Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una decorazione classica per i ricordi digitali

Una decorazione classica per i ricordi digitali

Lo sviluppo tecnologico non dipende da innovazioni innovative. Questo mira a facilitare alcuni aspetti della nostra vita, per offrire soluzioni alternative. Non c’è bisogno di arrivare con un corpo completamente nuovo. Prova ne sono le cornici digitali apparse da qualche anno nel reparto decorazione.

Dopo aver testato finora la soluzione di Google con Nest Hub (un altoparlante intelligente con uno schermo LCD in grado di visualizzare le immagini per estensione), volevamo vedere se l’erba era più verde altrove. Quindi siamo stati in grado di testare l’Aura Frames Mason per valutarne i punti di forza e di debolezza.

Grande discarica

Nella confezione del prodotto, andiamo dritti al punto. Il telaio è posizionato in avanti, saldamente fissato e protetto da una piccola pellicola di plastica sul telaio. Una guida che copre le basi dell’installazione (che ci porterà rapidamente all’app complementare) e una scatola secondaria che include l’alimentatore completano il kit. Noteremo bene la lunghezza del cavo per la presa di rete che potrete collegare in modo universale grazie ai due adattatori in dotazione. Notando l’intenzione, dubitiamo della sua utilità.

Disegno classico

Prima di accendere il dispositivo, siamo interessati al suo design. Un design che non urla “tech” e si ispira alla sensazione di una classica cornice per foto. Il termine “classico” non è una critica. Lontano da questo. Questo conferisce al prodotto un’eleganza e tutto l’interesse che cerchiamo in esso: integrarsi nell’arredamento per dare l’illusione della normalità. Perché se vuoi che una cornice digitale mostri una presentazione di ricordi, non devi necessariamente avere un oggetto significante che mostri la sua funzionalità.

READ  Niantic taglierà già i server di "Harry Potter Go"

Copia di Mason Luxe_Pebble 1

Inoltre, le cornici Aura possono essere posizionate orizzontalmente o verticalmente, con la visualizzazione dell’immagine ruotata automaticamente. Inoltre, questo prodotto è disponibile in molte finiture e dimensioni… ma il prezzo seguirà.

IMG_2476

Dettagli da migliorare

Una volta trovato il posto e collegato il telaio, devi passare alla configurazione. Sotto questo aspetto, niente potrebbe essere più semplice. Tutto accade nell’app Aura. La gestione è fluida, i passaggi sono chiari e ci ritroviamo rapidamente a proiettare le immagini sul nostro smartphone sul nostro telaio fisico.

IMG_2332

Per fare ciò, l’applicazione offre diverse soluzioni: seleziona le foto dalla nostra libreria di foto una per una, seleziona un intero album o vai su un servizio di terze parti (Google Foto). Ovviamente, la soluzione più pratica è creare un album personalizzato per la cornice nella tua libreria personale di foto e poi selezionarlo mentre è attiva la sincronizzazione automatica per sfruttare le nuove foto che puoi aggiungere ad essa. Una funzione interessante ma non meglio spiegata nell’applicazione: sarà necessario “Aggiungi foto”, andare all’album scelto e “Seleziona tutte le foto” per vedere che questo album sincronizzato appare alla fine. Questo merita una piccola semplificazione per una soluzione che rende il prodotto più facile da usare.

Copia di Tech Base (1)

Se la cornice non delude nella sua funzione di base (presentazione fotografica perfetta, design sobrio ed elegante…), ci sono alcune carenze che il brand può facilmente correggere.

Prima attesa. L’utente ha due soluzioni: programmare i tempi di illuminazione o adattare la luminosità. Per quest’ultimo abbiamo notato un utilizzo eccessivo della modalità standby – e quindi schermo nero – piuttosto che un calo di luminosità in un ambiente con una fonte di luce debole. Peccato perché, in questo gioco, Google Nest Hub, ad esempio, offre una migliore adattabilità.

READ  L'ottimo Google Pixel 6 Pro sfrutta le vendite per abbassare il prezzo

IMG_2349

Un’altra lamentela: le immagini di sfondo. Quando lo scatto non è in un formato adeguato, la cornice (di nuovo) ti offre due soluzioni: ottenere uno sfondo nero o riempire lo spazio eseguendo uno zoom intelligente sull’immagine. Sfortunatamente, sarà più che arrotondato al centro, il che a volte si tradurrà in una visualizzazione completamente incoerente, specialmente in una vista orizzontale. Ci sarebbero piaciute più opzioni a questo livello: una combinazione di due immagini verticali (come con Google) o uno sfondo sfocato… come mostrato nell’app.

Copia dalla tecnologia di base

Per concludere con una nota positiva, con due funzionalità che apprezziamo molto: la possibilità di riprodurre video sulla cornice e due zone touch (poste in alto a seconda della posizione verticale o orizzontale della cornice) che consentono di cambiare un’istantanea o visualizzare informazioni senza lasciare impronte sullo schermo.

IMG_2333

Conclusione

Quando insistiamo sui dettagli per perfezionare un dispositivo, è perché spunta davvero così tante caselle. I telai Halo non fanno eccezione alla regola. Un prodotto semplice ed efficace, che svolge le funzioni che ci si aspetta senza indebite complicazioni. Aggiungendo le opzioni aggiuntive che abbiamo menzionato sopra, apparirà come una cornice digitale quasi perfetta.

L’oggetto decorativo è d’obbligo, il conto finale rimane leggermente rialzato. Conta 158 euro per la versione meno costosa. A seconda delle finiture e delle dimensioni dello schermo, può arrivare fino a 276€, come il “Mason” che abbiamo usato per questo test. Un po’ caro ma la qualità c’è davvero.