Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un secondo titolo di Stato a un anno molto interessante a marzo? “Alcuni non vogliono consegnare un nuovo trofeo elettorale al ministro Van Petegem”.

Un secondo titolo di Stato a un anno molto interessante a marzo?  “Alcuni non vogliono consegnare un nuovo trofeo elettorale al ministro Van Petegem”.

Ricordiamo che le condizioni di questi titoli di stato si sono rivelate molto interessanti, con la ritenuta fiscale ridotta della metà – dal 30% al 15% – garantendo un rendimento netto di circa il 2,8%, molto più alto dei tassi offerti da conti di risparmio. La Federal Debt Agency ha osservato, alla fine del 2023, “I titoli di Stato a un anno rimangono un’opzione di finanziamento nel 2024, durante uno o più detentori di titoli di Stato trimestrali.

Da allora, il ministro delle Finanze Vincent Van Peteghem (CD&V) sta valutando la possibilità di emettere un secondo titolo di Stato a un anno. Venerdì una proposta del genere è arrivata al gabinetto ristretto di Kern. Beneficiando del sostegno dell'agenzia del debito – il cui fabbisogno finanziario è stimato a 13 miliardi il prossimo marzo – e della Banca nazionale belga, vuole introdurre questo prodotto a partire dal 4 marzo, approfittando ancora una volta della riduzione della ritenuta alla fonte al 15%. .

Johan Theis (KBC): Se ci saranno titoli di Stato come lo scorso settembre, “la banca agirà diversamente”

Rendimento leggermente inferiore

Dettagli importanti: questa volta verrà fissato un tetto per la prossima stagione, in modo che l'abbonamento sia limitato a 6 miliardi di euro. In effetti, dallo scorso settembre, le principali banche belghe si sono lamentate in più occasioni di aver visto un grosso blocco di capitale abbandonare i loro conti di risparmio, mettendo a rischio la loro stabilità finanziaria, secondo loro. Questa volta verrà applicata la regola del “primo arrivato, primo servito”. Inoltre, il rendimento netto su questi futuri titoli di Stato a un anno dovrebbe essere leggermente inferiore (circa il 2,5%) rispetto a quello offerto lo scorso settembre.

Nawras

Il progetto ha ricevuto un’accoglienza piuttosto fredda a Cairn, soprattutto da parte dei partiti fiamminghi e del Primo Ministro”.

Tuttavia, il caso non è stato ancora discusso. Come nel caso della tassazione delle auto aziendali alimentate a combustibili fossili, il ministro delle Finanze dovrà tornare al governo per ottenere il via libera dai suoi colleghi. Ufficialmente, “Una parte ha richiesto ulteriori informazioni sul processo imminente.”Diciamo al Gabinetto delle Finanze: in realtà è Open VLD. In questo processo, la BNB è stata invitata a (ri)esaminare la proposta del ministro CD&V.

READ  Il prezzo è competitivo in Europa per questa nuova auto elettrica, ma c’è un ma

Titoli di Stato: dopo la massiccia “fuga” di 21,9 miliardi di euro, il settore bancario risponde

Ma il problema è in realtà più complesso e più politico. “Il progetto ha ricevuto un'accoglienza piuttosto fredda a Keren, soprattutto da parte dei partiti fiamminghi e del Primo Ministro. Sono rimasti sorpresi dalla tempistica del processo: Giovedì Vincent van Petegem è arrivato con la sua proposta alle discussioni interministeriali, quasi senza Attenzione. Ma siamo in periodo elettorale, e mesi fa” poco dopo quella scadenza alcuni partiti non sembrano pronti a offrirgli una nuova coppa elettorale su un piatto d'argento. I primi titoli di Stato e le misure di taglio delle tasse sui paesi più inquinanti Le auto aziendali hanno permesso loro di recuperare la propria immagine, dopo una legislatura poco brillante. Ma c'è chi non è pronto a fargli un regalo in più”. Lo spiega il capo di uno dei partiti membri della coalizione vivaldiana.

Come nel caso delle auto aziendali, il ministro delle Finanze si assume il rischio di offrire garanzie – risarcimento? – Ai colleghi del Consiglio dei ministri. Che ancora una volta promette vivaci giri in giostra e discussioni nelle prossime settimane…