Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Al-Nawawi: De Croo è d’accordo con Ten van der Straeten (Groen) contro il presidente del signor Georges Louis Bouchez… che sta contrattaccando.

Quest’ultimo fu accusato da Georges-Louis Bouchet di manovrare dietro le quinte per impedire l’ampliamento dei reattori Tehang 3 e Doyle 4, decisione di Vivaldi che non poteva essere digerita.

Sono convinto che il ministro dell’Energia abbia approfittato di alcune relazioni e dichiarazioni. Pertanto, Elia ha svolto un ruolo politico in questa questione“, ha dichiarato il leader dei liberali francofoni. Georges-Louis Bouchez ha messo in dubbio anche il ruolo svolto da Chris Peters, ex capo della rete di trasmissione dell’elettricità. Elia (E adesso amministratore delegato di bpost). Per questo il presidente liberale ha chiesto la formazione di una commissione parlamentare d’inchiesta sulla gestione del dossier negli ultimi vent’anni.

Per il movimento rivoluzionario, gli ambientalisti sono l’obiettivo da uccidere in questa campagna elettorale (come al solito).

Ten van der Straeten non si è arresa e ha confermato che intende sporgere denuncia contro George Louis Bouchez a causa di queste accuse pubbliche.

Venerdì durante lo spettacolo In una certa misura, in una certa misura (VRT) Fornito da Anneliese BeckL’ecologista fiammingo e il liberale hanno potuto confrontare i loro argomenti.

Attacco linguistico

Il ministro Groen ha inferto il colpo al presidente della MR parlando improvvisamente in francese sul set di Flemish Channel. Ten van der Straeten ha risposto al giornalista che le ha chiesto il motivo di questa decisione linguistica: “C.A volte ho l’impressione che il signor Bouchez non capisca molto bene i dossier“… Ricordiamo che il giovane Montois, così presente nei media nel nord del paese, parla sempre in francese.

Questo vivace dibattito risale al 16 di Rue de la Loa. Sabato, rispondendo ad una domanda di Belga, Alexander De Croo ha confermato che non vi è stato alcun tentativo di sabotaggio da parte di Gruen. “Tutto è avvenuto in modo completamente trasparente e tutti i documenti sono stati rilasciati. Per quanto mi riguarda è una battaglia di retroguardia. (Critiche di MR contro Gruen, ndr)Si è deciso di prorogare. Insieme siamo riusciti a porre fine a questa difficile questione. Il resto dell’Europa, la Germania ad esempio, è gelosa delle nostre azioni“, precisa il capo della coalizione federale (Vivaldi) nella quale sono presenti i coniugi Gruen.

READ  L'oggetto più sporco del bagno è quello che tutti si dimenticano di pulire...

Lo ricordiamo, durante il tradizionale Primo Maggio organizzato dal movimento rivoluzionario, il 1° maggio, Alexandre De Croo, invece, aveva pubblicamente ringraziato Georges Louis Boucher per la sua azione decisiva per consentire l’ampliamento di due reattori.

Energia nucleare, una priorità liberale

In questa campagna elettorale il movimento comunista pone la questione nucleare tra le sue priorità. I liberali vogliono andare oltre l’ampliamento dei reattori e sperano di poter riunire, dopo il 9 giugno, una nuova maggioranza federale, soprattutto su questo progetto. Per Jorge-Louis Bouchez si tratta anche di un modo per convincere il partito pro-nucleare Alleanza Nazionale ad accettare la sua proposta di tornare al potere federale con una maggioranza di centrodestra.

Futura maggioranza federale: MR e alleanza CD&V contro l'”asse PS/N-VA”

Contrattacchi di Georges Louis Bouchez

Il leader del movimento ha risposto domenica sera alle dichiarazioni del primo ministro. “La commissione d’inchiesta che voglio coprirà gli ultimi vent’anni e dovrà formulare raccomandazioni per il futuro. Non tutto è stato fatto in modo trasparente. Engie, ad esempio, ha inviato una lettera al Primo Ministro e al Ministro dell’Energia affermando che non possiamo più ampliare i reattori nucleari in Belgio. Infine, lo espandiamo. Non importa a nessuno? È tutto trasparente? Un altro esempio: non sono stati condotti studi sull’aspetto geopolitico della fine dell’energia nucleare. Abbiamo dovuto aspettare l’invasione dell’Ucraina per cambiare la nostra visione. Questo è un dilettante da parte del nostro Paese e non avevamo previsto la possibile interruzione delle forniture di carburante. Tuttavia, le prime sanzioni contro la Russia risalgono a più di dieci anni dopo l’invasione della Crimea. Ciò che mi uccide è che niente di tutto questo sembra importare a nessuno…

READ  Recensione ibrida Honda CR-V 2023 | Prove su strada