Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Thierry, il proprietario di pannelli solari, produce moltissima energia in pieno inverno: dovrebbe staccare la spina?

Thierry, il proprietario di pannelli solari, produce moltissima energia in pieno inverno: dovrebbe staccare la spina?

Contattaci Thierry tramite il pulsante arancione “Avvisaci”. Possessore di pannelli solari da circa un anno e mezzo, si trova ad affrontare un problema ricorrente: il suo inverter si disconnette e siamo in pieno inverno. Thierry si chiede cosa dovrebbe fare per evitare questo problema.

Thierry, originario di Charleroi, è stato molto attento e preoccupato per il suo consumo di elettricità e ha deciso di installare dei pannelli solari. “Prima della crisi energetica pagavo 400 euro all’anno per la bolletta elettrica. Ma con l’aumento e la noia della dipendenza dalle centrali nucleari, volevo diventare indipendente“, sottolinea Thierry. Dopo aver ottenuto un prestito dello 0% dalla regione Vallonia, ha investito 10.000 euro in pannelli solari. “Un investimento necessario e abbastanza redditizio, anche se non ho ancora esaurito questi fondiTuttavia, nell'ultimo mese ha riscontrato problemi di installazione ricorrenti e ci ha contattato tramite il pulsante arancione “Avvisaci”.

Ma come molti “prosumer” (consumatori e produttori) Thierry deve affrontare un problema: le perdite. Anche se non c'è luce solare, la sua griglia è satura e il suo riflettore passa alla modalità di sicurezza. Quando viene prodotta troppa elettricità, la rete non ha (ancora) la capacità di sostenerla. Questa sovrapproduzione viene fatturata. Thierry, che lavora per Total Energie, paga 5,30 €/kVA al mese per questo surplus.

Problema ricorrente

Infatti il ​​fenomeno delle perdite è frequente. “Sono sempre più numerosi i possessori di pannelli solari. La vecchia rete non può supportare la stessa quantità di energia“, sottolinea Jonas Moormann di Ecoconso, un'ASBL che promuove opzioni di consumo rispettose dell'ambiente. Si stima che solo per Ores gli investimenti necessari per ammodernare la rete ammontino a un miliardo di euro. Allo stesso tempo, i gestori possono ripristinare il potere di le loro cabine due volte l'anno, secondo necessità.

READ  I robot sostituiranno gli umani in Amazon?

Per evitare che questo surplus venga immesso in rete ed evitare così la saturazione, si consiglia di utilizzare la maggior parte possibile della sua produzione. “Ma questa soluzione è parziale e la rete va rafforzata“, continua l'esperto.

È più saggio consumare ciò che produciamo

Ancora di più con il nuovo sistema di prezzi. Prima del 1° gennaio 2024 il principio contrario era “Che si capovolge“:”Ciò che abbiamo iniettato è stato sottratto a ciò che abbiamo consumato. Pertanto, i consumatori hanno pagato la differenza“Ma dal 1° gennaio il sistema è cambiato. D'ora in poi vendiamo quello che produciamo. Qui, 5-6 centesimi al kilowatt”.Quindi se produciamo 2.000 pezzi li vendiamo a 100 euro“, sottolinea Jonas Moormann. E quando non produciamo, compriamo al prezzo di mercato: qui 15 centesimi al kilowatt. A questo dobbiamo aggiungere altre componenti, come l'imposta sul valore aggiunto. “Con questo sistema consumare ciò che produciamo è diventato più saggio“, specifica Ekunso.

Un'altra preoccupazione

Il nostro testimone indica che questa situazione gli è capitata di recente, il che può sembrare sorprendente data la mancanza di luce solare. Questo è effettivamente possibile, ma il problema può derivare anche dall'installazione dei pannelli stessi, spiega Jonas Moormann. A volte è sufficiente ripristinare alcuni problemi tecnici o impostazioni.

READ  La siccità del Canale di Panama è così grave che stiamo già proponendo soluzioni disperate: distruggere le terre di migliaia di agricoltori.