Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Mosca consolida la presa su Snake Island, Kiev afferma di aver affondato una nave russa

L’esercito russo ha rafforzato la sua presa sull’isola dei serpenti nel Mar Nero e ha schierato diversi sistemi di difesa, indicando che non intende abbandonare facilmente questo punto strategico nonostante le minacce poste dai nuovi sistemi di artiglieria e dal lancio di missili ucraini.

Le ultime immagini satellitari open source di quest’isola al largo delle coste ucraine e rumene consentono di distinguere tra diversi sistemi di difesa terra-aria e i russi li hanno installati anche su navi di stanza nelle vicinanze per rafforzare la bolla di protezione.

“I russi hanno schierato diversi sistemi antiaerei sull’isola che coprono diversi spettri di minaccia, cannoni antiaerei SA-13, Pantsir, Tor, ZU-23-2”, osserva il ricercatore francese Pierre Grasser, uno specialista della difesa russo associato a Sirice Laboratorio della Sorbona.

“Di recente hanno rafforzato la loro posizione, implementando diversi sistemi terra-aria, sull’isola e su edifici sparsi per l’isola. Questo ha senso strategicamente, anche di fronte a nuovi mezzi dall’Ucraina, come Caesars o The Himars ”, analizza una fonte militare francese in condizione di anonimato.

L’Occidente ha fornito all’Ucraina diversi sistemi di artiglieria mobile che le avrebbero teoricamente consentito di colpire dalle coste poste a una distanza di una trentina di chilometri al massimo, compresi i fucili Caesar francesi ma soprattutto i lanciarazzi multipli Hemars forniti dagli americani e che sono attualmente in Somewhere tra l’Europa occidentale e l’Ucraina.

“Prevediamo che questi sistemi entreranno presto in combattimento e ci impegniamo a continuare ad alimentare il flusso di munizioni”, ha affermato questa settimana il sottosegretario alla Difesa Colin Kahl.

I sistemi antiaerei attualmente schierati dai russi “non saranno in grado di intercettare i missili guidati lanciati da Himar, questo è certo”, apprezza il signor Grasser, che relativamente dice: “Sono tutti mobili, quindi i russi possono fare quello che gli ucraini hanno fatto molto bene”. Dall’inizio della guerra: spostali non appena percepiscono una minaccia imminente. Devi essere reattivo, ma è efficace, anche su una piccola isola”.

READ  Afghanistan: i talebani chiedono ai paesi musulmani di riconoscere il loro governo

Aggiunge che “Hemars non può accendere fuochi di saturazione” per arare l’intera superficie dell’isola nelle quantità a disposizione degli ucraini.

respingere l’attacco

Ha spiegato che le difese russe “esistono principalmente per contrastare la deposizione di commando ucraini sull’isola”, osservando che Kiev ha tentato un colpo di stato almeno una volta nella notte tra il 7 e l’8 maggio. I commando sono stati eliminati.

Perché l’isola è una questione importante. Dal primo giorno dell’offensiva russa, il 24 febbraio, gli attaccanti si sono assicurati questi colpi a salve. Hanno lottato per tenerlo, perdendo uomini e materiali. Inoltre, non è lontano da questa terra dove l’incrociatore Moskva è stato colpito da un missile ucraino, infliggendo il più grande disprezzo della Marina russa degli ultimi decenni.

Venerdì, gli ucraini hanno affermato di aver lanciato un missile su una nave ausiliaria russa con un sistema antiaereo a bordo vicino all’isola. Le autorità ucraine indicano che la nave attaccata venerdì sarebbe affondata dopo un attacco missilistico ucraino. Tuttavia, le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. La Russia non ha commentato la notizia.

Secondo quanto riferito, la barca è stata colpita venerdì ed è affondata nel corso della giornata, secondo le affermazioni del governatore militare di Odessa, Maxim Muurachenko, che è stato rilasciato in un videomessaggio su Telegram. Sarà Vasily Bech, un rimorchiatore di salvataggio risalente al 2017 e parte della flotta russa del Mar Nero.

“Questa nave, originariamente progettata per il salvataggio in mare, fungeva da piattaforma antiaerea improvvisata. Il sistema Tor è stato installato su di essa”, osserva Grasser.

L’analista della difesa Hay Sutton, specializzato in affari navali, crede su Twitter che “questi edifici sono usati per rifornire ‘l’isola’, che è di importanza strategica. Non è un semplice sassolino, è un’area. Ed è strategicamente strategica. Non solo militarmente ma economicamente».

READ  Francia: verso nuove misure per fronteggiare la quinta ondata di Covid?

L’isola si trova in realtà al largo della foce del Danubio, uno dei fiumi più importanti d’Europa e un’arteria commerciale per il continente. Chiunque lo controlli può prendere di mira quel bocchino. Può anche fungere da piattaforma di tiro verso Odessa o persino la Romania. Infine, ci sono giacimenti di idrocarburi nelle vicinanze.