Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un influencer francese sporge denuncia dopo essere stato espulso da Dubai: “Non espellere nessuno perché ama una donna o un uomo”.

Un caso insolito è stato aperto dalla Procura della Repubblica di Fiesole, in Francia. L’influencer francese Ibrahim Godin ha sporto denuncia dopo essere stato espulso dall’aeroporto di Dubai dalle autorità locali. Il 21enne, seguito da 600.000 persone su Snapchat e TikTok, è convinto di essere stato arrestato da un poliziotto gay con cui ha avuto a che fare. Sostiene: “Questo non è normale!”

I fatti sono avvenuti a metà maggio. Ibrahim Godin, accompagnato da un altro influente amico, ha deciso di recarsi a Dubai, la principale destinazione delle star dei social media diversi anni fa. “Il mio passaporto era valido, ho fatto il test PCR, ma il doganiere mi ha detto di andare all’ufficio immigrazione per ottenere il visto” , ricorda in un’intervista a franceinfo. Il giovane viene lasciato solo in questa stanza per sette ore senza mangiare né bere. Il suo destino è stato finalmente determinato quando un poliziotto ha annunciato la sua espulsione dagli Emirati Arabi Uniti. All’epoca non ne fu data alcuna motivazione.

Mentre lo scortava all’aereo responsabile del suo ritorno in Francia, Ibrahim ha spiegato che l’ufficiale di polizia lo stava chiamando. ” Il ragazzo che era con te non era più simile al tuo amico? “, Chiede dall’influencer. Le parole lo sconvolsero profondamente. “È stupido! Quando espelliamo qualcuno, è perché è pericoloso o non è in una buona posizione, non perché ama una donna o un uomo,” protesta.

Non “tutto è bello e roseo”

Ibrahim Godin non conosce ancora il motivo ufficiale della sua espulsione e spera di ottenere una risposta alla sua denuncia. Ma se il giovane influencer decide di pubblicizzare la sua disavventura è soprattutto perché vuole bloccare chi vuole visitare il Paese. “Dubai non è tutta bella, è tutta rosea come la vediamo sui social network,” conclude.

READ  Il 'killer di valigie' arrestato a Bali e accusato a Chicago | globalismo

Il Paese è già stato segnato da numerose segnalazioni di associazioni per i diritti umani. L’International Lesbian and Gay League (ILGA), afferma in una mappa pubblicata a dicembre 2020, che l’omosessualità è ancora vietata nel Paese. Le persone LGBT lì sono condannate a morte secondo la legge islamica. “Non ci sono prove che questa frase sia stata usata contro le persone LGBT”.tuttavia, determina Fondo per la dignità umanaun’organizzazione internazionale che usa la legge per difendere i diritti umani delle persone LGBT.

Nel suo rapporto 2021, AI condanna le gravi violazioni dei diritti umani commesse dalle autorità nel corso dell’anno. “In particolare, arresti arbitrari, trattamento crudele e disumano dei detenuti, repressione della libertà di espressione e attacchi al rispetto della privacy. L’Ong punta il dito anche contro il parziale rispetto del diritto alla salute e l’atteggiamento delle autorità nei confronti degli apolidi, privati ​​del diritto alla cittadinanza e quindi negati l’accesso a determinati servizi pubblici. “I tribunali hanno emesso condanne a morte e sono state eseguite esecuzioni ‘”, osserva il rapporto.

Human Rights Watch Sostiene che le autorità degli Emirati Arabi Uniti continuano a investire in una strategia di “soft power” per presentare il paese come progressista, tollerante e rispettoso dei diritti. “Gli Emirati Arabi Uniti continuano a impedire ai rappresentanti delle organizzazioni internazionali per i diritti umani e agli esperti delle Nazioni Unite di condurre ricerche indipendenti nel paese e di visitare carceri e centri di detenzione”. L’abbinamento aggiunge.