorsa limitata… ma sempre più desiderabile

Sterilizzazione dei fondali marini

Continua dicendo che gli effetti dell’estrazione della sabbia marina sull’ambiente sono significativi, riferendosi a queste enormi imbarcazioni che assomigliano a “barche”.Aspirapolvere gigante. Grandi navi“Sterilizzare il fondale marino estraendo la sabbia e schiacciando tutti i microrganismi che alimentano i pesci significa che c’è un impatto sulla biodiversità e sugli stock ittici”. Anche la torbidità dell’acqua è turbolenta perché l’estrazione della sabbia, respingendo particelle molto piccole, crea colonne di particelle. Mentre sugli organismi marini si accumula la sabbia “grossa” e rifiutata. Per non parlare del rumore dei macchinari o del rischio di erosione costiera se l’estrazione avviene vicino alla costa.

Arnoud Vander Velpen aggiunge che il dragaggio internazionale richiede standard minimi. ““L’industria del dragaggio ha appena pubblicato le migliori pratiche ed è un passo nella giusta direzione, ma anche adesso, su scala globale, accade ancora che venga adottata la soluzione più economica e non quella più sostenibile: su scala globale, abbiamo davvero bisogno per migliorare le nostre pratiche”. Linea rossa (molto rispettata in Belgio): sovraestrazione di sabbia nel “sistema attivo” della spiaggia (che non finisce dove si ferma l’acqua ma si estende fortemente nel mare).

Reazione dell’industria

Tuttavia, i belgi furono al centro di questi eventi Linee guida Di recente uscita, Arno Vander Velpen rende omaggio. Gli esperti delle società di dragaggio belghe Jan De Nul e Deme, così come altri pesi massimi internazionali, chiedono esempi concreti di: “Ridurre la quantità di sabbia estratta dalle risorse marine utilizzando fonti alternative come i sedimenti estratti durante i lavori di dragaggio e di manutenzione”.“, e sottolinearlo”Il dragaggio all’interno o in prossimità di siti sensibili di alto valore naturale o culturale può essere ottenuto solo attraverso un monitoraggio completo, il rispetto di limiti rigorosi e un’adeguata supervisione.. È necessario tenere conto della quantità e della qualità della sabbia e delle funzioni dell’ecosistema Durante la progettazione del progetto, viene effettuato l’inventario della biodiversità in modo che “È possibile selezionare l’area di estrazione della sabbia con il minor impatto possibile e adottare misure di mitigazione, compensazione e ripristino“.

READ  Motori PureTech (Peugeot, Opel, Citroën e DS Automobiles), fonte di numerose lamentele e preoccupazioni

Sabbia, oro giallo da preservare e valorizzare nel Brabante Vallone

Gli esperti del settore consigliano anche per i progetti di modellizzare la dinamica idrologica della zona costiera, poiché questa (intensità delle onde, correnti, ecc.) può essere disturbata dall’estrazione della sabbia. L’industria generalmente riconosce che “Le crescenti quantità (di sabbia) estratte e i loro effetti sull’ambiente e sulla società suscitano preoccupazioni. L’industria del dragaggio svolge un ruolo importante nell’affrontare queste preoccupazioni”..